Home / tecniche d’arte

tecniche d’arte

Come realizzare un altorilievo o un quadro materico con carta igienica e colla

L'idea non è da sottovalutare. Qui l'artista utilizza la produzione di cartapesta per applicarla su un cartone con il fine di realizzare elementi decorativi che ricordano gli altorilievi. Ma il sistema può essere usato anche per interventi formalmente dirompenti e coloratissimi. La base di tutto è la carta igienica che è molto leggera e che si rivela ottima per la produzione di cartapesta finissima, malleabile e particolarmente levigabile. Acqua, gesso e molta colla. L'applicazione e la colorazione. Vediamo il filmato

Leggi Articolo »

Come Warhol produceva questi ritratti serigrafici. Artista mostra procedura. Il video Tate

La Tate gallery di Londra spiega, attraverso una artista che le realizza davanti alla telecamera, le diverse fasi di realizzazione dei quadri di Warhol, prodotti attraverso il procedimento serigrafico. La serigrafia poneva sempre più l'artista al cospetto dell'integrazione tra un sistema meccanico a produzione multipla e l'apporto nella scelta dei colori. Un lavoro di "tipografia creativa", nella quale Warhol eccelse, trasformandola in linguaggio.E' indubbia l'incisività dei suoi lavori, lo stile particolare che si manifesta sotto il profilo cromatico e nell'uso stesso dei telai di serigrafia. Il filmato è comprensibilissimo perché la parte linguistica - inglese - è limitata alle prime battute del video. Poi si procede con l'azione diretta sul bancone.

Leggi Articolo »

Sai cos’è la Street Art? E il writing o graffitismo? Spiegazioni e differenze

Filippo Minelli, uno dei maggiori autori della Street art internazionale, risponde alle domande di Stile arte. Dal graffitismo, evoluzione in chiave grafico di estetica neo-pop delle scritture murali che hanno contrassegnato ogni epoca, alle rappresentazioni miste di figure e lettere, fino all'evolversi di un percorso legato al muralismo

Leggi Articolo »

Kara Walker contro l’uomo bianco. L’arte razziale in America. La tecnica delle silhouette

E' nota soprattutto per i suoi grandi quadri di silhouette nere, che riprende, sotto il profilo tecnico dalle pratiche d'arte applicata viennesi e parigine, un tempo utilizzate per realizzare rapidamente ritratti di profilo. Il bianco e il nero posti in contrasto assoluto, in un'inconciliabilità cromatica, le carte decoupé con una violenta delineazione del tracciato ritagliate, i formati ampi,la ripresa di immagini di antiche fiabe trasformate in luoghi della violenza conferiscono a questa artista una notevole potenza.Oggetto del suo esame sono soprattutto le tensioni tensioni razziali in America, le repressioni compiute dal potere, la violenza di genere e la sessualità.

Leggi Articolo »

Leonardo da Vinci – Cos’è lo sfumato leonardesco e come si ottiene

Lo sfumato leonardesco è frutto di una tecnica di sovrapposizione, a dipinto ultimato, di una velatura lieve ed omogenea di colore diluito nel legante con il fine di ammorbidire i lineamenti dei volti o - nel caso di paesaggi - di ridurre l'acutezza dei profili delle montagne o degli oggetti lontani per ricreare l'effetto di sfocatura provocato, alla distanza, dalla'umidità atmosferica. Lo sfumato, applicato ai volti, è assimilabile all'effetto flou, ottenuto, nel cinema o nella fotografia tradizionali, attraverso la sovrapposizione di un velatino all'obiettivo.

Leggi Articolo »

Quali pennelli sceglievano i grandi artisti e come li impugnavano? Perché?

Soltanto i miniaturisti possono tendere a utilizzare il pennello, come fosse un lapis o una punta d'argento e questo perchè il loro lavoro è tipologicamente più vicino al disegno che alla pittura. Negli altri casi, la distanza è garanzia i una pennellata più sciolta e rapida. Il movimento del polso contribuisce infatti a modulare in modo non lineare, tratti e luce. La scioltezza della pennellata tende immediatamente a comunicare allo spettatore l'abilità dell'artista che non si àncora a un apparato disegnativo vincolante

Leggi Articolo »

Spremere due o tre colori e lavorarli con la spatola. Il vecchio gioco della pittura anni Quaranta. Video

La pittura a spatola fu una tecnica molto utilizzata nel secondo Dopoguerra, come evoluzione delle pennellate evocative allungate ed eleganti dell'arte liberty e dell'arte di Boldini. Oggi la spatola produce effetti "fuori dal tempo", ma può essere un rapido e simpatico sistema di sperimentazione dei colori. I fiori qui rapidamente rappresentati nascondono con l'apposizione di blocchi di colore direttamente sulla tela. Come vedremo bene

Leggi Articolo »

Ekfrasis – Cosa significa. La rinascita dei quadri-fantasma

La maggior parte delle opere antiche descritte dagli antichi storici romani risultano perdute. Con il fine di recuperarle visivamente,alcuni artisti del Rinascimento, tra i quali Botticelli, applicarono l'ekfrasis, cioè la traduzione delle parole in immagini. Quelle antiche descrizioni permisero di riavvicinarsi ai capolavori perduti, a dipinti fantasma, facendoli rinascere. Nell'articolo, in pdf, un viaggio nella ricostruzione delle opere dei titani dell'antichità, recuperate dai grandi del Rinascimento

Leggi Articolo »