Home / Fotografia / Borgogni, un nuovo modo di disegnare con la luce
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Martino Borgogni, "Che rabbia", 2013. fotografia digitale su forex, 50x70. Opera al primo posto della sezione fotografia, over 25, del Premio Nocivelli

Borgogni, un nuovo modo di disegnare con la luce

Stile Arte intervista Martino Borgogni, che si è aggiudicato il primo posto nella sezione fotografia, categoria over 25, del Premio Nocivelli 

Iniziamo con una breve scheda anagrafica. Sotto il profilo della produzione artistica può immediatamente specificare il suo orientamento stilistico ed espressivo?

Sono nato nel 1973 a Firenze dove vivo e lavoro. Non conosco il mio orientamento stilistico, però posso dire che quando inizio una fotografia il mio desiderio finale è quello di ottenere un’immagine che porti con se il fascino della prima fotografia che ho tenuto in mano da bambino. La sensazione di poter toccare per sempre quello che vedono gli occhi, mi ha sempre dato un’idea di immenso.

Il lavoro che faccio è quello di togliere tutto quello che non serve all’immagine che voglio vedere. Le nostre macchine fotografiche con la loro “altezzosa definizione” infarciscono di dettagli inutili le immagini, distogliendo l’attenzione dalla forma del soggetto e dal suo significato.

Nell’ambito dell’arte, della filosofia, della politica, del cinema o della letteratura chi e quali opere hanno successivamente inciso, in modo più intenso, sulla sua produzione? Perché?

Per mia fortuna tutti i giorni trovo degli idoli da adorare. Ascolto molta musica, leggo un libro a settimana, guardo un film tutte le sere, penso all’arte in ogni momento, la politica mi rende costantemente arrabbiato ma cerco di prenderla con filosofia!

Sono cresciuto cercando di capire da dove provenisse la luce che illumina le opere del Caravaggio, sono rimasto incantato dalla magia dei fiori di Ogawa e dalla semplicità delle forme di Hokusai, non mi stanco mai di rivedere Avalon di Mamoru Oshii, la sua fotografia non è mai stata vista prima in nessun altro film. Ammiro la poesia che improvvisamente esplode tra le righe dei racconti di Raymond Carver.

Può analizzare nei temi e nei contenuti l’opera da lei realizzata e presentata al Premio Nocivelli, illustrando le modalità operative che hanno portato alla realizzazione?

La mia opera si intitola “che Rabbia”, e vuole essere un’immagine di protesta contro l’educazione di questo sentimento.

La rabbia è un’emozione primitiva basilare dell’uomo, e la sua manifestazione è espressione della cultura e dell’educazione di una persona. La rabbia durante tutto il corso della nostra educazione tende ad essere inibita e soffocata in cambio di una quieta socialità, ma cosi facendo si perde anche la sua funzione di sorgente di forza e moto al cambiamento. La rabbia si manifesta perché si abbia l’energia, la forza per rimuovere la causa che l’ha generata, soffocandola non si ottiene il compimento della sua funzione primaria.

Credo che sia per questa ragione che la nostra vita è piena di cose che ci fanno arrabbiare veramente ma non facciamo nulla perché queste cose cambino. Dovremmo prestare più attenzione alla nostra rabbia, imparare ad incanalare la sua forza non vergognarsi di esternarla, dobbiamo rendere dignità a questo sentimento restituendoli la sua funzione e smetterla di utilizzare il suo nome solo per finta o in comuni occasioni come quando finisce qualcosa in casa. Nel mio caso è finito il tè!

Ho realizzato quest’opera seguendo una tecnica che ho ideato personalmente e che utilizzo per tutti i miei lavori. Scatto una prima fotografia a colori che stampo su una pellicola monocromatica di grande formato e poi monto su un telaio. Successivamente scatto una nuova fotografia per trasparenza con lunghi tempi di posa ed utilizzando diverse sorgenti di luce che modulo durante lo scatto con vari oggetti che utilizzo come fossero pennelli ottenendo l’immagine che desidero. In questo modo mi piace dire che restituisco dignità alla definizione della parola fotografia, disegnare con la luce.

Indirizzi di contatto 

R. martino.borgogni@borgm.com

www.borgm.com

www.borgogni.it

IL REGOLAMENTO, IL MONTEPREMI E LE OPPORTUNITA’ OFFERTE DAL NUOVO BANDO DEL PREMIO NOCIVELLI. CLICCA QUI SOTTO

http://www.premionocivelli.it/home.pag

SE HAI GRADITO IL SERVIZIO E STILE ARTE, VAI ALL’INIZIO DELLA PAGINA E CLICCA MI PIACE

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni: MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri  

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg  WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Sai cos’è esattamente l’alchimia? In poche righe la spiegazione. Il rapporto con la pittura

Neuroestetica – Ritratti e muscoli facciali. Come percepiamo le espressioni