Scultura contemporanea

Una scultura che suona. E sentite che meraviglia. Sembra la musica di Babbo Natale

Una musica ritmica, magica, che sembra riprodurre i suoni che uniscono il mondo sublunare a quello spirituale, attraverso un ritmo di danza e il canto di diversi strumenti di cui riproduce il suono. E' la Marble Machine, una serinette, cioè una variante di un piccolo organo chiuso in una scatola e azionato attraverso una manovella. La Marble machini è stato realizzato da Wintergatan, un gruppo musicale folktronica svedese di Göteborg. Due membri, Martin Molin e Marcus Sjöberg, facevano precedentemente parte del trio elettro folk Detektivbyrån. Un gruppo formato polistrumentisti, che esegue i brani con diversi strumenti musicali, molti dei quali rari o autocostruiti.

Leggi Articolo »

Art is trash. La spazzatura diventa una tela da impressionare

Tra mura scrostate, grigi scorci dall'appeal discutibile ecco comparire fumettistici e grotteschi personaggi - pupazzi ripieni di spazzatura - che ravvivano la street londinese. E fin da subito è un successo. Mostri, mostriciattoli, improbabili cavalieri e ominidi ben poco attraenti animano ironiche vignette che hanno conquistato il cuore di turisti e degli abitanti della capitale inglese

Leggi Articolo »

Kristian Burford, guardare nella carne. Gli allestimenti. Il video

Quando il vestito si apre e cade, la cultura scompare e appare la natura. Guardare, quello che sta sotto, quello che sta al di là. Quello che, per convenzione non può essere visto e osservato, se non catturando furtivamente l'immagine. Le donne sono splendide sculture. Gli allestimenti fotografici nascono, nella prima parte della carriera di Burford, come scenografie di un film di Visconti, che vengono poi fotografate con il personaggio. Successivamente, anche con l'entrata in contatto della geometrizzazione della cultura americana, l'artista, raggiunge l'essenziale ed elimina gli apparati decorativi di matrice inglese ed europea. Quando il vestito si apre e cade, la cultura scompare e appare la natura. Guardare, quello che sta sotto, quello che sta al di là. Quello che, per convenzione non può essere visto e osservato, se non catturando furtivamente l'immagine. Le donne sono splendide sculture. Gli allestimenti fotografici nascono, nella prima parte della carriera di Burford, come scenografie di un film di Visconti, che vengono poi fotografate con il personaggio. Successivamente, anche con l'entrata in contatto della geometrizzazione della cultura americana, l'artista, raggiunge l'essenziale ed elimina gli apparati decorativi di matrice inglese ed europea. Quando il vestito si apre e cade, la cultura scompare e appare la natura. Guardare, quello che sta sotto, quello che sta al di là. Quello che, per convenzione non può essere visto e osservato, se non catturando furtivamente l'immagine. Le donne sono splendide sculture. Gli allestimenti fotografici nascono, nella prima parte della carriera di Burford, come scenografie di un film di Visconti, che vengono poi fotografate con il personaggio. Successivamente, anche con l'entrata in contatto della geometrizzazione della cultura americana, l'artista, raggiunge l'essenziale ed elimina gli apparati decorativi di matrice inglese ed europea

Leggi Articolo »

Arte cinetica. Gli animali di Jansen corrono sulla spiaggia. Senza motori. Video

Sorprendenti, incredibili non solo per le forme meravigliose - che ricordano le strutture di Leonardo da Vinci - ma perchè sono in grado di muoversi magicamente, senza motori, ma alimentate dalla forza del vento, che viene persino accumulato in bottiglie di plastica - con il sistema dell'aria compressa - per dare possibilità a questi animali super-vertebrati di muoversi anche quando cala l'aria. Sono le opere di Theo Jansen (1948), un artista olandese attivo soprattutto nel campo della scultura cinetica, con creazioni che si pongono al confine tra arte e ingegneria

Leggi Articolo »

Sul monte una mostra di 12 sculture di pane di Matteo Lucca

La mostra a cielo aperto, dal titolo “Uomini di Pane”, presenta un gruppo di dodici sculture che raffigurano il corpo dell'artista a grandezza naturale realizzate con impasto di pane. “La mia ricerca - commenta Matteo Lucca - si è sempre rivolta al lavoro sul corpo e nel tempo si è sviluppata attraverso l’utilizzo di vari materiali: piombo, rame, gesso, tessuti, progetti formativi e di recente opere di pane”. “Questa mostra - afferma il presidente di Apt Servizi Liviana Zanetti - è un’altra preziosa occasione per scoprire le bellezze del Parco delle Foreste Casentinesi. Penso altresì che il connubbio tra ambiente incontaminato e cultura sia qualcosa di estremamente significativo e da ripetere in altre forme in futuro per valorizzare questo straordinario patrimonio”

Leggi Articolo »

Gli angeli di Ugo Riva lavano le umane ferite della Fortezza medicea di Arezzo

Nella splendida fortezza medicea firmata da Giuliano e Antonio da Sangallo, recuperata all'originaria potenza dopo il recente restauro, il Maestro bergamasco, raffinato intellettuale, porta le proprie riflessioni sull'esistere, sulla fede, sul destino dell'uomo. Un viaggio dedicato all’esistenza umana, dalla materia allo spirito. La curatela e la lettura critica di Sgarbi

Leggi Articolo »

La scultura di Quinn nel Canal Grande. La provocazione del figlio dell’attore

Lorenzo Quinn (nato a Roma il 7 maggio 1966) è uno scultore italiano ed è stato attore. Quinn è nato a Roma ed è il figlio dell'attore messicano americano Anthony Quinn e della designer di moda Jolanda Addolori. E' cresciuto tra gli Stati Uniti e l'Italia e vive a Barcellona. E 'stato a Roma dove ha scoperto il suo amore per l'arte e ha iniziato come pittore nel 1982 la formazione presso l'American Academy of Fine Arts di New York. Ora le sue gigantesche mani che salgono dal fondale del Canal Grande sono tra le principali attrazioni di Venezia, trasformata in occasione della Biennale. "Si, sono molto felice di dire che la missione è compiuta. La mia scultura è un messaggio di sostegno a questa meraviglia di città che è minacciata dal cambiamento climatico. Spero che la mia arte permetta di mettere a fuoco una catastrofe globale che incombe"

Leggi Articolo »

Le grandi sculture strampalate, choc o di moda. Il video

Lo scultore Quinn ha presentato a Venezia, in occasione della Biennale, due mani enormi che emergono dalla laguna e che avvolgono la facciata di un'antica casa veneziana. La scultura diventa sempre più scenografica e legata all'imprinting colorati dei mega-allestimenti dei parchi giochi o alle suggestioni dei kolossal fantasy o di fantascienza. Stupire e divertire, questo è il fine degli ideatori. Qualche volta, nel mondo, il desiderio di eccentricità diviene esagerato. Ed ecco, nel filmato, le conseguenze

Leggi Articolo »

Bellezza e forza estetica esplosiva nelle sculture di Rino Pagni

Un Michelangelo in un cantiere a noi contemporaneo. Scrive Adriana Conconi affrontando l'analisi critica: "Da artista contemporaneo non utilizza la materia, intesa come elemento primitivo che proviene dalla madre terra, da essa generata e da essa, poi, attraverso un lento e inesorabile processo ricondotta a se stessa, ma utilizza il materiale, elemento realizzato dall’uomo, quindi conosciuto e verificabile, come per esempio tubazioni idrauliche, cavidotti elettrici, barre di ferro, polistirene espanso, vetro resina, colla a caldo, tessuti, spago che in fase di esecuzione vengono plasmati anche con la fiamma ossidrica. Se l’uso della materia riconduce a una connotazione mitica nella sua essenza e nella sua imprevedibilità, il materiale riporta al reale, all’uomo costruttore, all’homo faber delle sue creazioni, così come peraltro una parte della scultura sin dal secondo dopoguerra si è indirizzata verso questa scelta, scarnendosi anche nella sua parte narratologica e volendo significare solo se stessa"

Leggi Articolo »

L’arte cinetica di Varol Topac. Il legname fluttua magicamente come alghe sui coralli

Nato nel 1967 ad Ankara, in Turchia, Varol Topaç si distingue per un particolare ed efficace impegno che unisce le suggestioni dell'arte povera, con all'utilizzo del legno, all'arte cinetica, attraverso motori elettrici che conferiscono alle sue sculture armoniosi movimenti, come barriere rocciose subacquee mosse dalla corrente o come ricci marini che divaricano i propri aculei. Questo vediamo nel breve filmato

Leggi Articolo »