Home / Futurismo / Concerto futurista – Guarda e ascolta l’Arte dei rumori di Luigi Russolo
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Concerto futurista – Guarda e ascolta l’Arte dei rumori di Luigi Russolo


PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

Luigi Russolo con Ugo Piatti nel laboratorio degli intonarumori a Milano

Luigi Russolo con Ugo Piatti nel laboratorio degli intonarumori a Milano

di Enrico Raggi

Fanno un po’ di tenerezza quei due signori distinti, addossati alle pareti, quasi sommersi dalle loro appariscenti invenzioni, a metà strada fra bacinella, imbuto gigantesco, inquietante nasuto pacco regalo. Cosa sono quegli strani oggetti? Li diresti fatti di cartone, latta, compensato e colla, resti di magazzino di filodrammatica paesana, se non fosse per le mattonelle esagonali, i fili della luce volanti, i lampadari da opificio minuscolo, un tavolino con alcuni attrezzi, lima, seghetto, cacciavite. Dove siamo finiti? L’espressione dei due è seria, del tipo “ce l’abbiamo fatta”; ma pure leggermente assorta, come il cacciatore di leoni di fronte al corpo della belva ammazzata, tanto inseguita che alla fine ti ci affezioni. Mancano solo le etichette sulle scatole: ululatori, rimbombatori, ronzatori, sibilatori, e via dicendo.

La benzina ha preso fuoco. Il Futurismo è definitivamente esploso. Il furore del nuovo eccita gli animi. Francesco Balilla Pratella (ottobre 1910) ha firmato il Manifesto dei musicisti futuristi, nel quale si propone di restituirci “l’anima musicale delle folle, dei grandi cantieri, dei treni, dei transatlantici, delle corazzate, delle automobili, degli aeroplani”. Luigi Russolo, a tale scopo, ha smesso di dipingere per costruire dei sonorissimi marchingegni e li ha battezzati intonarumori. “Oggi il Rumore trionfa e domina sovrano”, sintetizza deciso.

Ci scrive perfino un trattato, L’arte dei rumori (Stampa Alternativa, 120 pagine). L’intuizione è semplice: la vita è piena di suono. Giriamo per la città. Osserviamola attentamente. Aguzziamo l’udito. Raccogliamo le sue sonorità, dalle più moleste (molto bene: le sentiremo meglio) a quelle meno percettibili. Riproduciamo artificialmente ciò che abbiamo scoperto, intoniamolo, organizziamolo. Lasciate ogni paura, o voi ch’ascoltate. Nessuno tema i decibel eccessivi. Cambiamo segno al rumore-fastidio-disordine: tramutiamolo in suono-piacere-bellezza.

Rombi di aereo, ticchettii, colpi di maglio, frastuono di fabbrica fonderia officina, sirene, motori, valgono più delle decrepite vecchie insulse note. Gli strumenti tradizionali? Roba sorpassata, scaduta. Merce avariata, che già manda cattivo odore. Le nuove “composizioni” spalancano “visioni” inaudite: fischi, scoppi, gorgoglii, schianti, scrosci. Se siete in vena, aggiungete gemiti risate rantoli risucchi pernacchie colpi di tosse miagolii ceffoni. Chi più ne ha, più ne metta. Mescolate. Sbattete la bottiglia fino a che il tappo salti. Bando al risparmio. Gli intonarumori creeranno per voi appositamente miracolosi effetti speciali. Vènghino, vènghino. “Una nuova voluttà acustica mi eccita”, proclamano i musicofuturisti. Punizioni corporali a denigratori, avversari, tiepidi, debosciati, anime molli.

La prima esecuzione pubblica, 21 aprile 1914, teatro Dal Verme di Milano, è trionfale. Insulti, lancio di oggetti, sputi calci sberle, scazzottate furibonde, tra opposte fazioni. Spuntano bastoni. Facce insanguinate. Russolo, imperterrito, statuario, sacerdotale, dirige la sua “orchestra”. Ha cose più importanti da fare che ascoltare quanto avviene alle sue spalle. Sta inoltrandosi in un territorio sconosciuto. Avanza a colpi di dinamite. Officia. I suoi ventitré musicisti girano manovelle, abbassano leve, impugnano tubi, pallidi come durante una battaglia, sudati che nemmeno trasportassero un pianoforte. Altri rumori li fa il pubblico, che urla e schiamazza forsennato. In rari casi, si segnalano colpi di pistola (probabilmente a salve) sparati in aria durante l’esecuzione, per tacitare un uditorio troppo rumoreggiante. Ma il casino non era voluttà? Perché godersi in religioso silenzio il delizioso crepitio di quegli scatoloni sonori?

Il lavoro di Russolo è certosino. Classifica estensioni, redige un prontuario di effetti, analizza le combinazioni migliori, individua le particolarità di ogni strumento. Particolare attenzione pone ai “Suoni della guerra”. Studia fonetica, linguaggio, differenze tra vocali e consonanti. “Fate attenzione all’elasticità mentale dell’esecutore. Che sia aperto al nuovo”, avverte. Mica si sta suonando Mozart. La notazione consiste in orizzontali linee seghettate, tipo l’andamento della Borsa. E’ questa la musica del futuro? Le orecchie incrostate dei benpensanti si apriranno alla comprensione del nuovo verbo acustico? Nessun capolavoro spunta all’orizzonte. Stravinskij, Ravel, Prokofiev, Milhaud vedono all’opera gli intonarumori ma non li utilizzano. In molti casi, le composizioni dei futuristi nostrani consistono in una scialba risciacquatura di Debussy. Ridicolaggini para-impressioniste. Una decina d’anni più tardi nessuno ricorderà più nulla.

Gli intonarumori si rivelano inadeguati a tradurre idee così avanzate. Bisogna lavorare molto di fantasia. Serve una sfrenata immaginazione (accovacciata nelle poltrone di qualche coraggioso teatro). Gli effetti alla lunga stancano. L’arte è fatta (anche) di pensiero organizzato, di lucido caos. Istinto, inconscio, razionalità. Qualcuno prova a inserire rumori artificiali e/o suoni naturali nei suoi brani (Erik Satie, in Parade, per citarne uno), nel disperato tentativo di arricchire e fecondare. Ma è solo decorazione. Lustrino. Cartolina ritoccata.

L’invenzione del registratore, la comparsa di strumenti elettrici (Emeriton, onde Martenot, xelenofono, terminvox), la manipolazione elettronica del suono, cacciano in soffitta Russolo e soci. In un decennio, come si diceva, le loro avventure diventano preistoria.

La strada, però, appare definitivamente tracciata. La loro provocazione pone interrogativi. Il rumore, non trasfigurato in idea musicale, è un prodotto estetico accettabile? Puoi aggrapparti al fragile stupore evocato da un chiasso organizzato? Il fracasso è dignitoso? I musicisti futuristi sono pionieri, avanguardisti, sognatori. Da loro è nata una nuova sensibilità, inimmaginabile. Il passo compiuto è irreversibile.

 


 

 

Valutazione gratuita quadri e oggetti - Come vendere e guadagnare da casa - Fare gli artisti e guadagnare

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

I messaggi cifrati nel quadro dell’Apparizione della Madonna della Stella del Romanino

“Quella Venere è volgare, ha il sedere grosso”. Hayez: “Ho copiato le forme della ballerina Carlotta”

204 Condivisioni
Condividi204
Tweet
+1
Condividi
WhatsApp