Home / Arte erotica (pagina 43)

Arte erotica

Una tavola erotica di Fameni Leporini. Cosa rappresenta? E cosa c’entra con la politica?

A prima vista, l'immagine, molto sensuale e intensa, e caratterizzata da una grande capacità di dominio dell'accurata descrizione anatomica e delle psicologie, sembrerebbe rappresentare una scuola di ballo nella quella irrompe un gruppo di ragazzi, disposti a tutto. Probabilmente l'equivoco percettivo della scuola di ballo, dotata di spalliere, fu pensato dal misterioso disegnatore Fameni Leporini (Parigi, 1888) per creare un'atmosfera di potenziata effrazione

Leggi Articolo »

L’ultimissimo video di Milo Moiré, corpo gioioso tra le acque. Depose uova colorate dal “grembo” e divenne famosa

"Fluid Ecstasy", il ritorno alle origini, è un artistico video di lavori subacquei di Peter Palm, che ha realizzato nell'isola di Mauritius con l'artista concettuale Milo Moiré. Ricco di una sessualità ingenua, edenica e infantile, cortometraggio rivela, prospettive surreali di grazia sul femminile. L'opera è uscita da poche ore e prosegue il percorso performativo della bellissima artista tedesca, ma di origine svizzera, che aveva stupito il mondo, inserendo nella vagina uova piene di acrilico, che poi partoriva, creando quadri con esplosioni colorate.

Leggi Articolo »

Papiro 55001, come facevamo l’amore ai tempi degli Antichi Egizi

E' il più ampio testo di illustrazione erotica dell'antichità egizia. E' contenuto nel papiro 55001, un fragilissimo documento che risale al 1150 prima della nascita di Cristo, quando in Egitto dominava la dinastia di Ramses e quando da noi la cultura era ancora piuttosto arretrata. Tanto per intenderci. Proprio in quegli anni sarebbe stata in corso la guerra di Troia, mentre in Sicilia sarebbe nata Trapani, probabilmente la più antica città d'Italia. Il papiro 55001 ci racconta invece di una cultura raffinata, al di là dal mare. Raffinata artisticamente e pure sessualmente.

Leggi Articolo »

L’ermafrodita e la suora: due dei piaceri del rivoluzionario francese disegnati per Mirabeau

Fu forse anche per queste violente ferite che gli erano state inferte dal destino, aggravate dal vaiolo, che Mirabeau scelse di contestare tutto e tutti, ostentando il proprio comportamento provocatorio. La connversione del conte al libertinaggio è raccontata nel libro firmato dallo stesso e illustrato da Devéria un ottimo pittore francese, particolarmente abile nella realizzazione di tavole erotiche L'opera è "Le libertin de qualité, ou ma conversione", dal quale sono state tratte incisioni colorate dallo stesso pittore.

Leggi Articolo »

Milo Moiré, ecco il video dello scandalo d’arte che ha portato all’arresto della performer a Parigi

Conclusa l'emergenza dell'arresto, per essersi presentata nuda non lontano dalla Tour Eiffel, tra turisti, mentre scattava selfie, l'artista svizzera, da anni trasferitasi in Germania, torna all'attacco con il video delle sue performance estive, tra la folla. Non c'è nulla d'osceno, nelle sue pose, nulla di forzato.E' la scioltezza di un nudo femminile, tra la gente. Nata nel 1983 in Svizzera, da una famiglia slovacco-spagnola, Milo Moiré si è laureata in psicologia, nel 2011, all’Università di Berna, dopo un percorso contrassegnato da una formazione artistica, con corsi che le avevano permesso di conseguire il diploma in disegno e pittura

Leggi Articolo »

O Cielo, mio marito! Quando lui sorprende lei con un altro. A partire dal Tintoretto

La registrazione dell'attimo gravemente sfortunato, ma eccitante per i voyeurs, non certo per chi calca una scena così scomoda e orribile, fu codificato dalla pittura antica con la vicenda sfortunata di Marte, Venere e Vulcano. Una storia di tutti i tempi. Vulcano è vecchio, ma ricchissimo, perchè sta tutto il giorno in officina - nel suo antro - a produrre strumenti di metallo. La mogliettina, giovanissima e attraente - come può essere Venere, appunto - vive nell'agio e si annoia un po', ma soprattutto è attratta dalla giovinezza vigorosa di Marte, dio della Guerra che non lesina sforzi negli agoni amorosi

Leggi Articolo »

1910. Nei disegni di Leporini l’Eros in vacanza lavora il doppio: pic-nic, passeggiate, gite e tanto sesso

Fameni Leporini è uno di quei nomi misteriosi di pittori che si legano al mondo dell'illustrazione, cercando una copertura rispetto all'attività principale. Di lui si dice che sia nato a Parigi nel 1888. Si è invece certi del fatto che è stato l'autore delle immagini per gli scritti del marchese de Sade e che ha prodotto una serie di disegni eroticamente espliciti, diversi dei quali legati all'eros all'aria aperta, durante le vacanze, la villeggiatura, lo sport. Fatto nuovo, dovremmo dire, perchè è proprio negli anni in cui l'artista nasce che tutti si scoprono salutisti, sportivi, amanti del sole e della luce.

Leggi Articolo »

1926. Nei disegni erotici di Rojan la storia di Radiguet, il 14enne che seduceva donne adulte. Il Diavolo in corpo

Quindi nel 1919, si era legato alla pittrice pittrice Irène Lagut, poi con Bronia Perlmutter, mannequin alla casa di moda Poiret e futura moglie de René Clair. Radiguet aveva frequentato, e non si sa quanto in maniera platonica o carnale, Valentine Hugo, Thora de Dardel, Marcelle Meyer, Mary Beerbohm, et Bolette Natanson, senza contare Eugénie Cocteau, la madre di Jean, Misia Sert e Coco Chanel. Questo lungo elenco getta una luce particolare sulla necessità drammatica di consumare ogni esperienza, con una rapidità tale che sembra incarnare il mito della sessualità eversiva e presagire una morte vicina, che sarebbe effettivamente avvenuta il 12 dicembre 1923, a causa di una febbre tifoide

Leggi Articolo »

Leonardo, l’intensa erezione del pene dell’angelo incarnato. Perchè?

Un disegno del Genio rinascimentale, che raffigura una figura angelica ermafrodita con il pene in erezione. Una frase biblica che allude all'incesto - L’opera fu ceduta nell’Ottocento da un’imbarazzata corte inglese a collezionisti tedeschi con altre undici, tutte di soggetto “abominevole”, secondo la definizione della nipote di Goethe, che ne vide una a Weimar - Lo scopritore è Carlo Pedretti, il maggior esperto mondiale di Leonardo, che dichiara a Stilearte: “Giuste e doverose le interpretazioni psicoanalitiche, ma penso che quella volta il Maestro avesse anche una gran voglia di divertirsi”.

Leggi Articolo »