Home / News / CRIPTICO TRIO
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

CRIPTICO TRIO


Attorno al 1510, vede la luce uno dei capolavori della pittura di quel grande secolo, il cosiddetto Triplo ritratto. Il quadro appartiene alle collezioni del Detroit Institute of Arts. Si tratta di un’opera che emana un alone di mistero ed erotismo, di indubbia fertilità emotiva e di alchimia, anche nei corrispettivi concetti psicologici e sociali che vi sottendono, seppure in una non perfetta crasi nei procedimenti di creazione e stratificazione.

Inizialmente lo si era ritenuto un pastiche, nato per soddisfare le esigenze collezionistiche del Seicento; in realtà una scritta sul retro, coperta dalla tela di rifodero, quindi non più visibile, diceva: Frà Bastian del Piombo-Giorzon-Titian. I dubbi, numerosi e su più fronti, cominciarono a sorgere non solo per tale scritta, non coeva, ma anche perché Sebastiano Luciani divenne “del Piombo” solo nel 1531, a seguito dell’ambita sinecura di piombatore offertagli da Clemente VII. La data evidentemente e comunque è in contrasto con lo stile del quadro, che risale ad almeno vent’anni prima, assumendo quindi il 1531 come terminus post quem. Inoltre diversi storici, nei secoli, hanno nutrito dubbi sulla effettiva paternità dell’opera. Per di più, il fatto che esistano una decina di copie ulteriori fa presagire che il successo, a noi immediatamente chiaro, dato dalla cripticità del dipinto, fosse ampiamente riconosciuto già nel Cinquecento.

 

Fin dalla prima attribuzione nota, nello inventario di Guglielmo d’Orange ai primi del Settecento, si dice che il quadro è di Tiziano, Giorgione e Palma il Vecchio.

Rylands non lo associa nella sua monografia a Palma, mentre Furlan lo attribuisce a Pordenone. Berenson, poi, ne vede la mano di Tiziano con aiuti. Certo è che risulta difficile pensare a come tre maestri di tale portata avessero deciso di passarsi in modo così amichevole una tela, senza accavallare i singoli slanci egoici tipici di ciascun grande artista. La materia strappata, sottilmente forte ed ampia, che esce e colonizza il fruitore, espressa dal ricamo della manica bianca a sbuffo della donna a sinistra la quale poggia la sua mano destra sul petto dell’altra donna, forse toccandola in modo sensuale, forse indicando il cuore per alludere ad un problema sentimentale, pare essere di Tiziano. Mentre il mistero emanato dalla figura al centro, un uomo più maturo, calato nella semioscurità, così come ombroso è il suo pensiero e, di conseguenza, il suo sguardo, riecheggia l’agonia psicologica, caratteristica delle opere e dei personaggi di Giorgione.

Rimane la donna a destra. Dalla carnagione chiara, liscia e fusa come le pennellate di Sebastiano. Più stoica e geometrica, possente e stabile come il Polifemo nell’affresco di Villa Farnese, la tenuta romana del banchiere senese Agostino Chigi, che scelse il Luciani quale prediletto artista, assieme a Sodoma, Peruzzi e Raffaello. E ne divenne mecenate e protettore. Lo sguardo fisso e austero, quasi di rimprovero, pare non assecondare le occhiate morbide, dolci dei piccoli occhi neri della donna di Vecellio.

Inoltre, una certa mancanza di coordinamento compositivo fa pensare che ciascuna figura sia stata concepita dai tre autori in modo separato e autonomo; prima Giorgione, poi Sebastiano e infine Tiziano, a cui il compito di raccordo, forse non del tutto riuscito, dato che gli occhi della donna del Luciani risultano tanto più alti rispetto a quelli della donna tizianesca che li osserva.

E qui si generano le contraddizioni che solo un quadro del genere può sviluppare. Sono le due donne amanti e l’uomo le osserva intrigato? Oppure la donna di destra ama ed è stata tradita dall’uomo che, con un prepotente senso di colpa, si cela (e quindi la donna di sinistra la scaccia con gesto di sfida)? Qualcuno fa da mezzana per un amore sul nascere?

Chi è l’amante di chi, e perché qualcosa non funziona non è facile da definire. Le interpretazioni rimangono aperte, e forse è per questo che il quadro ha, da sempre, un grande successo: perché ognuno, stimolato dal mistero, può nutrire la propria fantasia, cavalcarne i percorsi e valutare di far terminare la storia del Triplo ritratto criptico così come più gli piace e gli pare opportuno. Ingenerando in tal modo il primo esempio di dipinto psicologicamente interattivo che la storia dell’arte abbia mai avuto.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni:
MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri
 

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

      FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland

Old Holland: Colori - Qui trovi una selezione di colori a olio

WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg

Williamsburg olio Signature colori Set - Prezzo: EUR 63,70 + EUR 11,77 di spedizione

WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON

Winsor & Newton Winton Oil Assortimento 10 Tubi 37 ml Assortiti - Prezzo consigliato: EUR 51,30 Prezzo OFFERTA: EUR 43,90 | Spedizione 1 giorno Risparmi: EUR 7,40 (14%) Tutti i prezzi includono l'IVA.

REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Chi è davvero il misterioso Banksy? Dove portano le tracce della sua identità. Un video lo inchioda?

L’amplesso di Giulio Romano a Palazzo Te. Il significato dell’affresco