Home / News / Come e perchè l’arte contemporanea spiazza oggetti e pubblico? La risposta al MoMA
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Come e perchè l’arte contemporanea spiazza oggetti e pubblico? La risposta al MoMA


di Stefano Maria Baratti

Dal 22 Agosto 2015 al 28 Febbraio 2016, il MoMA di New York ospita una mostra retrospettiva  intitolata “Take an object” (“Prendi un oggetto”) che passa in rassegna una serie di opere che – a partire dalla fine degli anni cinquanta fino agli inizi degli anni sessanta – ripercorrono alcune tematiche fondamentali dell’Arte Pop, Minimal Art ed Arte Concettuale basate sul linguaggio di defamiliarizzazione proposto nel 1964 dal taccuino di  Jasper Jones, dove l’artista annotava: “Take an object / Do something to it / Do something else to it. ” (“Prendi un oggetto, facci qualcosa, facci qualcosa di diverso”). Con questa frase, Jones da il via  ad un fenomeno che diverrà il leitmotiv di un’intera generazione di artisti e critici che adotteranno come motivo ricorrente un linguaggio di disengagement dalla prospettiva del luogo comune e dalla percezione degli oggetti del quotidiano.

baratti

Nell’ambito di questo orientamento, Jones  teorizza il concetto di defamiliarizzazione  come principio di organizzazione che soggiace alla pulsione creativa di una tensione continuamente rilanciata tra oggetti e linguaggio, messa in scena del quotidiano e indifferenza annichilente e sclerotica della forza dell’abitudine. Secondo  l’artista americano, il pubblico automatizza tutto ciò che si ripete e che si ripresenta alla sua coscienza, essendo incapace di mantenere una percezione alternativa degli oggetti.  In tali frangenti, l’arte è un linguaggio che serve semplicemente a farci vedere le cose con occhi diversi, e riesce a farlo grazie a tecniche stilistiche e strutturali precise. Così facendo,  Jones da vita ad un fenomeno che permette di andare per un momento oltre lo scontato giudizio sulla banalità del quotidiano  per analizzarne un’implicazione ulteriore.

Lungi dall’essere un movimento a senso unico, la defamilializzazione dell’oggetto, da funzione pratica a prospettiva emotiva, coagula in sé la funzionalità e la spiritualità, il reale ed il simbolico, tramite una metamorfosi che decodifica  la triangolazione semiotica  significante- significato- referente, manifestando una sorta di nuova “conoscenza interna” dell’oggetto.

 

Mentre Warhol opera una sorta di elevazione all’ennesima potenza del cliché pubblicitario, a quello che è stato definito “Il luogo comune del luogo comune”,  Jones defamiliarizza il sintagma “scarpa” da un’unità formulare fissa, che veicola un giudizio preformato  di “calzatura formata da una suola che protegge il piede nella parte inferiore e da una tomaia che lo copre nella parte superiore” a  potenziale artistico, liberando l’oggetto dal proprio contesto abitudinario e funzionale e trasferendo sia forma che contenuto a forze ambivalenti  in cui si manifesta la “dualità essenziale delle cose”.

 

Come nelle opere di Warhol, la questione dello stereotipo rappresenta il primo, vero confronto dell’arte con i luoghi comuni del consumismo americano postbellico,  il messaggio di Jones  è proprio quello di “rinfrescare” la nostra visione delle cose, di spostare il nostro modo di percezione dall’automatico e pratico all’artistico, riutilizzando ed avvalorando materiali che provengono dai margini quasi invisibili dell’indifferenza del quotidiano: indumenti, arnesi, giornali, lampadine, scatole, sedie, bric-à-brac di ornamenti su mensole di camini, tavole e scaffali diventano il coagulante di un pout-pourri di tecniche, metodi e forme al quale apportano il loro contributo Robert Rauschenberg , Niki de Saint Phalle, Betye Saar, e Katsuhiro Yamaguchi.

Valutazione gratuita quadri e oggetti - Come vendere e guadagnare da casa - Fare gli artisti e guadagnare

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Le dolci imprese erotiche dei fidanzatini della Belle Epoque nei quadri di Auer

Con quali materiali dipingevano gli antichi Romani? Il caso della tela maledetta di Nerone

Condividi
Tweet
+1
Condividi
WhatsApp