Home / Scultura antica / Bellezze e verita’: nuova vita a Ligornetto per il Museo Vela
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Bellezze e verita’: nuova vita a Ligornetto per il Museo Vela

di Alessandra Zanchi

vela51Dal 23 giugno ha riaperto a Ligornetto, nel Canton Ticino, il Museo Vela, istituzione di proprietà della Confederazione elvetica e gestita dall’Ufficio federale della cultura. L’edificio ottocentesco è stato ristrutturato integralmente su progetto del noto architetto Mario Botta e si presenta con un nuovissimo allestimento curato dalla direttrice Gianna Mina. A lei chiediamo di raccontare brevemente la storia del Museo, nato per volere dello scultore Vincenzo Vela (1820-1891), che è attualmente una delle più importanti case-museo e soprattutto un raro esempio di gipsoteca in perfetto stato di conservazione. Vincenzo Vela concepì da subito la sua villa a Ligornetto come casa-museo, quindi come abitazione ma anche come atelier e luogo di esposizione delle sue opere. L’edificio fu costruito in tre anni, a partire dal 1862, su progetto dell’architetto del Duca di Genova, Cipriano Ajmetti, e lo scultore vi si trasferì con la famiglia nel 1867, dopo 14 anni trascorsi a Torino, dove aveva insegnato all’Accademia Albertina. Già l’anno successivo la villa fu aperta al pubblico, che poteva così ammirare i bozzetti e i modelli dell’artista, qui trasferiti integralmente dallo studio torinese e a cui si aggiunsero col tempo quelli eseguiti a Ligornetto. Dopo la morte di Vincenzo, il figlio Spartaco donò la villa e tutte le collezioni alla Confederazione elvetica; nel 1898 la struttura fu designata ufficialmente “Museo Vela”, divenendo il secondo museo federale, dopo il Museo Nazionale Svizzero a Zurigo. Occorre ricordare che si tratta di un esempio museale direi unico in Europa: voluto da un artista ancora giovane (nei pur celebri casi di Canova o Thorwaldsen, si tratta invece di gipsoteca postuma o tardiva) e che racchiudeva in un unico complesso vita e lavoro, collezioni di famiglia e museo con una completezza veramente rara, mantenutasi fino ad oggi, a cui si integra il magnifico parco ripulito e riordinato come lo era all’epoca.
Dottoressa Mina, ci parli ora dell’intervento architettonico e di come si è inserita sulla struttura storica la moderna rivisitazione di Mario Botta.
L’edificio della villa ottocentesca costruito da Isidoro Spinelli su progetto di Ajmetti era una struttura ormai inadeguata rispetto alle necessità tecnico-funzionali di oggi. Si è provveduto innanzi tutto a rimodernare gli impianti tecnici (elettrico, di sicurezza, e così via), il collegamento dei tre piani, con scale e ascensore, e il vasto e attrezzato deposito nel piano interrato. Oltre al riordino della corte a nord e dell’edificio esterno, gli interventi consistenti pensati dall’architetto Botta sono stati rivolti all’interno per creare un rapporto visivo diretto fra il centro della villa e gli spazi retrostanti, con l’innalzamento e l’allargamento dell’apertura che dall’abside introduce all’ottagono centrale. La volontà di Botta è stata quella di modificare fortemente il primitivo spirito “domestico” della “casa d’artista”, con i locali legati a precise funzioni abitative, per sottolineare, attraverso le sale perimetrali rese “neutre”, l’eccezionalità dell’ottagono. Spazio di riferimento in grado di offrire orientamento e misura ai visitatori.
Il suo nuovo allestimento invece sottolinea i punti forti di quello originale, tramandato da documenti iconografici e descrittivi. Può illustrarci gli aspetti più importanti?
Il nuovo allestimento presenta molte più opere rispetto al precedente proprio per avvicinarsi il più possibile all’originale e creare così un interessante connubio tra antico e moderno. Mentre le principali opere di Vela si trovano riunite per temi nelle sale perimetrali, il grande salone centrale torna oggi ad essere dominato dalla poderosa statua equestre del Duca di Brunswick, allontanata nel corso del Novecento; intorno ad esso è stato ricreato il “pantheon” di uomini illustri del Risorgimento italiano, con molti splendidi ritratti. L’idea è stata quella di ripristinare l’atmosfera del “sacrario” ottagonale così come lo aveva voluto l’artista, con il suo straordinario affollamento di monumenti, busti, rilievi e medaglioni esposti in registri sovrapposti. Atmosfera alquanto singolare, se si pensa che è la testimonianza di una fase importantissima della storia italiana ospitata in suolo elvetico.
La tecnica della scultura ottocentesca con la creazione dei modelli in gesso delle stesse dimensioni del «prodotto» finale, quindi spesso e volentieri monumentali (non per nulla siamo nel secolo delle grandi opere commemorative), richiedeva una lavorazione assai complessa. Vela ci ha lasciato importanti testimonianze documentarie del suo procedimento creativo, e soprattutto ha voluto preservare i suoi modelli come sculture autonome. Desiderio autocelebrativo ma anche un’esperienza educativa ed emozionale unica sia per il pubblico dell’epoca che per quello di oggi. Cosa ne pensa?
L’intento di Vela fu certamente autocelebrativo, proprio perché l’artista, nel pieno vigore della sua carriera, era ben consapevole del suo successo. Tuttavia, aprendo la villa al pubblico, da buon padrone di casa affabile e generoso qual era (come si tramanda sin dalle prime testimonianze), egli coniugava l’intento di stupire con quello di fornire un’esperienza di arricchimento culturale agli ospiti (che ai tempi non potevano però accedere all’atelier). Oggi più che mai, invece, il nuovo allestimento, con i freschissimi bozzetti in terracotta e gesso al piano terreno e con le interessantissime fotografie, consente al visitatore moderno di capire come lavorava l’artista. Dalla prima fase di documentazione nella biblioteca – che avveniva con l’aiuto della colta consorte Sabina -, al disegno, al bozzetto e via via fino al modello in gesso e poi all’opera finale.
Le collezioni del Museo Vela non comprendono solo la gipsoteca di Vincenzo. Può illustrarci i nuclei più importanti delle opere dello scultore e degli altri artisti della famiglia?
Il museo conserva oltre 4.300 pezzi. Accanto alle opere di Vincenzo, tra cui si annoverano nuove rilevanti attribuzioni, vi sono la pinacoteca con i dipinti della sua collezione, la biblioteca di famiglia e una preziosa raccolta di fotografie d’epoca del tutto inedite. Ma non si possono dimenticare i lasciti del figlio e pittore Spartaco e del fratello Lorenzo, scultore animalista misconosciuto, con i suoi modelli in gesso, le sculture in marmo e in terracotta e la sua raccolta personale di quadri ottocenteschi lombardo-piemontesi.
Ci parli infine della mostra inaugurale “Bellezze e verità. Le collezioni dell’Ottocento”. Quali sono le novità esposte?
La mostra, presentata nelle sale al primo piano, che anche in futuro ospiteranno esposizioni temporanee, offre al pubblico l’occasione di ammirare sculture di Vincenzo e Lorenzo Vela da poco restaurate e solitamente conservate nei depositi, non trovando posto nell’allestimento permanente. Vengono così rivalutati nuclei tematici un poco trascurati quali il ritratto d’infanzia e la scultura di genere, nel caso di Vincenzo, o la scultura di ispirazione letteraria, nel caso del fratello. Particolarmente interessanti, inoltre, le fotografie con dedica di opere di allievi che testimoniano l’attività accademica di insegnante del grande scultore ticinese.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni:
MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri
 

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

   

Royal Talens: il rinomato brand - fondato nel 1899 e da sempre sinonimo di grandissima qualità - ha presentato  il suo più prestigioso set di pittura ad olio. Se si vuole acquistare o regalare il meglio del meglio ecco l'Edizione 'Excellent' in custodia in legno – Con vernice, tavolozza e pennelli. La vernice ad olio della gamma Rembrandt è realizzata con la più elevata concentrazione possibile di pigmento finemente macinato, con tutte le 24 pitture del set classificate come resistenti per 100 anni alla luce.Clicca qui per visualizzare e acquistare i prodotti Royal Talens

Royal Talens – Scatola con colori ad olio Rembrandt – Edizione 'Excellent' in custodia in legno – Con vernice, tavolozza e pennelli - Acquistala qui

E' possibile acquistare anche un set più accessibile al grande pubblico,  il Royal Talens - Rembrandt Oil Colour Box - Master Gold Edition. Meno colori e meno accessori, ma qualità massima.

Royal Talens - Rembrandt Oil Colour Box - Master Gold Edition - Acquistala qui

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland

Old Holland: Colori - Qui trovi una selezione di colori a olio

WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg

Williamsburg olio Signature colori Set - Prezzo: EUR 63,70 + EUR 11,77 di spedizione

WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabil e Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON

Winsor & Newton Winton Oil Assortimento 10 Tubi 37 ml Assortiti - Prezzo consigliato: EUR 51,30 Prezzo OFFERTA: EUR 43,90 | Spedizione 1 giorno Risparmi: EUR 7,40 (14%) Tutti i prezzi includono l'IVA.

REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Narciso Bresciani, quando la metamorfosi crea un rifugio poetico, in equilibrio tra sé e il mondo

Luca Quercia, uno stormo di uccelli è lontano, mentre le gabbie oscillano nel vuoto