News

La Libertà romantica. Delacroix trasformò la Venere di Milo in una rivoluzionaria

La Venere rappresenta nel quadro di Delacroix il primo nudo femminile in vesti moderne, il primo in cui sia esposta con chiarezza l’ideologia liberale dei giovani romantici. “Nostra Signora di Bellezza” come la chiamava Henri Heine è la gemma delle collezioni del Louvre, visitata ogni giorno da quasi 15000 persone. Il motivo sicuramente è espresso sia dalla sua carica erotica che dalla gloriosa libertà che emana, sottolineata dall’opera di Delacroix

Leggi Articolo »

L’autoritratto “in famiglia” di Crespi. Un’istantanea straordinaria ed ironica

In una stanza dalla luce talmente soffusa da impedire il riconoscimento dell’ambiente circostante, presumibilmente il soggiorno, l’artista emiliano si effigia mentre è intento a trainare giocosamente un carretto di legno sul quale è posto, immerso in morbidi cuscini e calde coperte, il figlio minore, Luigi. Alle spalle del padre ecco Maurizio, il primogenito, che ritto a cavalcioni di un bastone, è intento a imitare un cavaliere sul suo destriero

Leggi Articolo »

Bernini, sensualità sublime ed estasi. Le opere in 5 minuti, nel video. Sonoro con solo musica. Qui

Pittore, scultore e architetto, Gian Lorenzo Bernini (Napoli, 1598-Roma, 1680) raccolse nella sua lunga vita una successione vertiginosa di successi, grazie ai quali il napoletano arrivò a imporre un'autentica dittatura artistica a Roma per gran parte del diciassettesimo secolo. Roma era "caput mundi" anche nell'ambito dell' avanguardia artistica contemporanea. Creatore poliedrico, Bernini si è distinto soprattutto per le opere scultoree e architettoniche - che vedremo nel breve filmato - anche se non ha smesso di praticare la pittura - specialmente il ritratto -, sebbene in misura minore rispetto alle precedenti discipline. Ha pure creato grandi allestimenti scenografici e ha persino composto il testo e la musica per alcuni di essi. Il suo stile sensuale, soave e, al tempo stesso, magniloquente apre un filone fondamentale nell'ambito delle poetiche più fruttuose e influenti del barocco

Leggi Articolo »

Anteprima | Da Van Gogh a Picasso. La mostra a ottobre a Milano

A Palazzo Reale dal 17 ottobre 2019 al 9 febbraio 2020, la mostra che vi presentiamo in anteprima presenta circa cinquanta capolavori dei grandi maestri impressionisti, post-impressionisti e delle avanguardie dei primi del Novecento, tra cui Paul Cézanne, Edgar Degas, Paul Gauguin, Édouard Manet, Claude Monet, Pierre-Auguste Renoir, Vincent van Gogh e un nucleo importante di opere di Pablo Picasso.

Leggi Articolo »

La figlia di Gigi Porco e le osterie dei macchiaioli. Alla ricerca del tempo perduto

Carlo Lorenzini in “Occhi e nasi” ricorda altre due osterie in cui si poteva tirar tardi, probabilmente presenti nella stessa area e o in aree limitrofe: Beppe sudicio e Cencio Porcheria. La scarsa igiene dei locali, considerati i nomi, era probabilmente una costante, ma delle ultime due non ci è stato dato di reperire ulteriori tracce. Dalle caricature di Tricca al Corpus macchiaiolo di Carlo Pepi

Leggi Articolo »

Inedito. Dalla caverna dei tre filosofi si materializza l’autoritratto di Giorgione

La scoperta sull'uso diffuso delle criptofigure nell'arte del Cinquecento e del Seicento e l'anticipazione di ciò che emerge da un dipinto di Giorgione è firmata da Maurizio Bernardelli Curuz, nell'ambito di un progetto molto ampio che lo vede fondatore di questa nuova branca della storia dell'arte, accanto al collega Roberto Manescalchi. Due i dipartimenti di ricerca, creati all'interno di Stile arte

Leggi Articolo »

Scianna, impeccabile fotografo illuminista e barocco. La formazione con Sciascia

“Non sono più sicuro, una volta lo ero, che si possa migliorare il mondo con una fotografia. Rimango convinto, però, del fatto che le cattive fotografie lo peggiorano” dice l'artista, che ha lavorato a fianco del grande scrittore suo conterraneo - La ricerca del caos nel mondo, del movimento all'interno di quello che sempre più appare, come un attimo di eterno - Dall'agenzia Magnum alle mostre internazionali - Soria di un segno che ha influenzato anche Dolce&Gabbana e la moda

Leggi Articolo »

Nella reggia di Sua Maestà Carlo Pepi, il cacciatore mondiale di falsi Modigliani

Tra i fondatori e poi direttore della casa di Modigliani a Livorno, diede le dimissioni dall’incarico perché in disaccordo su alcune attribuzioni avallate da altri, i nomi non servono, nel novero dello staff. Da decenni ormai difende strenuamente quel mondo, che fu suo a pieno titolo, denunciando ogni nuovo falso e, purtroppo, ne compaiono senza soluzioni di continuità. Fu Jeanne la figlia di Dedo, così chiamano confidenzialmente a Livorno Amedeo Modigliani, a volerlo negli Archivi Legali da lei fondati e a ribadire il suo desiderio di averlo ancora al fianco in una lettera scritta il giorno prima della sua tragica morte conferendogli, in qualche modo, una sorta di investitura morale

Leggi Articolo »

Le ombre di Caravaggio. Ecco come il pittore otteneva la massima verità

Maurizio Bernardelli Curuz: "Caravaggio punta al massimo risultato. Non deve seguire un protocollo accademico. Non deve documentare nulla, del processo creativo. Vuole raggiungere un risultato che crei ammirazione sconcerto. Quindi utilizza tutto ciò che possa consentirgli di raggiungere il risultato migliore. Disegni, lacerti di tele, sagome, cartoni, mascherine, ombre, sigilli impressi sull'imprimitura, piccoli calchi, dita, vernici, pennelli grandi e pennelli da miniatore. Oggi ragioniamo per protocolli sempre più assillanti. Per schemi. E sembra spiacerci che Caravaggio abbia disegnato, usato stencil e ombre. Vorremmo che avesse fatto immagini gigantesche in pochi secondi, utilizzando il solo pennello. Perchè lo mitizziamo. Le ombre  le utilizzavano gli antichi. Plinio il Vecchio dice..."

Leggi Articolo »