Press "Enter" to skip to content

Articoli pubblicati in “News”

Palloni che nuotano nell’aria. Anicka Yi, uno straordinario connubio di tecnologia e creatività futuristica al Tate Modern

L'artista unisce forma, chimica, fisica e analisi filosofica per realizzare straordinarie creature .E' il sogno di un volo lieve, ectoplasmatico. Che somiglia, un po' alle morbide contrazioni delle meduse nell'acqua. Ma qui è l'aria ad essere l'elemento percorso. Prendendo ispirazione dalle formazioni organiche presenti nell'ambiente, come funghi carnosi e complesse forme di vita oceaniche, Yi abbatte le distinzioni tra natura e tecnologia, esaminando se le macchine possano un giorno esistere indipendentemente dagli umani.

Giulio Mottinelli, un’infinita possente poesia della natura. La biografia e gli indirizzi

Fin dall’inizio ama racchiudere la sua poetica in serie di opere; quasi tutte le sue esposizioni personali, tranne che nelle non rare antologiche, vivono sulla serie, che origina cicli. I cicli pittorici affrontati in questo ventennio riguardano temi sociali, come è nel clima del tempo: via via la città-prigione, il rapporto fra uomo e potere, i cani di città, Venezia che muore, e infine la lunga serie sulla lussureggiante natura tropicale

Pompei si arricchisce di una nuova domus. La deliziosa Casa dei 4 stili e dell’esorcismo contro i fulmini

La casa venne costruita alla fine del II sec. a.C.- Varcata l'entrata, si accede a un monumentale atrio di derivazione ellenistica in cui quattro eleganti colonne corinzie in tufo sostengono il compluvio, attorno al quale si aprono le stanze di ricevimento, impreziosite da una raffinata decorazione pavimentale e parietale

La moda in Europa nacque 41.500 anni fa. Datato il gioiello d’avorio di mammut scoperto in una grotta

Il ciondolo ovale in avorio è stato trovato nella grotta di Stajnia in Polonia. Di rilievo anche l'intervento decorativo, realizzato con un punteruolo che ha creato 50 eleganti fori, lungo una linea curva. “Questo gioiello mostra la grande creatività e le straordinarie abilità manuali dei membri del gruppo di Homo sapiens che vivevano nel sito” ha detto Wioletta Nowaczewska dell’Università di Wroclaw, co-autrice dello studio

Il mondo è la tela minimalista di Shira Barzilay. L’essenza espressiva diviene fluidità dinamica. Le opere

Con il tempo ha capito che, nonostante il suo lavoro, poteva dire di più facendo di meno. Il suo viaggio ha iniziato a manifestarsi quando ha incorporato una metodologia sottrattiva nel suo lavoro. "Il minimalismo non riguarda l'economicità, ma la precisione", spiega Barzilay

Compra un disegno per 30 dollari nel 2016. Gli studiosi: “E’ una Madonna di Dürer”. Il valore balza a 50 milioni

Ora è in mostra Londra. Il foglio venne venduto 5 anni fa dalle figlie di un architetto di origine francese. La carta era forse in casa dal XIX secolo - e pertanto poteva essere parte di acquisti sul mercato parigino -, ma era ritenuta, in famiglia, una bella copia di un disegno del maestro tedesco. Una convinzione erronea forse indotta da qualche studioso del passato al quale il disegno poteva essere stato mostrato nel secolo scorso

Trovata sotto terra una maschera di metallo di un cavaliere romano. Guidava l’attacco, atterriva il nemico

Il ritrovamento in un edificio fortificato, forse sede della guarnigione romana. Una maschera facciale laminata d’argento venne trovata - a dimostrazione del fatto che esse venivano utilizzate anche durante azioni militari - anche sul campo di battaglia della foresta di Teutoburgo, luogo dello scontro spaventoso tra Romani e Germani, nel 9 d.C.

Il metal detector suona. Il dilettante avvisa gli archeologi. Oro e pietre preziose. Resti di un bottino del V secolo?

Il mistero delle pietre indiane e lo stile dell'anello che somiglia a quello del Re del Belgio. Il ritrovamento porta alla luce un periodo terribile delle migrazioni dopo il disfacimento dell'impero romano: città a ferro e fuoco, esecuzioni sommarie, antichi palazzi incendiati. Bottini nascosti durante gli spostamenti. abitanti in fuga che, a loro volta, nascondevano i preziosi per evitare di essere rapinati e uccisi. E che non poterono più tornare sui propri passi