Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

Desolazione! O mia patria sì bella e perduta

Condividi:

Seguici su Facebook e metti Mi Piace alla pagina di Stile Arte:

V. VELA, La Desolazione. Monumento Gregorini Bingham, 1875, marmo di Carrara, Bologna, cimitero della Certosa, choistro della Cappella
V. VELA, La Desolazione. Monumento Gregorini Bingham, 1875, marmo di Carrara, Bologna, cimitero della Certosa, choistro della Cappella

Nella consapevolezza che scrivere riguardo a uno dei massimi artisti dell’Ottocento, quale è Vincenzo Vela, non è impresa consigliata, così tanto meno raccomandato è scrivere di una delle sue opere più celeberrime e intense quale è la Desolazione, .Noi diamo l’avvio con una delle testimonianze più intese e struggenti sull’opera, uscite dalla penna avvolgente di Antonio Fogazzaro: “Una giovane donna, bellissima, dai capelli scomposti, dalle vesti cadenti, siede là sopra un alto seggio, piegato il busto gentile in avanti, puntati i gomiti alle ginocchia, strette le guance fra i pugni chiusi, fissi gli occhi torbidi nel vuoto. Il volto rivela un’intelligenza forte che affonda nella follia. Nessuna cura stringe più costei né del mondo né di sé. Nessun vivente presuma, per esserle stato caro, poterle recar conforto. Ella non torcerebbe un momento gli occhi suoi avidi dalla visione di angoscia che impietra; e tuttavia ci balena che possa repente balzar dal seggio con uno strido, avventurandosi là dove guarda, tanto potente vita spirò nel marmo il grande artista che le pose il nome di “Desolazione”.  

Nel  1851, Vincenzo Vela conclude su commissione di  Giacomo e Filippo Ciani, al fianco dei quali aveva combattuto durante le Cinque Giornate di Milano, il monumento in memoria dei genitori (Lugano, Giardino di Villa Ciani). L’opera è portata in mostra all’esposizione braindense, insieme alla statua colossale dello Spartaco, lo schiavo ribelle che riesce a rompere il gioco della tirannia, e  sia Carlo Tenca sia Andrea Maffei, che le dedica uno splendido sonetto, colgono nell’immagine femminile, dal titolo La Desolazione, un’allusione politica all’Italia sconfitta e affranta a seguito degli esiti dei moti del 1848.  Lo scultore decide di avvicinarsi all’iconografia funeraria in modo assolutamente inedito, sottraendosi dalla raffigurazione delle consuete immagini femminili consolatorie e rassicuranti, personificazione di virtù ideale, scegliendo invece di mettere in scena un dolore più che mai reale e tangibile a cui non è possibile dare nessuna risposta. Nel marmo, replicato poi successivamente per il monumento funebre dedicato a Adelaide Gregorini-Bingham (Bologna, cimitero della Certosa) e per il barone Von Derwies (ubicazione sconosciuta), Vela riesce a muoversi su due diversi registi tematici ed emotivi sovrapponendo al sentimento di dolore e di incapacità umana di accettare la morte, il dramma, altrettanto forte e lacerante, della caduta degli ideali e del successivo “ritorno all’ordine”, celando e nello stesso tempo urlando gli uni attraverso gli altri. Una sintesi in cui magistralmente l’opera diventa portatrice di molti messaggi espressi con diversi codici, per diversi destinatari.

NEL FILMATO LA DESOLAZIONE DI VELA A LUGANO

blank

SE HAI GRADITO IL SERVIZIO E STILE ARTE, VAI ALL’INIZIO DELLA PAGINA E CLICCA “MI PIACE”
 

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
blank
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis blank   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto blank Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!