News

Pane e lagrime

Bambini poveri, personaggi dickensiani Il paternalismo della borghesia si incarnò dolcemente nelle opere di genere degli Induno, che ebbero subito uno straordinario successo. I segreti della loro pittura raccontati da Sergio Rebora

Leggi Articolo »

Per Elisabetta e Vittorio

Figure reversibili e ambigue, strutture compositive reversibili, criptofigure. Le immagini sono frutto del primo rilievo, ma sono in continuità con migliaia di prelievi che ho realizzato in questi due anni su lastre, macro, foto di altri dipinti. La mostra di Vittorio al Diocesano – e la lettura attenta dei lavoro di Vittorio stesso – ha aperto la strada d’esplorazione, accanto ...

Leggi Articolo »

Expertise – Opere d’arte in cerca d’autore. Come si compie un’attribuzione

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995 di Anita Loriana Ronchi Sul tema dell’expertise “Stile” propone, a partire da questo numero, un’inchiesta di approfondimento, realizzata interpellando alcuni fra i ...

Leggi Articolo »

Odiare Picasso

Il dottor Rau documentò attraverso la sua collezione sei secoli di grande arte, escludendo il maestro catalano colpevole di eccessi pittorici. Marc Restellini, co-direttore del Musée du Luxembourg, risponde alle domande di Stile

Leggi Articolo »

Caro restauratore, sei apocalittico o integrato?

James Beck polemizza con i “ricostruttori” in nome della leggibilità ad ogni costo e propone, in alternativa, facsimili virtuali - “In realtà” osserva Andrea Galeazzi “non è l’intervento in sé che viene escluso, ma si mette in discussione il principio che un’idea generica di leggibilità possa essere la motivazione dell’intervento stesso - “Il problema è di base: manca, in Italia, una comune cultura del restauro, ed il modo di rapportarsi al patrimonio artistico rimane un dilemma insoluto”

Leggi Articolo »

Panza di Biumo: “Unita’ delle arti, sorgente di emozioni”

“Penso che ogni opera” afferma il grande collezionista “non debba essere interpretata quale oggetto singolo e indipendente, ma vada inserita in un preciso contesto, integrata con l’ambiente e lo spazio. Come nel Rinascimento, quando l’artista era insieme pittore, scultore ed architetto” - “Amo il Minimalismo perché cerca di coniugare la sapienza del fare ed un costante riferimento al pensiero alto della creazione” - “Rimpianti? Non aver capito in tempo il genio di Warhol e di Klein”.

Leggi Articolo »