Press "Enter" to skip to content

Posts published in “Stile arte Brescia”

Oscar Di Prata – Biografia ragionata, le immagini e il percorso artistico

Oscar Di Prata (Brescia, 10 agosto 1910 - 5 gennaio 2006) con la pittura ha esplorato, attraverso un realismo dell’anima, la problematica condizione dell’uomo. Il suo intensissimo lavoro è germogliato sulla nobiltà dell’atto creativo, pensato e messo in atto come sensibile ricerca figurativa e cromatica che ha teso a trascendere la realtà di cui pur si alimentava. L’artista ha attraversato tutto il secolo scorso senza mai essere ostaggio di mode o di facili repliche di maniera, ma tracciando un suo percorso originale, rimasto inconfondibile fino agli ultimi giorni della sua vita.

Emma Monti – Pittrice, scrittrice e regista bresciana, la biografia

Un’intensa curiosità intellettuale, il desiderio di sperimentare i principali linguaggi espressivi, la volontà di realizzarsi creativamente, senza per questo ridurre l’attiva presenza di moglie e di madre. Emma Monti è una donna che nasce sotto il segno dell’impegno. Esponente di una famiglia borghese romana, sorella di Lydia che sarà destinata a diventare un luminare nel campo della Medicina, Emma, bresciana d’adozione a partire dal 1929

Cesare Bertolotti – La vita, la formazione, lo stile, i periodi

Le prime produzioni pittoriche di Bertolotti non sono inoltre del tutto indifferenti ai modi della tradizione paesaggistica bresciana, appresi nel periodo di contatti quotidiani con Carlo Manziana, al quale è unito da una profonda amicizia. Di quest’ultimo Cesare trattiene, infatti, alcuni elementi stilistici. Nonostante tali riconoscibili fonti di ispirazione, non va dimenticato che Bertolotti, nell’intero arco della sua esistenza, rimane fermamente fedele solo a se stesso.

Giuliano Prati

Le tele del pittore raccontano di umili scorci e di paesaggi silenti dove la figura umana è soltanto traccia intuita nelle geometrie che ha creato in natura. Una testimonianza

Virginio Faggian

Scopriamo l’incanto delle tarsie bresciane. Dai capolavori del ’400 nella chiesa cittadina di san Francesco all’estremo omaggio tributato a quest’arte nel secolo scorso da Virginio Faggian