Press "Enter" to skip to content

Posts published in “archeologia”

Antichi amuleti – I diversi significati delle gemme romane che agivano contro il Male

Dei dell’Olimpo, animali mitologici, biblici condottieri. Ecco i soggetti ricorrenti delle gemme antiche, usate come amuleti contro le maledizioni e la cattiva sorte.Le “gemme magiche” comprendono una variegata categoria di intagli in pietre semipreziose, scelte in base alla loro presunta capacità di contrasto degli influssi negativi. Nell’età classica, uno dei soggetti ricorrenti era Tyche, la dea alata della Fortuna, che presiedeva alla prosperità della città

Un bracciale d'oro al polso del morto. Gioielli e oggetti preziosi sotto la cenere di Pompei

Un altro fuggiasco portava invece con sé una cassettina in legno e bronzo con 40 monete d’oro e 175 in argento, anch’essa esposta. Al momento dell’eruzione nel 79 d.C. due adulti e un bambino cercarono riparo nel sottoscala di uno degli ambienti di servizio della lussuosa Casa del Bracciale d’oro. Le vittime che in questo ambiente trovarono la morte, sono commemorabili attraverso i calchi esposti

Fate gli investigatori. Un filmato strano. Tombaroli o invenzione?

Giudicate voi, dagli indizi e dalle immagini di questo filmato, spuntato dal web e, molto probabilmente, proveniente dall'America latina, come par di capire dalle persone che compiono la ricerca e dallo stile del manufatto che - forse - viene ritrovato o "fatto ritrovare". Tombaroli in azione? Oppure qualcuno che intendeva accreditare, con un video, un ritrovamento? Trasformatevi in investigatori. Ciò che appare strano sono i tempi nei quali viene messa in scena il presunto ritrovamento... Scrivete la vostra analisi sulla nostra pagina facebook

Morti abbracciati Pompei. Esami del Dna. Non erano parenti. Due uomini? Due fidanzati? Lo studio

In occasione dei recenti restauri condotti sui calchi di Pompei, dagli studi antropologici e dalle analisi del DNA su due corpi della casa del Criptoportico rinvenuti durante gli scavi di inizio ‘900, sono emersi sorprendenti risultati in grado di ribaltare la teoria di pertinenza di genere delle due vittime dell’eruzione. All’epoca del rinvenimento (1914) l’allora Soprintendente Vittorio Spinazzola reputò che i due corpi ritrovati distesi e vicini, l’uno con la testa nel grembo dell’altro, appartenessero a due donne

I radar indicano un tesoro dietro il muro della tomba di Tutankamon. E' la stanza di Nefertiti?

Utilizzando apparecchiature messe a punto da un'impresa spagnola, che risulta tra le migliori al mondo nel campo della ricerca tecnologica applicata ai Beni culturali, gli studiosi, nel mese di marzo, scenderanno nella mitica tomba del faraone egizio per "aprire" un varco elettronico nella sala murata. Poi, anche attraverso microtelecamere, sarà possibile entrare visivamente e non invasivamente nella camera funebre per intatta dai tempi della sepoltura di una seconda persona, che condivide, per l'eternità, l'appartamento funebre del giovane faraone, morto a 19 anni anni

Nelle viscere di Verona alle radici del tempio scomparso

messo in luce un tratto del portico sotterraneo (criptoportico) che su tre lati circondava il Capitolium, il principale tempio cittadino dedicato alle tre divinità Giove, Minerva, Giunone.
Edificato nella seconda metà del I sec. a.C. sul lato settentrionale del Foro, l’edificio era caratterizzato da un fronte largo 35 m (con tre file di sei colonne), tre celle e portici ai lati, ed era lungo circa 42 m. Scavato e reso fruibile al pubblico il criptoportico

Video – Bismantova e la montagna incantata, arte e cultura degli antenati all’ombra delle sacre rocce

Un monte che pare un altare e una fortificazione naturale. Un altare aperto verso il cosmo, nel Reggiano.
Campo Pianelli era sicuramente un sito strategico, posto ai piedi della Pietra di Bismantova in un punto dove erano presenti numerose sorgenti che invece mancavano sul pianoro sommitale, che però costituiva un vicino e sicuro rifugio in caso di emergenza. Una mostra archeologica al Palazzo Ducale di Castelnovo ne' Monti

L'Ombra della sera, il fascino di un bronzetto dell'Aldilà

Le dimensioni filiformi del giovinetto non hanno ancora trovato spiegazioni concordi, anche se l'idea che la scultura rappresentasse fosse l'ombra lunga della sera che introduce agli spazi notturni della morte può trovare ancora credito. Un confronto tra l'opera etrusca del III secolo a.C. e le opere di Giacometti, che guardò affascinato alla forza mitica del reperto archeologico

Morgantina, storie di tesori che volano in America e riprendono la via di casa

Sabato 10 ottobre alle 10,30 nell'aula Stabat Mater della Biblioteca dell'Archiginnasio di Bologna, organizzata dall'Associazione BiblioBologna, si terrà una conferenza di e su Morgantina: l'importante sito archeologico nel cuore della Sicilia, e di tutta la sua storia fatta di rinvenimenti e purtroppo anche di scavi clandestini, furti e trafugamenti di reperti dai luoghi delle scoperte con viaggi di chilometri e miglia che portarono inestimabili opere e manufatti artistici dell'Antichità greco-siciliana oltralpe e oltreoceano. Da quei luoghi lontani, finiti in musei come il Getty di Malibù o il Metropolitan di New York, sono stati recentemente restituiti

Il Mibac stanzia d'urgenza 300 mila euro per l'intervento sulla polis greca di Kaulonia

Il Ministero dei Beni e delle attività culturali e del Turismo ha previsto lo stanziamento urgente e straordinario di 300 mila euro per un primo intervento urgente di messa in sicurezza del sito, somma che sarà messa immediatamente a disposizione della Soprintendenza per i beni archeologica della Calabria.