News

Alberto Burri: fiamma, cellophan e dita. Nel filmato come modellava le sue opere

Burri raramente ricorreva all’uso della pittura e del pennello, prediligendo la lavorazione della superficie per mezzo di cuciture, combustioni e lacerazioni, per citare alcune delle sue tecniche. Ciò che si può affermare è che egli utilizza materiale di scarto o lavorazioni di tipo edilizio e artigianale per produrre opere d'arte. E veniamo al filmato che lo vede alle prese con la fiamma e il cellophan che egli modella, una volta fuso, con le dita. Questi lavori risalgono soprattutto agli anni Cinquanta. Nel 1954 realizza piccole combustioni su carta. Continua a utilizzare il fuoco anche negli anni successivi, realizzando Legni (1956), Plastiche (1957) e Ferri (1958 circa).

Leggi Articolo »

roberto 2

L’Ebbrezza di Noè come Deposizione Peterzano e gli allievi utilizzano con una rotazione i disegni delle Pietà Il quadro sottoposto analisi conferma, anche sotto il profilo formale, che il pianificatore concettuale dell’opera consigliò a Peterzano di osservare la scena dell’Ebbrezza di Noè come una Deposizione dalla Croce o Compianto. La Bibbia preannunciava, attraverso quell’episodio all’apparenza così violento, l’arrivo di colui ...

Leggi Articolo »

Roberto 3

Le braccia allargate di Cam esprimono una forte emozione I precedenti in Peterzano       Il cane fedele. La singolare conformazione dei cani nei disegni e nei dipinti di Peterzano. Raffronto con L’ebbrezza di Noè Simone Peterzano e, successivamente, Caravaggio – che attinse ai modi del maestro, pur personalizzandoli, ma rispettandone molte strutture – realizzarono opere in cui i ...

Leggi Articolo »

Cos’è il rosso Tiziano? Le modelle di ieri e di oggi che scelgono il colore rinascimentale. Il video

Il modello era quello dei capelli di Lesbia, l'amante di Catullo, che, come tutte le romane antiche, amava le decolorazioni dei capelli. Di fatto, le donne di ogni classe sociale urbana, nel Cinquecento, provvedevano con i loro unguenti naturali, restando poi al sole affinchè le sostanze entrassero in azione. Risulta anche molto diffusa la moda della decolorazione tra i giovani maschi; passata l'età della giovinezza, subentravano, per gli uomini, tinte molto scure, ebanizzate, che avevano la funzione di rendere severa l'espressione del volto e al tempo stesso offrire l'idea di un vigore che se ne stava andando. La moda di oggi accoglie anche quelle antiche suggestioni, preferendo tinte tonalmente molto morbide e dolci, che non induriscono i tratti del volto,, come quelle di Tiziano

Leggi Articolo »

Disegnare dipingere un Carlino – Video tutorial

Prima di iniziare la lezione, sveliamo un segreto che molti pittori tengono nascosto, quello relativo al disegno. E' certo possibile copiare a mano libera una fotografia o, ancor più faticoso, un soggetto fermo davanti a noi; ma per quanto il disegnatore sia abile, incontrerà diverse difficoltà, legate soprattutto alle proporzione di ogni parte con il tutto. Per ovviare questo problema, molti pittori iperrealisti, agiscono con una fotocopia della fotografia

Leggi Articolo »

Effimero contemporaneo, quanti rischi e quanto restauro per le opere del tardo Novecento

Le opere d’arte di oggi presentano gravi problemi di restauro e conservazione, spesso legati all’utilizzo di materiali e tecniche insoliti e antitradizionali. Senza contare il fatto che molte creazioni sono il prodotto di poetiche il cui carattere transitorio è esplicitamente enunciato

Leggi Articolo »

Nicola Fornoni – Corpocontrocorpo, l’accettazione dell’altro con il linguaggio dell’amore

Ho pensato molto a questa situazione vivendola in prima persona ed è stata come catapultarsi all'interno di se stessi. L'artista: "Guardare all'interno del corpo e della mente. Le pulsioni sessuali, erotiche (l'Es) non possono essere sotterrate, ogni corpo, ha bisogno di uno sfogo, di trovare l'altra parte della mela. Ho performato con una ragazza a Ferrara, nel giardino della casa di Ludovico Ariosto

Leggi Articolo »