Home / Aneddoti sull'arte / Così venivano puniti gli alunni-pittori nelle accademie dell’Ottocento
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Così venivano puniti gli alunni-pittori nelle accademie dell’Ottocento

Venturoli_Valutazioni

Venturoli_Esami

Valutazioni giornaliere degli studenti; Esito degli esami; 1891-92. Bologna, Fondazione Collegio Artistico Venturoli

di Jessy Simonini

I documenti esposti riportano le valutazioni giornaliere e gli esiti degli esami di un ciclo di allievi del Collegio Venturoli; il periodo preso in esame è l’anno scolastico 1891-1892, durante il quale erano collegiali gli alunni Capri Cleto, Masotti Giovanni, Pasquinelli Alberto e Romagnoli Giuseppe.

I registri delle valutazioni giornaliere sono un resoconto costante e quotidiano del comportamento degli alunni, ai quali ogni giorno veniva assegnato un voto dallo zero al cinque per la condotta in Collegio. Si passa da Giuseppe Romagnoli, ligio al dovere, a cui vengono assegnate colonne su colonne di “5” (nonostante qualche occasionale e momentaneo cedimento), al “turbolento” Masotti, nella cui colonna non è infrequente l’annotazione “punito”, che appare sopra uno “0”.

La valutazione, come si è detto, era quotidiana, e si può capire che il contatto fra il valutatore e gli alunni era particolarmente stretto e costante. Le turbolenze, i voti particolarmente bassi, non devono stupirci: i ragazzi, del resto, vivevano l’esperienza del Collegio in una fase particolarmente complessa delle loro vite, indicativamente fra i 12 e i 20 anni, nel pieno dell’adolescenza. I voti di “contegno e diligenza” sono dunque spesso accompagnati da note come “insolente”, “empio”, “sfacciato”, oppure vengono riportati episodi singolari, come per esempio quelli di alunni che si addormentano durante la lezione.

Abbiamo notizia di una certa magnanimità da parte dei docenti del Collegio: sono rarissime le espulsioni e le punizioni non ci sembrano particolarmente severe. L’utile tesi di Francesca Serra, “Vita e Didattica dell’arte nel Collegio Venturoli” conservata nel Collegio stesso, riporta che le punizioni più frequenti erano “essere relegati nella propria stanza per un giorno interno, talvolta a pane e acqua” o “nel rinunciare ad una delle varie passeggiate che il Rettore organizzava abitualmente”. Ma nel migliore dei casi era sufficiente una lettera di scuse per giustificarsi del comportamento inadeguato, letta magari davanti al resto della classe.

Venturoli_Masotti

Giovanni Masotti (1873 – 1915), Leonardo da Vinci dipinge la Gioconda. Bologna, Fondazione Collegio Artistico Venturoli

 

Osserviamo una sostanziale identità fra le valutazioni del comportamento degli studenti e i risultati degli esami finali di quell’anno. Dalle materie d’esame emerge chiaramente l’idea di un sapere che integra gli insegnamenti artistici con lo studio di materie come “composizione italiana”, “storia della letteratura italiana”, “francesce – scritto e orale”, “storia artistica” e “storia politica”.

 Veduta di uno degli studi del Collegio Venturoli. Nell'angolo il modello dell'angelo della tomba Borghi Mamo della Certosa bolognese, di Enrico Barberi (1850 - 1941)

Veduta di uno degli studi del Collegio Venturoli. Nell’angolo il modello dell’angelo della tomba Borghi Mamo della Certosa bolognese, di Enrico Barberi (1850 – 1941)

Brilla, in tutte le materie, il Romagnoli; meno brillante, ovviamente, il Masotti, che sarà poi, in futuro, legato ad ambienti anarchici e socialisteggianti. Che la turbolenza collegiale sia in qualche modo una prefigurazione della sua futura storia personale? Ad ogni modo il sapere fornito dal Collegio era un sapere trasversale. Profondamente diverso da quello impartito presso l’Accademia di Belle Arti. Lo riporta Modonesi, con un piglio decisamente critico e competitivo, in una pagina del Diario del Segretario del 1887: “Nient’altro mi resta da dire dunque dirò come meglio posso quanto l’istruzione sia necessaria per gli artisti. Al nostro tempo la maggior parte di quelli che intenderebbero chiamarsi col nome d’artisti, escono dall’Accademia con un’ignoranza da inorridire. Appena sanno dipingere credono di essere artisti valenti e di non aver più bisogno di nulla. Quello che hanno imparato per loro basta e in questo modo ne han da saper molto! Hanno lasciato gli studi di belle lettere per dedicarsi all”arte appena terminato il corso elementare e dopo non ne hanno voluto più sapere. Come possono dunque riuscire valenti delle persone con tale istruzione? Si può dire che sanno appena leggere e scrivere e poi si lamentano se non ritrovano soggetti da trattare. Per forza bisogna che questo succeda; non hanno cognizione né storia né di al un’altra scienza quindi si attengono alla pura e semplice copia dal vero. Qual meraviglia se l’arte perisce e la pittura decade! Mancano quelli che la dovrebbero mantenere nel suo alto grado di nobiltà e in cambio si perdono a. Rappresentare mille minute volgarità (…), ne viene di conseguenza che non possono essere che puri veristi; ma il verista non si può dire artista giacchè questi non si limita alla copia del vero, ma esterna nei suoi lavori quella bellezza la quale, appunto perché concepita nella mente, dicesi ideale è la rappresenta scegliendo nel vero quei tipi e quelle forme che meglio rispondono all’idea che aveva vagheggiato nella mente…”

Gli studenti che frequentavano il Collegio ne uscivano con un’istruzione più solida e più organica rispetto ai loro colleghi dell’Accademia. Del resto, i docenti e i mezzi di cui disponeva il Collegio erano notevoli, certamente superiori rispetto a quelli dell’Accademia. Il Collegio era dotato di una ricchissima biblioteca e di un “Gabinetto di fisica e di Storia Naturale”, che consentiva anche lo studio di materie scientifiche. Nessuna divisione snowiana fra le “due culture”: ma un sapere integrato, innovativo, aperto a varie espressioni intellettuali.

L’ambiente, che si configurava come una “famiglia”, forniva numerosi spunti intellettuali e di arricchimento culturale per alunni davvero privilegiati, dotati di molte più possibilità e di una notevole libertà di espressione, elementi davvero rari e inusuali alla fine del XIX° secolo.

Ringraziamo l’editore e l’autore. Il testo è contenuto nel catalogo della mostra
Angelo Venturoli. Una eredità lunga 190 anni. tenutasi al Museo Civico di Medicina (Bologna)

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni:
MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri
 

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

      FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland

Old Holland: Colori - Qui trovi una selezione di colori a olio

WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg

Williamsburg olio Signature colori Set - Prezzo: EUR 63,70 + EUR 11,77 di spedizione

WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON

Winsor & Newton Winton Oil Assortimento 10 Tubi 37 ml Assortiti - Prezzo consigliato: EUR 51,30 Prezzo OFFERTA: EUR 43,90 | Spedizione 1 giorno Risparmi: EUR 7,40 (14%) Tutti i prezzi includono l'IVA.

REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Van Loo (1614-1670): “Fate l’amore, non fate la guerra”. La mossa infallibile di Venere su Marte. Video

A San Martino si facevano i traslochi. Perchè? Il capolavoro di Campi dedicato alla giornata