News

De Robertis combatte per Van Gogh e fa irruzione nel museo: “Dovete dire la verità”

Estate calda per i compassati dirigenti del museo Van Gogh, in Olanda. Antonio De Robertis - studioso del grande pittore - e il suo collaboratore, Emanuele Della Bella, hanno fatto irruzione nella sala a piano terra del museo Van Gogh di Amsterdam, destinata agli autoritratti, dispiegando uno striscione di 1 metro per 3 e lanciando volantini, per protestare perché i responsabili del museo non accoglievano la richiesta fatta da almeno due anni, di riconoscere come autentica l’unica foto esistente al mondo di Van Gogh da adulto all’età di 34 anni, scoperta da De Robertis negli archivi dell’Institut National d’Histoire de l’Art di Parigi nel luglio 2014

Leggi Articolo »

Pasta di mais – Come realizzare in casa o a scuola sculture in “ceramica fredda”

Dopo anni dominati, nella piccola decorazione, dalla pasta di sale, sempre più operatori didattici e produttori di piccoli oggetti-sculture si stanno indirizzando verso la pasta di mais che presenta caratteristiche di particolare finezza, così da sembrare, a un primo sguardo, raffinata porcellana, soprattutto se realizzata in bianco. La pasta di mais per modellazione può essere realizzata in casa con ingredienti che abbiamo già nella dispensa o che sono immediatamente reperibili al supermercato o in un negozio di alimentari

Leggi Articolo »

Come venivano realizzate le anamorfosi? Ecco il segreto dei pittori antichi

Quando il foglio veniva messo di sbieco, il disegno tratteggiato dalla luce si allungava a dismisura sul muro. A questo punto il pittore si avvicinava alla parete e, con un carboncino o una punta, ricalcava la proiezione luminosa, imprimendo sul muro le linee anamorfiche. Il disegno scorciato appariva così allungato da risultare incomprensibile a una vista frontale. Il pittore colorava poi il volto stesso e, per mascherare ulteriormente la fisionomia, dipingeva frontalmente piccoli cespugli, animali, oggetti che avevano il compito di creare un paesaggio apparente

Leggi Articolo »

Cecilia Rodriguez, backstage fotografico. Forme, mare turchino, sabbia bianca

Cecilia Rodriguez (1990), sorella minore di Belen, modella e showgirl con solide radici italiane, da parte di madre e di padre, posa qui per un servizio fotografico.Tutto è costruito perfettamente per evocare l'idea di un paradiso perduto e il lavoro fotografico si svolge con tradizionale professionalità. Noi abbiamo bloccato questa immagine involontariamente metafisica, che vale tutto il lavoro in sé, stravolgendo il tradizionale modo di vedere del fotografo di nudo. Il velo, il mare, un palo a cui appendersi, un guerriero con clipeo, la partenza di Odisseo,la nostalgia, l'attimo struggente, il distacco la luce, gli Dei

Leggi Articolo »

Mariano Vargas – Nude per l’eternità

Lo spagnolo Mariano Vargas ha iniziato la propria carriera come pittore. Oggi si dice di lui che “dipinge con la macchina fotografica”. I suoi ritratti di donne riaggiornano con ironia i capolavori di Botticelli, Raffaello, Leonardo…Botticelli, Raffaello. “Sono cresciuto in una famiglia all’antica, molto cattolica - spiega - Per reazione, ciò ha aumentato in me la curiosità per l’universo femminile ed i suoi misteri. Fin da piccolo, così, ho nutrito un enorme interesse per le donne, il loro corpo, le loro espressioni. Ricordo ancora perfettamente l’attimo in cui ho deciso di dedicarmi a catturarne la bellezza: è stato quando ho visto per la prima volta La nascita di Venere di Botticelli, che ho subito associato all’immagine del corpo di mia madre".

Leggi Articolo »

Dipingere il soffitto come il cielo con nubi

Non è certo un affresco - che richiederebbe l'intervento del muratore per la posa dell'intonaco -ma un semplice dipinto parietale a tempera. Secco il soffitto, liquida la tempera. Ci può consolare il fatto che, per quanto abbia utilizzato anche altri additivi - come probabilmente l'uovo - anche il Cenacolo di Leonardo è una tempera. E che non pochi presunti affreschi dell'Italia settentrionale - erano dipinti a tempera, con aggiunta di leganti ad olio. Un modo divertente per cambiare il soffitto della stanza ed alzarlo virtualmente attraverso la finzione della pittura

Leggi Articolo »

Le fotografie di Norma Jane Mortenson prima che diventasse Marilyn Monroe

Una storia americana. Della nuova frontiera novecentesca. Di una quotidianità fatta di una madre con problemi psichici, di orfanotrofi, di affidi, di situazioni caotiche, di piccoli furti e di violenze. Chi era Norma Jane Mortenson, davvero? Quando divento Marilyn Monroe, mutando identità e assumendo quel nome - inventato - e quel cognome - materno - che iniziamo entrambi con la lettera "m", sensualmente, come un doppio bacio, portò dentro di sé queste immagini, come lo sguardo malinconico e la voce roca

Leggi Articolo »

Come creare una camera ottica nella propria stanza

Sui muri della propria camera il mondo all'esterno. Un suggestivo esperimento di facile realizzazione. Questo strumento risultava ancora usato nel XVIII secolo, da pittori come Bellotto e Canaletto (la cui camera oscura originale si trova al Museo Correr di Venezia), i quali grazie a questo strumento acquisirono quella precisione "fotografica" nel fissare i paesaggi che ancora li rende celebri. Gli effetti di una camera ottica sono presenti nel castello di Fontanellato, in provincia di Parma. E' possibile infatti vedere proiettata sul muro l'immagine della piazza e delle persone che in essa si muovono.

Leggi Articolo »

Il significato del pipistrello nell’arte. Contagio. Leonardo li condannò per la loro sessualità

Misterioso animale notturno, il pipistrello è collegato, nell’arte dei simboli che si trasfonde nella pittura, alla notte, all’oscurità, alle forze del male. Il suo volo fratto e imprevedibile, il piccolo muso peloso dai canini acuminati, il suo permanere, durante il sonno, a testa in giù, in modo contrario agli altri animali hanno sempre motivato una visione negativa nei suoi confronti, al punto da essere ritenuto un rappresentante delle forze del male, che si oppongono alla luce divina

Leggi Articolo »