Home / Arte contemporanea / Sai cos’è il Realismo esistenziale?
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Sai cos’è il Realismo esistenziale?

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

di Flaminio Gualdoni

cazza4Dove siano, come recita il poeta, le dame d’un tempo, non so. Ma certo i climi, almeno quelli, piacerebbe riviverli. Incontrare, fra le vecchie mura milanesi di corso Garibaldi 89, la storica Casa degli artisti, Chet Baker o John Coltrane che escono dallo studio di Giancarlo Cazzaniga. Oppure andare alla Taverna messicana, al Santa Tecla, e trovare tra gli spettatori di Enrico Intra o Franco Cerri il Cazzaniga medesimo, e i suoi amici pittori, e intellettuali di varia umanità.
A poterli rivivere, quei momenti ci insegnerebbero una cosa: che le vulgate dell’arte – ma anche i pensosi saggi specialistici – si dimenticano con regolarità. Ci dicono, i testi che si pretendono sacri, che esisteva una Milano artistica giocosa, di spirito tra surreale e paneroniano, quella dei nucleari e degli spaziali e dintorni, polemica e avanguardistica, e un’altra invece più introversa e melanconica, che l’appellativo di esistenziale, peraltro nato da un’intuizione critica felice di Marco Valsecchi, ha caricato di un alone di engangement incupito, estraneo al sorriso.

Vero, Cazzaniga e i suoi amici, Vaglieri come Ferroni, Romagnoni come Ceretti, Guerreschi come Bodini, Ossola come Aricò, erano degli engagés e degli enragès, anzi, alla milanese, degli incazzati. E volevano una pittura di realtà che si sottraesse al passo protocollare della referenza, così come alle servitù ideologiche degli sbandieratori della politica. E guardavano a modelli alti. Bacon e Giacometti – il Giacometti pittore, più, con quei suoi rapporti agonici con il visibile -, ma anche Beckett e Butor. Ma amavano vivere con pari – e forse meno recitata, e più agonistica – pienezza, e ascoltavano la musica dell’anima, quel jazz che allora era parte viva d’una cultura (un’intera edizione del premio Graziano, al Naviglio, è dedicata al tema), e che con l’arte pareva aver stabilito, da noi, solidarietà fervide: a Roma, d’altronde, Coltrane e Miles Davis s’incontravano con i Novelli, i Perilli, altri enragés mica male.
Cazzaniga fa, in quel tempo, della musica qualcosa più che una nourriture intellettuale. Ne fa un tema pittorico, forte, preciso che gli consente di scavare nell’atmosfera intensiva e autre che quei gesti, quei suoni, quei rituali fanno accadere: che è la stessa dei dilucoli, delle luminescenze, dei bagliori improvvisi, che si alzano a farsi tracce grafiche emozionate, e scambi sottili, come brividi, di tono, negli altri soggetti praticati in quel tempo, l’umile ostensione del tavolo da lavoro o la penombra della stanza, o il silenzio assorto della spiaggia, ugualmente. Certo è una pittura non compiacente, sottratta con volontà inflessibile alle tentazioni del gusto che pure l’informale in quella fine degli anni Cinquanta va accogliendo con sempre minor consapevolezza di sé. Ed è una pittura che, parimenti, non vuol sottrarsi al “parti pris des choses”, e le cose affrontare in pienezza emotiva, in feroce lucidità nell’avvertimento del sensibile, e del proprio sentire allo stesso modo. Nervenkunst, si diceva oltre cent’anni fa, indicando tale stato di non morbosa eccitazione affettiva di fronte alle situazioni, che si fa ragione e senso della scrittura stessa della realtà. Nel caso dei “Jazzmen” di Cazzaniga, il rapporto è doppio, reso complesso e ancor più ricco dall’adottare come movente dell’espressivo una situazione già d’arte, già dell’espressivo, agendo per streams attorti e felicemente contaminati.
Non è un caso che, dai decenni trascorsi, e dopo bagni sontuosi in un sensuale di natura spinto sino a una sorta di eros coloristico, e nella stagione degli à rebours e, forse, dei bilanci, Cazzaniga abbia sentito ricrescere quella struttura d’immagine, quel tema, per le vie d’una trattazione grafica di forzato dinamismo, per scarti squillanti di timbro e sottigliezze di tono. Non è un caso anche perché, se lo incontri, dopo un po’ di tempo passato a far la parte del vecchio pittore saggio Cazzaniga ti molla e torna ad ascoltarsi un disco: e così capisci che è uno vero.(stile arte, 2002)

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni: MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri  

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg  WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Franco Battiato pittore: l’attività artistica, l’intervista, le opere

Odd Nerdrum – L’intervista e le scelte stilistiche del titano dei figurativi