Home / Aneddoti sull'arte / E’ dello stalliere di Filippo il Bello il primo, nobile ritratto di un uomo di colore
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

E’ dello stalliere di Filippo il Bello il primo, nobile ritratto di un uomo di colore


PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

JAN MOSTAERT, Ritratto di uomo africano, 1520-30 ca., olio su tavola, 30,8 x 21, 2 cm, Amsterdam, Rijksmuseum

JAN MOSTAERT, Ritratto di uomo africano, 1520-30 ca., olio su tavola, 30,8 x 21, 2 cm, Amsterdam, Rijksmuseum

Conosciamo il nome del primo uomo africano ritratto da un pittore europeo: si tratta di Cristoforo il Moro, stalliere di Filippo il Bello, poi guardia del corpo di Carlo V. E’ questa, perlomeno, la suggestiva ipotesi avanzata da Ernst Van den Boogaart, storico olandese, che ha raccolto i risultati della sua ricerca in un Bollettino del Rijksmuseum, il luogo dove attualmente è conservato il quadro – dovuto a Jan Mostaert -, in occasione della presentazione che ne ha seguito l’acquisto. In verità, persone di colore erano già apparse su tele e affreschi, ma si trattava sempre di casi isolati: per lo più schiavi o personaggi della tradizione cristiana (il magio Baldassarre per esempio), e comunque mai rappresentati da soli.

Questa volta invece una persona di colore viene raffigurata nella sua individualità. Perché? Van den Boogaart prova a spiegarcelo attraverso una teoria che, anche se non è l’unica formulata sull’identità della misteriosa effige, è però la più accreditata. Se per Kate J. Lowe, studiosa britannica, è un esempio dell’universalismo cristiano, per lo storico olandese dimostra, al contrario, l’imperialismo della cultura europea, pronta a prendere sotto la propria ala anche uno stalliere qualunque purché obbediente e fedele all’imperatore. Ma veniamo agli indizi che suffragano questa tesi. Il primo sospetto sulla non regalità del moro nasce dall’analisi dei suoi indumenti: è vestito bene, non benissimo: è demodé. Mai un nobile avrebbe posato in questo modo, senza nemmeno un gioiello ad impreziosirne l’aspetto. Inoltre i fiori di giglio che decorano il cinturone e il distintivo posto sul cappello all’africana lo classificano come un convertito, caratteristica tipica dei servi che lavorano presso grandi casati. Ciò che rende particolare il quadro, però è che l’individuo è un uomo libero, come denota il look, che segue le regole del canone rinascimentale. Sapendo inoltre che l’opera è databile tra il 1520 e il 1530, e che a quell’epoca l’autore, Jan Mostaert (1475-1555), dipingeva presso la corte di Margherita d’Austria, sembra naturale pensare che si possa trattare dell’unica persona africana presente allora a Malines, residenza imperiale. E’ Cristoforo, prima stalliere di Filippo il Bello, poi pretoriano del figlio Carlo. L’attribuzione è confermata dal cromatismo degli abiti: rosso, bianco, dorato, i colori dell’imperatore.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Chi è Fulvio Roiter, le radici di un genio fotografico. Le opere, la poetica

I segnali stradali nell’arte – Le opere di Francesco Garbelli reinventano le icone delle vie e le auto

222 Condivisioni
Condividi222
Tweet
+1
Condividi
WhatsApp