Press "Enter" to skip to content

Posts published in “Stile arte Sicilia”

Pantelleria espone da domani i propri tesori di terra e di mare. Le foto

I tesori archeologici dell’Isola di Pantelleria, recuperati durante gli scavi nell’Acropoli di San Marco, da sabato 6 agosto saranno esposti nell’Aeroporto di Pantelleria, all’interno di un’ampia Sala già dedicata ai tesori sommersi recuperati dalla Soprintendenza del Mare della Regione Siciliana. Una seconda esposizione verrà allestita nei locali del Museo Vulcanologico di Punta Spadillo con i reperti provenienti dal sito preistorico di Mursia.

Una task force di archeologi-sub e di studiosi in Sicilia per l’operazione “Marzamemi Maritime Heritage Project”

Quest’anno le attività si sono concentrate sulla ricerca e documentazione dei siti archeologici subacquei individuati nel mare di Vendicari e di Portopalo di Capo Passero. Non è mancata, però, l’attività rivolta al monitoraggio dello stato di conservazione dei reperti archeologici subacquei provenienti dallo scavo del relitto della Chiesa bizantina di Marzamemi, che sono attualmente custoditi presso il Palmento di Rudinì, struttura messa a disposizione del progetto dal Comune di Pachino sin dal 2012, anno in cui ha avuto inizio il progetto di ricerca".

Sulle sacre pietre: la Norma al teatro antico di Taormina

Il Bellini Festival dal 2009 rende omaggio al musicista, nella sua città natale, coinvolgendo i luoghi storici dove lo stesso grande compositore mosse i suoi primi passi, iniziando sempre nel giorno in cui ricorre l’anniversario della sua morte, il 23 Settembre, per poi concludersi il 3 Novembre, nel giorno dell’anniversario della sua nascita, con il tradizionale Concerto al Duomo, dove a Catania riposano le sue spoglie mortali

Il relitto di una nave antica segnalato sui fondali delle Secche di Circe nel mare della Sicilia

L'imbarcazione è lunga circa 14 metri e larga 5. Legni lavorati e rivestiti da lamine di piombo, diversi elementi plumbei e tavole di fasciame affioranti tra le pietre di zavorra inducono la Soprintendenza ad effettuare nelle prossime settimane ulteriori indagini subacquee per stabilire la consistenza del ritrovamento.

Resti di una gigantesca tartaruga d’acqua di specie sconosciuta trovati in una necropoli siciliana

La scoperta durante gli scavi delle tombe di una necropoli dell'età del rame. La nuova specie è stata chiamata ‘Solitudo sicula'. La datazione al radiocarbonio ha rivelato che risale a circa 12.500 anni fa. È la testuggine di grande taglia più recente d’Europa e del Bacino Mediterraneo e potrebbe essere stata portata all’estinzione dai primi abitanti della Sicilia

Un colpo al cuore. Una bellissima sorpresa per la dottoranda Chiara durante gli scavi in Sicilia

L’antica città di Mozia si trovava sull’isola di San Pantaleo, nello Stagnone di Marsala, in Sicilia. L’isola era abitata da una popolazione autoctona, durante l’età del Bronzo, che si integrò con i fenici, che trasformarono questo lembo di terra – a partire dal XII secolo a. C. – in una base commerciale fondamentale per i commerci nel Mediterraneo. Mozia visse per secoli una fase di particolare prosperità, come testimonia Diodoro Siculo; al tempo dei romani l’importanza e il prestigio di Mozia erano però già svaniti, a causa di una serie di conflitti intercorsi con i greci.