Home / Pittura antica / Comunicare l’arte, tra reale e virtuale
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Comunicare l’arte, tra reale e virtuale

di Enrico Giustacchini

Continua l’inchiesta di “Stile” sul futuro della storia dell’arte e della comunicazione degli eventi all’arte collegati. Stavolta abbiamo incontrato Luciano Caramel. Ordinario di Storia dell’arte contemporanea e Direttore dell’Istituto di Storia dell’arte medievale e moderna all’Università Cattolica di Milano e Brescia, autore di numerosi libri e curatore di importanti mostre, Caramel è tra i maggiori studiosi italiani del settore.

cara42Secondo lei, la civiltà contemporanea sta perdendo il senso della storia? E questa tendenza – se c’è – quanto può incidere sulla storia dell’arte?
Quello che lei chiama il “senso della storia” è sempre stato qualcosa di relativo. Inevitabilmente, come la storia medesima, implica concezioni molto diverse, e addirittura opposte: immanenti e trascendenti, relativiste e finalistiche, cicliche e provvidenzialistiche, materialistiche e spiritualistiche, mitiche ed evoluzionistico-progressive. Il “senso della storia” non può non essere diverso in un ateo e in un credente, in un materialista e in un idealista, eccetera. Se l’oggetto rimane l’uomo e quanto questi ha fatto nella sua “storia”, appunto, l’interpretazione, e quindi l’attribuzione di valore, cambia, persino nel modo di concepire l’aspetto diacronico, quello della successione temporale degli eventi umani, che può conseguentemente essere primario o no, e che in ogni caso può mutare di segno. Premesso questo, credo che ci sia oggi, nei giovani soprattutto, una sempre più diffusa disaffezione per la memoria del passato e per la considerazione dei suoi nessi col presente. Credo anche che ciò sia per gran parte dovuto agli esiti, e agli interni presupposti, della comunicazione elettronica. Che non è asettica, strumentalmente “pura”, ma, divenendo determinante nella trasmissione del sapere, finisce con l’esserlo sulla natura stessa del sapere, come fin dal 1979 riconosceva François Lyotard nel suo “La condizione postmoderna”: un “Rapporto sul sapere”, come l’autore stesso lo definì. Quella condizione comporta il modello sincronico dell’ipertesto, che non può non influenzare i meccanismi del pensiero. Anche nell’ambito storiografico, e, ovviamente, pure in quello storiografico-artistico, che credo non debba rinunciare a quel giudizio di valore che è tutt’uno con il giudizio storico, e proprio nella sua storicità e non definitorietà di cui dicevo. Giudizio storico che certo può trarre grandi frutti dalla tecnologia informatica, senza rinunciare ai suoi caratteri costitutivi, diacronicità compresa. Ma tutto ciò è sempre più difficile farlo capire ai giovani, studenti e anche artisti. Più difficile, ma non impossibile. Almeno lo spero.
Dunque la storia dell’arte è sempre attuale, anche all’inizio del nuovo millennio. E la filologia?
La filologia è uno strumento, essenziale, del giudizio storico. Che della filologia non può fare a meno, come la filologia non può prescindere dal registro storico. La relatività del “senso della storia” è quella della storiografia, dello studio della storia e della sua narrazione. Che tuttavia è – e non può non essere – fondato sulla ricerca e l’analisi oggettiva, filologica appunto, dei fatti, dei reperti, dei documenti. Ricerca, analisi che d’altronde non può a sua volta prescindere dalle coordinate storiche, indispensabili ad una comprensione non parziale del fatto, del reperto, del documento.
Come vede il futuro dello studio e della comunicazione dell’arte, anche alla luce dei nuovi media?
I nuovi media già sono, e sempre più saranno, preziosi per la comunicazione dell’arte. Resta tuttavia sempre essenziale, come per lo studio, il rapporto diretto, non virtuale, non mediato, con la cosa. Specifico dell’arte – salvo che nelle sue espressioni più strettamente concettuali e, naturalmente, in quelle elettroniche, e anche cinematografiche e video – è l’essere, per usare una terminologia semiologica, un messaggio oggettuale, con tutto quanto ne consegue.
Lunga vita alle mostre, quindi.
Me lo auguro. Purché non si appiattiscano sulle aspettative e i profitti dell’industria culturale, sul cui altare molti aspetti preziosi dell’arte, del suo significato possono essere dolorosamente immolati. La mostra è inevitabilmente uno spettacolo, ma non deve esserlo solo, o preminentemente, di se stessa. Anche il piano didattico, di larga informazione, deve avere fondamenti rigorosi, storici, in primo luogo, per tornare a quanto sopra si diceva. Anche per questo non vanno trascurati, o subordinati all’occasionalità delle mostre (magari con prestiti troppo frequenti e rischiosi), i musei, luoghi privilegiati dell’arte e della sua storia.
E che mi dice delle “mostre-pacchetto”?
Bisogna distinguere. Se fatte bene, se la loro progettazione e realizzazione sono affidate a società serie, che utilizzano persone serie e competenti, possono essere positive, anche molto positive. Purtroppo, però, non sempre è così. Tra il grano c’è, ahimè, anche il loglio.
Un’ultima questione: il mercato. Com’è cambiato, come sta cambiando? Le gallerie hanno un futuro davanti a sé?
Siamo in una fase di cambiamenti, anche radicali. Si assiste alle fortune delle televendite. C’è chi si fa, o arricchisce, la collezione via TV. Le gallerie sopravviveranno? Molte no, fortunatamente. Chiuderanno, spero, le molte che oggi offrono prodotti generici e scadenti, o persino svolgono attività di affittacamere per artisti di scarsa qualità o sprovveduti. Resteranno, penso, quelle più specializzate, che propongono opere importanti, anche storicamente, e di alto prezzo (una specie di modernariato, che già del resto accompagna l’antiquariato) e quelle, forse, che ospitano e fanno conoscere i giovani, che più degli altri possono trarre frutto da un rapporto diretto col collezionista, promosso o facilitato dal gallerista. Il futuro non sarà comunque neppure della televisione: prestissimo sarà Internet ad avere la meglio. Le televendite, del resto, si adegueranno. Anzi, già si stanno adeguando.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni: MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri  

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg  WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Susanna e i vecchioni nell’arte: molestie, libidine, onestà. I pittori e la storia. Il video

Albrecht Dürer, gli acquerelli di viaggio. Gratis le quotazioni del maestro. Il video