Home / Le piante nell'arte / Collegio Venturoli – I deliziosi erbari degli studenti d’arte dell’Ottocento
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Collegio Venturoli – I deliziosi erbari degli studenti d’arte dell’Ottocento

Angelo Venturoli, (Medicina 1749 – Bologna 1821), fu un architetto e un promotore delle arti e della formazione dei giovani artisti. Venne nominato principe dell’Accademia clementina di Bologna e fondò il collegio -che oggi porta il suo nome – destinato ai giovani che mostrassero predisposizione per le materie artistiche. Come progettista, inclinato al neoclassicismo, basato sulla ripresa di modelli filtrati, nel Cinquecento, da Palladio, realizzò, tra gli altri, il palazzo Hercolani e la facciata della  chiesa dei Santi Gregorio e Sirio.

Una deliziosa mostra – Angelo Venturoli. Una eredità lunga 190 anni, curata da Roberto Martorelli e da Luigi Samoggia – ne ha celebrato figura e istituzione educativa, rendendo, attraverso cento opere, la temperie di un’epoca. Un omaggio reso da Medicina, il luogo natale, al suo illustre concittadino. Nel testo che segue, di Gloria Malavasi, esamina gli erbari che gli studenti realizzavano dopo passeggiate di svago, durante le quali, comunque non si perdeva di mira il lato educativo. Fiori e piante che poi venivano copiati, affinché l’artista non fosse indotto ad immaginazione, ma ad un’osservazione e a una riproduzione del vero.

Medicina_Erbario

Una delle cartelle facente parte dell’erbario del Collegio Artistico Venturoli di Bologna, seconda metà del XIX secolo

 

di Gloria Malavasi

A testimonianza della fervida attività didattica in ambito scientifico cui venivano sottoposti gli studenti del Collegio artistico Venturoli di Bologna durante il rettorato di Augusto Romagnoli (dal 1870 al 1903), sono consultabili 120 cartelle sciolte, composte da un foglio di carta grezza piegato al centro a guisa di carpetta, numerate da 27 a 4996 e datate per il periodo 1882-1886. La numerazione farebbe quindi presupporre un assai più corposo insieme, probabilmente smembrato volutamente o sottoposto comprensibilmente a continui rimaneggiamenti, poiché sono molte le cartelle riutilizzate e rinumerate tramite l’escamotage del semplice rovesciamento del foglio di contenimento e la cancellazione del  precedente titolo con un tratto di matita.

collegio venturoli 1

Giuseppe Romagnoli (1872-1966),  Studio di fiori, olio su tela, 1889. Bologna, Collegio artistisco Venturoli

 

 

 

Ogni cartella contiene da 1 a 5 piante essiccate affiancate dalla relativa placchetta colorata descrittiva, in cui vengono fornite 4 tipologie di informazioni: Genere, Specie (in termini latini e secondo la nomenclatura binomia linneana),  Località di raccolta e Data.

Tali schede non sempre sono compilate integralmente, mentre il genere e la specie sovente vengono ripetuti sul fronte della cartella a matita.

Le piante, a volte dotate anche dell’apparato radicale, sono essiccate, pressate e posizionate tra i due fogli della coperta senza alcun vincolo di spago o di colla, permettendone in tal modo  comodamente la visione fronte e retro.

Alcune cartelle (poche in verità) hanno anche un foglio più rigido interno che le rende meno fragili, oppure una carta assorbente, il che farebbe presupporre che il confezionamento sia avvenuto a essicazione non ancora completata. In altre è presente un foglio sul quale la pianta è stata anche disegnata.

Medicina_Erbario (2)

Cleto Capri (1873-1965), studio di farfalle, olio su tela, 1889. Bologna, Collegio artistico Venturoli

 

 

Esse contengono piante raccolte durante le passeggiate che si svolgevano prevalentemente nei mesi estivi ma anche nei mesi invernali (vedi carpetta 31 datata 10 febbraio 1884). Le località prescelte erano urbane (es. zona Fossolo, porta San Mamolo, strada di Gaibola, Convento dell’Osservanza) prative o montane situate spesso nei dintorni di Bologna (Paderno, Barbiano, Mongardino, Campi di Lustrole, lungo Reno, Monte Vigese, Monte Cimone, Corno alle Scale, Ronzano, prati di Baricella). .

Erano previste infatti uscite di svago (della durata di almeno un’ora e mezza al giorno) durante le quali gli studenti, oltre a praticare attività all’aperto, ritenuta indispensabile per un’ottima salute, venivano invitati a continuare l’attività di studio nelle diverse materie, cosicché la visita culturale a un’esposizione, a una chiesa o a un monumento laico diveniva occasione per raccogliere campioni di rocce, fossili, piante, per l’approfondimento degli studi nelle materie scientifiche, tramite l’osservazione partecipe e consapevole del mondo esterno.


Alcune passeggiate erano organizzate proprio con lo scopo di raccogliere fiori, oppure assistere ai fenomeni dell’alba o del tramonto, oppure osservare il cielo, la qual cosa procurava particolare piacere e divertimento nonché momenti di riflessione profonda ai ragazzi. Durante l’osservazione diretta della natura vigeva l’uso di prendere appunti e venivano redatti resoconti mensili dall’alunno designato “segretario” del mese. I fiori venivano utilizzati poi anche come soggetti da riprodurre nelle varie tecniche artistiche.

Particolarmente significativo è quanto scrive Alfonso Modonesi durate il segretariato del mese di settembre 1887: «…E’ sempre meglio copiare dalla natura che da quello che hanno fatto gli uomini. Almeno in questo modo non si è copisti dell’arte di un secolo; ma si riesce sempre nuovi perché si prendono delle idee da delle cose che hanno tutta la ragione di essere e in natura non c’è nemmeno un filo d’erba o il più piccolo insetto che non abbia il suo perché d’esistere».

 

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni: MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri  

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg  WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Pont-Aven, la Bretagna mitica per Gauguin. Com’è oggi, com’era. Cosa vi dipinse e perchè. Il video

Come Warhol produceva questi ritratti serigrafici. Artista mostra procedura. Il video Tate