Le piante nell’arte

Il giardino di marmo

La facciata del duomo di Lucca può essere considerata un gigantesco erbario di pietra, una sterminata enciclopedia dei fiori e delle piante risalente agli albori del tredicesimo secolo. Una storica dell’arte ne ha tentato la decifrazione avvalendosi dell’aiuto di esperti di botanica

Leggi Articolo »

La tecnica di Paul Gauguin: super-ingrandimento per vedere come lavorava. Ecco i risultati

Ingrandiamo il dipinto e iniziamo a sezionarlo. Partiamo dalla tela. Egli utilizza un supporto di grana non fine. Le linee in evidenza dei noduli della trama e i punti scoscesi accompagnano o creano contrasti alla pennellata di Gauguin. La tela non è preparata da colori stesi in precedenza e ciò è dimostrato da una forte assorbenza del colore da parte della tela stessa. Anche il colore è poco diluito. Aumenta i diluenti, soltanto per realizzare l'azzurro blu degli alberi, con il fine che essi creando vibrazioni di trasparenza. Infatti, anche una visione ravvicinata, dimostra la gommosità della materia cromatica, qui più ricca che in ogni altra parte del dipinto. E, in effetti, sono proprio gli alberi in ombra, che assumono questo particolare colore, ad essere i protagonisti della scena, il suo nucleo centrale, il basso continuo, che innalza poi, i tasselli di luce dell'opera

Leggi Articolo »

Eco-pittura, in campagna per raccogliere i colori vegetali: produci inchiostro rosso e rosso ad olio

Agli amanti del fai-da-te, delle soluzioni ecologiche, dell'autarchia e del risparmio - nonché per chi desidera incessantemente sperimentare -, la stagione compresa tra la fine dell'estate e l'inizio dell'autunno offre tavolozze cromatiche che possono essere spremute sulla tela o sulla carta

Leggi Articolo »

Dipingere fiori bianchi e margherite in un prato

L'effetto realistico intenso di un prato, al cui lato s'innalza un cespo di meravigliose margherite bianche, può essere ottenuto - con colori ad olio o acrilici - attraverso un sapiente esercizio di pittura tonale.Il colore dei candidi fiori può essere perfettamente ottenuto tenendo conto del colore del cielo, di cui il bianco si intride.I fiori che si trovano nella parte inferiore, nella zona d'ombra assumono una tonalità azzurrina. L'effetto è di rilievo in quanto esiste una perfetta fusione dei colori. Rimarchevole è anche la naturalezza con laquale sono stati stesi i petali dei fiori

Leggi Articolo »

Ninfee di Monet – Storia, tecniche, segreti e valori. I quadri dei fiori d’acqua. E il video

Nel momento in cui l'artista decide di lavorare attorno a uno spazio conchiuso, la pittura en plein air, sciolta e aperta, muta radicalmente e Giverny diviene un vero e proprio laboratorio pittorico, in cui il consueto paesaggio - inteso in maniera ottecentesca con impaginazioni a campo largo - si riduce, con il tempo, a campi medi e primi piani. Ninfee e glicini, nel laghetto di Giverny, sono pertanto una svolta concettuale nel mondo pittorico di Monet.

Leggi Articolo »