Arte e moda

Cos’è il rosso Tiziano? Le modelle di ieri e di oggi che scelgono il colore rinascimentale. Il video

Il modello era quello dei capelli di Lesbia, l'amante di Catullo, che, come tutte le romane antiche, amava le decolorazioni dei capelli. Di fatto, le donne di ogni classe sociale urbana, nel Cinquecento, provvedevano con i loro unguenti naturali, restando poi al sole affinchè le sostanze entrassero in azione. Risulta anche molto diffusa la moda della decolorazione tra i giovani maschi; passata l'età della giovinezza, subentravano, per gli uomini, tinte molto scure, ebanizzate, che avevano la funzione di rendere severa l'espressione del volto e al tempo stesso offrire l'idea di un vigore che se ne stava andando. La moda di oggi accoglie anche quelle antiche suggestioni, preferendo tinte tonalmente molto morbide e dolci, che non induriscono i tratti del volto,, come quelle di Tiziano

Leggi Articolo »

Stile senza tempo

Approda a Milano la retrospettiva dedicata a Giorgio Armani. Per la prima volta le sale della Triennale, trasformate nell’occasione da un allestimento di Robert Wilson, ospitano un’esposizione che omaggia un protagonista della moda mondiale

Leggi Articolo »

Sarto d’artista

Nel suo atelier bolognese, Guido Bosi crea da sempre abiti-capolavoro per celebrità. Tra i suoi clienti ed amici si annoverano i protagonisti dell’arte internazionale: da Chagall a Matta, da Man Ray a Fontana, da Miró a Capogrossi. E da collezionista appassionato ha radunato negli anni una straordinaria galleria di quadri e sculture

Leggi Articolo »

Missoni e le voci della luna

Inizia da questo numero, dalle pagine della nostra rivista, una serie di confronti tra arte e moda. Capolavori della pittura di ogni tempo verranno “riletti” specularmente alle creazioni di uno dei maggiori stilisti contemporanei, Ottavio Missoni; e con esse indagati, per ritrovare insieme affinità e rimandi cromatici e compositivi, di forma e di contenuto. Un’operazione di straordinario interesse, quella che proponiamo al lettore, un viaggio affascinante che s’arricchirà di continue scoperte, riconfermando una volta di più - se ce ne fosse bisogno - l’assoluta dignità artistica che assume la moda quando può avvalersi del talento e delle intuizioni di una “grande firma” del settore. E’ doveroso ricordare infine che la rubrica nasce grazie all’interesse e alla collaborazione di Ottavio Missoni, che ringraziamo per la cordiale disponibilità.

Leggi Articolo »