Home / Arte Eros / Degas, le donne spiate
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Degas, le donne spiate


di Anita Loriana Ronchi

a_5Edgar Degas (1834-1917) viaggiò moltissimo in Italia, attratto come numerosi suoi compatrioti dalla cultura e dall’arte del nostro Paese. Egli stesso era di origine partenopea (il padre, un ricco banchiere, era infatti nato a Napoli) e, grazie anche alla disponibilità finanziaria della famiglia, visitò a lungo le città di Perugia, Assisi, Orvieto, Viterbo, Arezzo, Firenze, Napoli. In modo particolare la sua permanenza a Firenze, nel giugno del 1858, gli permise di dedicarsi alla copia delle opere conservate nei musei, folgorato dal “culto dei primitivi”, come erano definiti i pittori italiani del Quattrocento.

Questo legame profondo con le radici culturali della Penisola rimase una costante del suo lavoro ed una delle ragioni della sua inclinazione al dialogo con gli artisti di casa nostra. Si trattava di una corrente di scambio reciproca, considerato che le caratteristiche delle sue opere ispirarono in maniera vivida e indelebile alcuni pittori e scultori italiani che risiedevano a Parigi durante gli anni ’70 e ’80 dell’Ottocento, soprattutto Giovanni Boldini, Federico Zandomeneghi, Giuseppe De Nittis e Medardo Rosso. Non c’è dubbio che il portato rivoluzionario della ritrattistica di Degas, con il suo audace senso della composizione, l’impiego di un tratto sicuro e la sperimentazione di varie tecniche artistiche, ne distinguessero la produzione da quella dei colleghi impressionisti.


Inevitabile, quindi, che la sua pittura divenisse in un certo senso il faro che illuminava la via parigina di un manipolo di artisti alla ricerca di qualcosa di innovativo e desiderosi d’inserirsi nel più galvanizzante circuito dell’arte europea. Furono in parecchi ad intraprendere la strada per la capitale francese, ed alcuni di essi divennero protagonisti di spicco di quel clima. Ciascuno di loro rispose in maniera autonoma e originale alle suggestioni del grande maestro francese: mentre Zandomeneghi e De Nittis si dedicarono per lo più ai temi urbani di vita moderna dipinti da Degas, Boldini condivise soprattutto il suo interesse per la figura umana e per le testimonianze del passato. Un esempio fondamentale per tutti fu rappresentato dal paradigma nella tecnica del pastello e dell’incisione. Affascinante ed in buona parte ancora inesplorata, per quanto riguarda la scultura (e se ne occupa, colmando finalmente una lacuna, la mostra ferrarese) la relazione tra le figure in cera del francese e le radicali innovazioni apportate da Medardo Rosso nella modellazione della cera e del gesso. Concentriamoci sulla triade Boldini, De Nittis e Zandomeneghi, tre figure che tante esperienze ebbero in comune: condivisero amici illustri, lavorarono e vissero conoscendo alterne fortune. Il richiamo nella capitale è probabilmente dato dall’Esposizione universale del 1855, che costituisce un evento unico in quanto catalizzatore di personalità e di movimenti.

 

Il rapporto più precoce con gli impressionisti è quello avviato da De Nittis, che partecipa alla prima mostra del gruppo e che per tutta la vita resterà vicino anche idealmente ai suoi esponenti, come testimonia la similitudine tra le vedute dipinte en plein air dell’artista pugliese e il Degas paesaggista. Quanto a Boldini, non esiste una sostanziale corrispondenza stilistica della sua formula con quella impressionista; tuttavia fu proprio il pittore ferrarese a misurarsi con la capacità di cogliere con apparente naturalezza il momento più intimo del soggetto, una delle peculiarità di Degas rispetto agli altri impressionisti. “Per voi ci vuole la vita naturale, per me la vita artificiale” diceva lo stesso Degas, marcando questa sua cifra costituiva, che manifestava nella passione per le icone della vita moderna come le ballerine, le cantanti o i caffè parigini. Il più “impressionista” degli italiani residenti a Parigi fu probabilmente il veneziano Zandomeneghi, non solo per i contatti diretti e produttivi avuti con la scuola, ma proprio per il timbro espressivo, la tavolozza, l’andamento della pennellata e della composizione. A partire dalla metà degli anni ’80 l’attenzione di Degas si spostò verso uno studio meticoloso del nudo femminile, colto da un punto di vista totalmente diverso, cioè come se si presupponesse l’assenza dello spettatore e la modella venisse guardata “dal buco di una serratura”. Gli italiani s’interessarono a questo nuovo genere di osservazione, che implicava anche una sperimentazione delle tecniche del pastello e del monotipo largamente impiegate da Degas. La splendida “Donna che si fa pettinare” della Nasjonalgalleriet di Oslo, per citare un caso, trova eco in opere quali “Nudo di donna che si asciuga i capelli” di Zandomeneghi.

Valutazione gratuita quadri e oggetti - Come vendere e guadagnare da casa - Fare gli artisti e guadagnare

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Cosa significa “pittori bamboccianti” e chi era il Bamboccio. Il video delle opere

Orgoglio donna. Giovanna Garzoni, campionessa di pittura del Seicento. La storia, il video delle opere

207 Condivisioni
Condividi207
Tweet
+1
Condividi
WhatsApp