Press "Enter" to skip to content

Posts published in “Stile arte Sicilia”

Archeologi della Soprintendenza del Mare identificano in Sicilia rarissimo aereo inglese, affondato 80 anni fa

Il Martin Baltimore AG699 del 69 sq. della RAF - oggi a 85 metri di profondità - era partito alle ore 12,45 del 15 giugno 1942 dall’aeroporto di Luqa a Malta per osservare il traffico navale nella zona di Pantelleria, interessata proprio in quei giorni dalla “battaglia di Mezzo Giugno” che vide le forze dell'Asse contrastare efficacemente l'operazione “Harpoon”.

Restaurata l’enorme tavola di Santa Lucia che era coperta dalla tela del Caravaggio

L'opera è firmata dal grande pittore napoletano Deodato Guinaccia e risale al 1579. Il pregevole olio su tavola, definito da Vittorio Sgarbi “capolavoro del manierismo italiano”, seppur in buono stato di conservazione, prima degli attuali lavori di restauro mostrava un naturale ingiallimento della vernice, causato dall’ultimo restauro conservativo degli anni ’80, oltre a numerose lacune e perdite di colore, causate dai chiodi posti in corrispondenza delle traverse che interrompevano la superficie pittorica, volutamente non integrate secondo i dettami della scuola di Cesare Brandi.

Una studentessa trova un antico orecchino d’oro nella necropoli di Mozia, in Sicilia

L'antica città di Mozia si trovava sull'isola di San Pantaleo, nello Stagnone di Marsala, in Sicilia. L'isola era abitata da una popolazione autoctona, durante l'età del Bronzo, che si integrò con i fenici, che trasformarono questo lembo di terra - a partire dal XII secolo a. C. - in una base commerciale fondamentale per i commerci nel Mediterraneo. Mozia visse per secoli una fase di particolare prosperità, come testimonia Diodoro Siculo; al tempo dei romani l'importanza e il prestigio di Mozia erano però già svaniti, a causa di una serie di conflitti intercorsi con i greci.

Immediate scoperte dopo l’apertura dello scavo di Solunto in Sicilia. La prostituzione sacra

I nuovi scavi a Solunto provano a fare luce nella parte più misteriosa della cittadella, il santuario, dove riti punici, greci e romani si confondono e si mescolano. Protagonista assoluta Astarte, dea madre, progenitrice di tutti i viventi, anche divinità astrale, il suo culto comprendeva anche la prostituzione sacra