Pittura antica

Giuseppe Porta il Salviati – Quotazioni gratis del grande pittore che unì Firenze a Venezia

Lucchese d'origine, tosco- romano nella formazione, allievo di Francesco Salviati, che a sua volta, era cresciuto agli esempi di Michelangelo, Raffaello, Andrea del Sarto, assumendo anche modelli bronziniani e del grande Manierismo toscano, Giuseppe Porta detto il Salviati, il Salviatino o il piccolo Salviati, nacque a Castelnuovo di Garfagnana nel 1520 e morì a nel 1575 a Venezia, divenuta sua città d'adozione. Lodato, tra gli altri da Vasari, che ne Le vite gli dedica un'ampia disamina, da Bernardo e Torquato Tasso, da Sansovino e da numerosi altri grandi personaggi dell'epoca, ebbe il merito di fondere, a Venezia, i modi centro-italici con le tradizioni pittoriche venete. Operò anche accanto al Veronese, a Tiziano e a Tintoretto

Leggi Articolo »

Alessandro Allori quotazioni gratis

Pittore raffinatissimo di matrice manierista, con esiti molto elevati nell'ambito della ritrattistica e della resa degli abiti sontuosi, pittori con notevoli capacità introspettive, Alessandro Allori (Firenze, 31 maggio 1535 – Firenze, 22 settembre 1607) rimane estremamente compresso dalla gigantesca figura del Bronzino, il suo maestro, con il quale viene molto spesso confuso.

Leggi Articolo »

Joachim Patinier, l’impavido maestro fiammingo che dipingeva dal vero tempeste e naufragi

Karel van Mander, come Vasari autore di un Libro della pittura, annovera Joachim Patinier tra gli “inventori” del genere del paesaggio, ammirato anche da Dürer. In un documento del 1566, un collezionista, il notabile spagnolo Felipe de Guevara, racconta una vicenda davvero insolita che riguarda proprio l’artista fiammingo.

Leggi Articolo »