Home / Aneddoti sull'arte / Charles Baudelaire, disegni e poesie dominati dalla figura selvaggia dell’amatissima Jeanne Duval
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Charles Baudelaire, disegni e poesie dominati dalla figura selvaggia dell’amatissima Jeanne Duval

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, ALL’INIZIO DELLA PAGINA, POCO SOPRA IL TITOLO DI QUESTO ARTICOLO. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO, OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995>

baudelaire copertina

La moda dell’epoca e il dipinto di Manet, intitolato “L’amante di Baudelaire”, dipinto nel 1862

 

Una grande gonna bianca e morbida come una nuvola, un busto imponente e scuri boccoli mori. Così Manet dipinge Jeanne Duval, ballerina e attrice francese di origine haitiana, amante del suo grande amico Charles Baudelaire. Il poeta la incontra nel 1842. Una storia d’amore tempestosa che, tra alti e bassi, segna i successivi vent’anni della vita e le poesie del poema maledetto. Lei c’è in ogni luogo, in ogni pensiero, in ogni figura femminile. Lei  appare anche in alcuni ritratti, disegnati a penna, come quello che appare qui sotto.

Baudelaire Jeanne Duval

Charles Baudelaire, Jeanne Duval , 1865, disegno a penna in inchiostro di china Louvre

Le scrive il poeta: “Lasciami respirare a lungo, a lungo, l’odore dei tuoi capelli. Affondarvi tutta la faccia, come un assetato nell’acqua di una sorgente, e agitarli con la mano come un fazzoletto odoroso, per scuotere dei ricordi nell’aria. Se tu sapessi tutto quello che vedo! tutto quello che sento! tutto quello che intendo nei tuoi capelli!
La mia anima viaggia sul profumo come l’anima degli altri viaggia sulla musica. I tuoi capelli contengono tutto un sogno, pieno di vele e di alberature: contengono grandi mari, i cui monsoni mi portano verso climi incantevoli, dove lo spazio è più bello e più profondo, dove l’atmosfera è profumata dai frutti. dalle foglie e dalla pelle umana.
Nell’oceano della tua capigliatura, intravedo un porto brulicante di canti malinconici, di uomini vigorosi di ogni nazione e di navi di ogni forma, che intagliano le loro architetture fini e complicate su un cielo immenso dove si abbandona il calore eterno. Nelle carezze della tua capigliatura, io ritrovo i languori delle lunghe ore passate su un divano, nella camera di una bella nave, cullate dal rollio impercettibile del porto, tra i vasi da fiori e gli orcioli che rinfrescano.
Nell’ardente focolare della tua capigliatura, respiro l’odore del tabacco, confuso a quello dell’oppio e dello zucchero: nella notte della tua capigliatura, vedo risplendere l’infinito dell’azzurro tropicale; sulle rive lanuginose della tua capigliatura, mi inebrio degli odori combinati del catrame, del muschio e dell’olio di cocco. Lasciami mordere a lungo le tue trecce pesanti e nere.
Quando mordicchio i tuoi capelli elastici e ribelli, mi sembra di mangiare dei ricordi”.

baudelaire nadar

Un presunto ritratto fotografico di Jeanne, scattato da Nadar, che fu l’amante della giovane donna, prima di Baudelaire. Ma la donna dell’immagine presenta caratteri caucasici che non lasciano intravedere un’ascendenza nera

 

baudelaire Courbet_LAtelier_du_peintre

Jeanne Duval appare in quest’opera, L’atelier dell’artista, dipinto olio su tela, 359×598 cm, realizzato da Gustave Courbet nel 1854 – 1855 e conservato oggi a Parigi, al Musée d’Orsay. Alla nostra destra, con un libro in mano, il poeta Charles Baudelaire. Accanto alla porta, con abito azzurro, è dipinta la sua amante. Baudelaire, duante una delle numerose separazioni dalla donna, chiese a Courbet di cancellarne il ritratto dal dipinto. Il pittore accontentò l’amico, ma cinquanta anni dopo il colore iniziò a distaccarsi, portando alla luce la figura che era stata nascosta

Non si sa la data del suo arrivo a Parigi, nè, esattamente il luogo da cui proveniva. Si dice che fosse di Haiti. Aveva un volto occidentale, ma molto olivastro. Era particolarmente alta. Non si conosceva nemmeno il suo cognome, che mutava di volta in volta. Durante un ricovero ospedaliero, disse di essere nata a Santo Domingo, ma non si sa se questa testimonianza sia attendibile perchè certamente imbrogliò dichiarando, ad esempio, nella stessa circostanza, un’età inferiore a quella che aveva realmente. Baudelaire era attratto dalla fusione genetica tra l’occidente francese, che sembrava riemergere da Jeanne, e i geni lontani di un antenato di colore. Era attratto dal mistero. Dall’unione tra caratteri primordiali, misteriosi e selvatici, e qualcosa di familiare e di domestico.

Nel 1838-1839, ricoprì ruoli minori nel teatro della Porte Saint-Antoine, sotto il nome d’arte di Berthe. Incontrò il fotografo Nadar,  ne diventò l’amante.  Il suo incontro con Baudelaire avvenne tra aprile e maggio 1842,  nel Faubourg Montmartre, durante una festa. Baudelaire vide che alcuni  ubriachi importunavano pesantemente la giovane donna. Così intervenne, offrendo il braccio alla ragazza, che poi accompagnò a casa.

Fu l’inizio di un lungo rapporto, contrassegnato da molti anni di convivenza, da separazioni, da rotture – che parevano irreversibili – e da riconciliazioni.
Nel 1845, Baudelaire scrisse al suo notaio una lettera: “Quando Jeanne vi darà questa missiva, io sarò morto. Lei, nel momento in cui scrivo, non conosce i miei propositi. Tranne la parte riservata a mia madre, la signorina dovrebbe ereditare tutto ciò che ho lasciato . ” . Questo tentativo di suicidio si tradusse in un graffio. Ma più tardi, nel 1852: “Jeanne è diventata un ostacolo non solo per la mia felicità (…)  ma per il miglioramento della mia mente . […] Ho lacrime di vergogna e di rabbia negli occhi mentre scrivo questo; ed in verità sono lieto che non ci siano armi in casa mia”.
Si lasciano, ma la separazione è lungi dall’essere definitiva. Nel mese di dicembre del 1855, Baudelaire vive con lei nel quartiere del Boulevard du Temple, 18 rue d’Angouleme 23 .
Nuova pausa nel settembre 1856: “Il mio legame con Jeanne è rotto. Questo distacco, questa lotta è durata una quindicina di giorni. […] So che sempre rimpiangerò quella donna”. Eppure il legame tormentato e irrinunciabile proseguirà almeno fino al 1861. Poi silenzio. Si dice che lei sia morta di sifilide nel 1842, poco più che quarantenne. Ma la notizia sarà smentita dal suo vecchio amante, Nadar, che dirà di averla vista claudicante, sulle stampelle, nel 1870.




 

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni: MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri  

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg  WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Le beffe di Tintoretto, le pubblicità di Canaletto sui primi giornali

Tatuaggi, arte da Biennale. L’antologia dei tatoo che sfruttano la forma delle natiche. La donna-piovra

228 Condivisioni
Condividi228
Tweet
+1
Condividi
WhatsApp