Le donne nell’arte

La dolcezza e il dolore, monumento d’amore alla moglie morta

Nel 1872 Giovanni Battista Lombardi (1822-1880) dà avvio al suo più intenso ritratto ambientato a figura intera, il Monumento dedicato a Emilia Lombardi Filonardi, scolpito per la giovane moglie prematuramente scomparsa. Nella composizione, se da un lato la collocazione al Cimitero Verano suggerisce il genere dell’opera, dall’altro si assiste all’intrecciarsi e sovrapporsi di modalità espressive appartenenti a contesti rappresentativi diversi, con il risultato di una stupefacente sintesi espressiva e stilistica.

Leggi Articolo »

Cos’è il rosso Tiziano? Le modelle di ieri e di oggi che scelgono il colore rinascimentale. Il video

Il modello era quello dei capelli di Lesbia, l'amante di Catullo, che, come tutte le romane antiche, amava le decolorazioni dei capelli. Di fatto, le donne di ogni classe sociale urbana, nel Cinquecento, provvedevano con i loro unguenti naturali, restando poi al sole affinchè le sostanze entrassero in azione. Risulta anche molto diffusa la moda della decolorazione tra i giovani maschi; passata l'età della giovinezza, subentravano, per gli uomini, tinte molto scure, ebanizzate, che avevano la funzione di rendere severa l'espressione del volto e al tempo stesso offrire l'idea di un vigore che se ne stava andando. La moda di oggi accoglie anche quelle antiche suggestioni, preferendo tinte tonalmente molto morbide e dolci, che non induriscono i tratti del volto,, come quelle di Tiziano

Leggi Articolo »