Press "Enter" to skip to content

Articoli pubblicati in “archeologia”

Nelle viscere di Verona alle radici del tempio scomparso

messo in luce un tratto del portico sotterraneo (criptoportico) che su tre lati circondava il Capitolium, il principale tempio cittadino dedicato alle tre divinità Giove, Minerva, Giunone.
Edificato nella seconda metà del I sec. a.C. sul lato settentrionale del Foro, l’edificio era caratterizzato da un fronte largo 35 m (con tre file di sei colonne), tre celle e portici ai lati, ed era lungo circa 42 m. Scavato e reso fruibile al pubblico il criptoportico

Video – Bismantova e la montagna incantata, arte e cultura degli antenati all’ombra delle sacre rocce

Un monte che pare un altare e una fortificazione naturale. Un altare aperto verso il cosmo, nel Reggiano.
Campo Pianelli era sicuramente un sito strategico, posto ai piedi della Pietra di Bismantova in un punto dove erano presenti numerose sorgenti che invece mancavano sul pianoro sommitale, che però costituiva un vicino e sicuro rifugio in caso di emergenza. Una mostra archeologica al Palazzo Ducale di Castelnovo ne' Monti

L'Ombra della sera, il fascino di un bronzetto dell'Aldilà

Le dimensioni filiformi del giovinetto non hanno ancora trovato spiegazioni concordi, anche se l'idea che la scultura rappresentasse fosse l'ombra lunga della sera che introduce agli spazi notturni della morte può trovare ancora credito. Un confronto tra l'opera etrusca del III secolo a.C. e le opere di Giacometti, che guardò affascinato alla forza mitica del reperto archeologico

Morgantina, storie di tesori che volano in America e riprendono la via di casa

Sabato 10 ottobre alle 10,30 nell'aula Stabat Mater della Biblioteca dell'Archiginnasio di Bologna, organizzata dall'Associazione BiblioBologna, si terrà una conferenza di e su Morgantina: l'importante sito archeologico nel cuore della Sicilia, e di tutta la sua storia fatta di rinvenimenti e purtroppo anche di scavi clandestini, furti e trafugamenti di reperti dai luoghi delle scoperte con viaggi di chilometri e miglia che portarono inestimabili opere e manufatti artistici dell'Antichità greco-siciliana oltralpe e oltreoceano. Da quei luoghi lontani, finiti in musei come il Getty di Malibù o il Metropolitan di New York, sono stati recentemente restituiti

Il Mibac stanzia d'urgenza 300 mila euro per l'intervento sulla polis greca di Kaulonia

Il Ministero dei Beni e delle attività culturali e del Turismo ha previsto lo stanziamento urgente e straordinario di 300 mila euro per un primo intervento urgente di messa in sicurezza del sito, somma che sarà messa immediatamente a disposizione della Soprintendenza per i beni archeologica della Calabria.

Nelle viscere di Milano, riaperto il Foro romano

Il Foro sorge proprio alle fondamenta della Pinacoteca milanese, nell’area urbana attualmente compresa tra piazza Pio XI, piazza San Sepolcro e via della Zecca, che ospitava la platea forensis, la sede dei principali edifici pubblici: la Curia (luogo di riunione del Senato locale), la Basilica (in cui era amministrata la giustizia), il Capitolium (il tempio dedicato alla “Triade Capitolina”: Giove, Giunone e Minerva), le tabernae (negozi, botteghe artigiane, luoghi di ristorazione).

Le ossa raccontano vita, cure e malattie degli antichi romani

Attraverso un’analisi necessariamente interdisciplinare, si sta stabilendo una relazione tra condizioni di vita, malattie e terapie specifiche delle comunità a cui si riferiscono i campioni antropologici provenienti da sei sepolcreti romani di epoca imperiale, di notevole rilevanza scientifica, portati alla luce durante
i lavori di archeologia preventiva condotti dalla Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma. Leggi qui gratis il catalogo della mostra, prodotta al termne della ricerca

Caulonia antica, qui abitano i discendenti delle Amazzoni

La vita della colonia greca sulle coste del Mar Ionio, ricordata dalle fonti per essere stata fondata da Klete, la nutrice di Pentesilea, regina delle Amazzoni, viene raccontata attraverso la storia di un quartiere abitativo (San Marco nord-est), che ebbe una vita molto lunga e densa di trasformazioni (dall’VIII secolo a.C. all’epoca romana imperiale) e il cui svolgimento si può seguire grazie ai reperti esposti nella mostra a Firenze