Home / News / Bortolo Schermini, romantico misconosciuto
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Bortolo Schermini, romantico misconosciuto


Quanti, varcata la soglia del santuario di Santa Maria delle Grazie, sostano innanzi al quarto altare destro, possono osservare la grande pala con i Santi Antonio da Padova, Antonio abate e Nicola da Tolentino recante gli stilemi di Alessandro Bonvicino, Moretto. Ma il dipinto è soltanto una copia eseguita da Bortolo Schermini (Brescia 1841-1896) dopo che nel 1890 l’originale è stato trasferito alla Pinacoteca Tosio Martinengo. A oltre un secolo dalla scomparsa, Bortolo Schermini appare un Carneade della pittura bresciana, nonostante in vita abbia goduto notevole considerazione giungendo a esporre accanto ai noti Campini, Ariassi, Faustino Joli, Cesare Bertolotti, Angelo Inganni, Amus, Lombardi, Faustini… Già durante gli studi presso la Scuola di disegno le sue doti gli erano valse premi nel corso di figura. Poco più che ventenne, dal 1862, impegnato quale addetto alla cancelleria del XVIII Reparto di stanza a Mondovì, ma operoso anche a Napoli e Firenze, fino alla campagna del 1866, poté comunque affinare la preparazione artistica alla visione dei capolavori di cui le città frequentate sono ricche; di quel periodo restano pure alcune vedute della campagna romana.

Allievo del Bertini presso l’Accademia milanese di Brera, consegue l’abilitazione all’insegnamento del disegno, meritando nel contempo una pensione elargita dal munifico Camillo Brozzoni. Ulteriori riconoscimenti acquisisce si a esponendo in Brescia, sia partecipando a manifestazioni lontane, come l’Esposizione universale di Vienna dove, nel 1873, “L’addio” lo addita quale originale pittore romantico. Il quadro è rappresentativo della produzione dell’artista nostro, annoverante fra altri soggetti quali “Bambina”, “Cardinale”, esposti in città nel 1875, così come “Mamma non piangere”, “Costume del primo impero” degli estremi anni Settanta. Particolarmente ammirato il volto di donna anziana (da alcuni ritenuto ritratto della madre del pittore) rilevato nel 1879 a Palazzo Bargnani ed oggi appartenente alle collezioni civiche. La piccola testa reca la soave espressione del viso emergente dal fondo scuro, la luce inonda e marca i lineamenti, vivacizza l’acuto sguardo volto all’osservatore. La considerazione acquisita porta Schermini a fare parte di commissione giudicatrice che nel 1880 attribuisce a Francesco Filippini la pensione triennale di perfezionamento in Milano; altrettanto è apprezzata la sua attività di docente che alfine, nel 1882, gli consente di portare all’altare Rachele Cappelletti, milanese di agiata famiglia, che lo rende padre di Luigi, nato nel 1883, e Giuseppe, deceduto immaturamente.

Dal 1884 al 1887 lo studio allestito in via Consolazione rimane pressoché deserto perché l’artista ha intrapreso un viaggio che lo ha portato a Nizza e Marsiglia. Ma con il ritorno a casa si rinnovano gli impegni per soddisfare le richieste di ritratti, sia la partecipazione a rassegne indette dall’Arte in famiglia o dal Circolo artistico ponendo in luce vari motivi, dal “Ritratto di Achille Coen” a “Gioie materne”, “Peonie”, “S’ingioiella la sposa”, “Menestrello”, “Offerta votiva”… alcuni dei quali confluiti nelle raccolte municipali. Scomparsa nel 1891 la diletta sposa, l’attività creativa di Schermini accusa brusco rallentamento, fino al giorno della morte, avvenuta dopo un periodo di ristrettezze: e con essa il sopravvenire di una dimenticanza che perdura e che andrebbe presto colmata. (riccardo lonati)

Valutazione gratuita quadri e oggetti - Come vendere e guadagnare da casa - Fare gli artisti e guadagnare

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Serial killer & artisti, l’analisi del criminologo

“Uffa, questa primavera. Adesso basta!”. Deliri sensoriali in Rowlandson (1815)

Condividi
Tweet
+1
Condividi
WhatsApp