Home / Aneddoti sull'arte / Diffamazione a mezzo quadro: come Michelangelo umiliò Soderini
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Diffamazione a mezzo quadro: come Michelangelo umiliò Soderini


Anche dipingendo si può offendere o diffamare. E il pennello ferisce quanto la spada.
La storia dell’arte trabocca di artisti che misero alla berlina i contemporanei, talora con punzecchiature, talvolta con stoccate feroci. E spesso pagarono cara la “lesa maestà”.
Il vezzo di beffare i “nemici” è antico. Basta pensare alle allegorie del Botticelli o alle caricature di Brueghel e Duerer, ai dipinti di Goya che nel ciclo degli Alienati ironizza su vizi e scandali della corte spagnola.
Antica è la maldicenza: Apuleio e Petronio, Boccaccio, Machiavelli, Dante e Casanova ne sanno qualcosa.
Noie si ebbero anche con gli autoritratti. Non certo quando Raffaello si dipinse nella “Scuola di Atene”, ma piuttosto quando il volto di Michelangelo apparve nel “Giudizio Universale” (lo si vede nella pelle vuota esibita da San Bartolomeo scorticato). Anche se scuoiato vivo dalle critiche sulle nudità avanzate da Pietro Aretino, il piangersi addosso non fu gradito. Figuriamoci poi quando decise di passare all’attacco.
A questo proposito, ecco, alla spiccia, qualche stoccata pittorica in tema di beffe o diffamazioni.

Michelangelo e Soderini
Pier Soderini e Biagio da Cesena furono le vittime illustri di Michelangelo. Mentre l’artista lavorava alla Cappella Sistina, subì alcune critiche da Soderini. Michelangelo, successivamente, aggiunse un nuovo personaggio agli affreschi, ovviamente nudo, il cui viso era quello del suo detrattore.
Il Buonarroti aveva, del resto, il dente avvelenato con il Soderini dai tempi del “David”. Siamo a Firenze. Colui che allora era il Confaloniere di Giustizia, giunge in piazza mentre Michelangelo è al lavoro e giudica il naso della statua un po’ grosso, come racconta Vasari. Con arie da intenditore suggerisce ritocchi al giovane artista. “Forse avete ragione, eccellenza”, risponde Michelangelo. Recupera dal ponteggio una presa di polvere di marmo e ironicamente finge di assestare il naso.

Michelangelo,_Giudizio_Universale_31ape
Anche Biagio da Cesena, maestro di cerimonie di Papa Paolo III Farnese, aveva biasimato le nudità rappresentate da Raffaello. Osservò che questa non era un’opera che potesse figurare nella cappella del Papa ma risultava degna di campeggiare nelle “stufe d’osteria”. Così gli chiese di coprire le “pudenda”. Michelangelo per ricordare il suo censore si divertì a illustrare l’invettiva di Ezechiele: “Increduli, ribelli, impostori, scorpioni che aspettate per pentirvi”.
E nelle sembianze di Minosse, con orecchie d’asino e torace avviluppato da un serpente che gli morde i testicoli, castigò Biagio da Cesena. Il cerimoniere non ebbe soddisfazione nemmeno dal Papa: “Se t’avesse messo nel purgatorio, farei di tutto per levarti; ma nell’inferno non posso fare nulla” gli disse.
Purtroppo il povero Michelangelo (ormai morto) venne censurato, come tutti ben sappiamo, nel 1564, un anno dopo la fine del Concilio di Trento. A Daniele da Volterra toccò coprire la nudità, tanto da passare alla storia con il soprannome di “Braghettone”. E per fortuna le sue tempere coprirono ma non fecero perdere l’affresco originale. Solo trattando Santa Caterina d’Alessandria e di San Biagio distrusse l’affresco e ridipinse le figure.

Valutazione gratuita quadri e oggetti - Come vendere e guadagnare da casa - Fare gli artisti e guadagnare

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Le dolci imprese erotiche dei fidanzatini della Belle Epoque nei quadri di Auer

Con quali materiali dipingevano gli antichi Romani? Il caso della tela maledetta di Nerone

135 Condivisioni
Condividi
Tweet
+1
Condividi
WhatsApp