Home / News / Cézanne, i misteri della montagna
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Cézanne, i misteri della montagna


Scoperti i tre volti nascosti Paul Cézanne, “La Montagne Sainte-Victoire vue des Lauves”,  1904-1905, olio su tela, Mosca, Museo delle Belle arti Puskin Dallo “scavo” del quadro emergono tre volti appena riconoscibili. Il primo appartiene ad un giovane, dai tratti riconducibili a quelli di un “Arlecchino” degli anni ’90, soggetto per il quale posò anche il figlio Paul. Il secondo è quello di un uomo adulto, volto memore soprattutto del ritratto a matita di Delacroix, maestro al quale Cézanne dedicò una vera e propria “Apoteosi”. Il terzo conduce alla tragicità della vecchiaia, della malattia, della morte. Un teschio dalla bocca orribilmente spalancata che non trova precedenti nella pittura dell’artista, nemmeno nei numerosi teschi dipinti a partire dagli ultimi anni ’90

Scoperti i tre volti nascosti Paul Cézanne, “La Montagne Sainte-Victoire vue des Lauves”, 1904-1905, olio su tela, Mosca, Museo delle Belle arti Puskin
Dallo “scavo” del quadro emergono tre volti appena riconoscibili. Il primo appartiene ad un giovane, dai tratti riconducibili a quelli di un “Arlecchino” degli anni ’90, soggetto per il quale posò anche il figlio Paul. Il secondo è quello di un uomo adulto, volto memore soprattutto del ritratto a matita di Delacroix, maestro al quale Cézanne dedicò una vera e propria “Apoteosi”. Il terzo conduce alla tragicità della vecchiaia, della malattia, della morte. Un teschio dalla bocca orribilmente spalancata che non trova precedenti nella pittura dell’artista, nemmeno nei numerosi teschi dipinti a partire dagli ultimi anni ’90


La montagna Sainte-Victoire è ancora attiva, continua ad emettere numerosi segnali, oscuri indizi. Per coglierli è necessaria un’attiva passività, ovvero quella particolare disposizione o disponibilità che Cézanne ha mantenuto per più di vent’anni di fronte alla feconda, multiforme natura provenzale. La scoperta dell’incredibile autoritratto “sepolto” nell’acquerello del museo di Filadelfia, pubblicata sul numero 88 di “Stile”, ha comportato un attento riesame di tutte le Sainte-Victoire che ha dato luogo a nuove importanti rivelazioni. Come scrivevamo allora, “svelato questo volto, nessuna Sainte-Victoire degli inizi del Novecento rimarrà la stessa. Anche nella Sainte-Victoire del Museo Nelson-Atkins di Kansas City, o in quella della collezione Pearlman, o del Museo Puskin, o del museo di Basilea, si scorgerà un sopracciglio, una narice, un tratto riconducibile ai lavori degli anni Settanta, al volto allora accigliato e un po’ scontroso del pittore”. In realtà, la tela del Puskin doveva svelare altro rispetto all’acquerello di Filadelfia. Se infatti quest’ultimo manifesta l’esito sconcertante di un lungo travaglio, ossia la nascita di un nuovo straordinario genere pittorico, il limpido e sereno “paesaggio-autoritratto” della Sainte-Victoire, il quadro di Mosca rivela un’altra occulta presenza ai piedi della montagna che domina Aix. Una presenza questa volta tragica, incredibilmente moderna. Dallo “scavo” della zona pedemontana emergono in successione, da sinistra verso destra, tre volti appena riconoscibili, quasi totalmente assorbiti dall’instabile materia pittorica. Il primo volto, delicato, sottile, un poco imbronciato, appartiene ad un giovane uomo, dai tratti riconducibili a quelli di un “Arlecchino” degli anni ’90, soggetto per il quale posò anche il figlio Paul. Il secondo volto è quello di un uomo adulto, dagli zigomi pronunciati e dallo sguardo presente, volto memore delle rappresentazioni dello zio Dominique, degli autoritratti più “costruttivi” e soprattutto del ritratto a matita di Delacroix, maestro al quale Cézanne dedicò una vera e propria “Apoteosi”. Il terzo volto costituisce l’apice di un climax ascendente che conduce alla tragicità più lacerante: l’osceno della vecchiaia, della malattia, della morte.

“Piramide di teschi”

“Piramide di teschi”

Un teschio dalla bocca orribilmente spalancata che non trova precedenti nella pittura di Cézanne, nemmeno nei numerosi teschi dipinti a partire dagli ultimi anni ’90, continui memento mori che testimoniano il pensiero sempre più angoscioso e assillante della morte. Solo pochi capolavori successivi, pienamente, tragicamente novecenteschi, mostrano una disperazione altrettanto nuda. Nell’urlo di Innocenzo X la pittura di Francis Bacon raggiungerà una potenza analoga. Joseph Rishel ha efficacemente colto l’eccezionalità di questa Sainte-Victoire che “esprime immediatezza e tensione come nessun altro paesaggio di Cézanne. Il caos sembra imminente, si gioca un conflitto titanico, la stabilità esige la presenza di ogni elemento, l’esaltazione della lotta è affascinante. Si sarebbe tentati di considerare questo paesaggio come l’ultima delle undici tele della montagna Sainte-Victoire vista dai Lauves, perché è difficile immaginare che Cézanne si potesse spingere oltre nel formalismo o nell’espressività. Il nervosismo e la densità della pennellata, lo spessore del colore che indica un’esecuzione a più riprese della tela con la sovrapposizione di numerosi tratti sono straordinari anche nel contesto delle opere tarde di Cézanne” (“Cézanne”, Leonardo Arte, 1995). Nella Sainte-Victoire di Filadelfia Cézanne ha interrato il proprio volto assimilandolo a quello di un paesaggio unico e inconfondibile, raggiungendo un altissimo risultato. Nella Sainte-Victoire di Mosca Cézanne ha sepolto tre volti appena riconoscibili nella “vermosa” terra cantata da Baudelaire: le tre età dell’uomo. Nella montagna sacra, luogo di culto personale e collettivo intriso di leggende e di memorie antiche, geologiche e storiche, ogni distinzione tra generi sostanzialmente diversi – ritratto, natura morta, paesaggio – è cancellata ed assorbita nello sfacelo e nell’assimilazione reciproca degli elementi. Cézanne ha sempre percepito l’aspetto sacro e funereo di questo luogo intriso di sangue pagano e cristiano. Nel suo “Voyage littéraire en Provence” (1780) Papon ha evocato, ispirandosi alle lettere di San Girolamo, le battaglie di Mario contro i barbari che nel 102 a.C. trasformarono l’intera zona ai piedi della Sainte-Victoire in un vastissimo cimitero. Nei numerosi disegni e acquerelli cézanniani che ritraggono le rocce nei pressi dello Chateau noir e le cave abbandonate di Bibémus le forme ricordano un ossario: crani e rotule incassati nella parete e trasformati lentamente in un morbido rocaille. La drammatica “Piramide di crani” dipinta alla fine degli anni ’90 fa pensare alle impressionanti teste mozzate celtiche di Entremont, trovate vicino ad Aix, che Cézanne conosceva bene. Il folle obiettivo di “rifare Poussin sulla natura” sembra dunque raggiunto. Et in Arcadia ego. Anche il pittore, anche il tempo e la morte abitano lo spazio edenico e primigenio della montagna Sainte-Victoire.



Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni: MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri  

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg  WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Quei quadri pornografici. Ecco le posizioni preferite a Pompei

Danza, il dinamismo universale di Gino Severini