Home / Aneddoti sull'arte / Ecco i demoni del peccato che apparvero a Costanza, protettrice del Caravaggio
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Ecco i demoni del peccato che apparvero a Costanza, protettrice del Caravaggio

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

Dipinto parietale della Madonna del Varallino

Dipinto parietale della Madonna del Varallino

Non distante dal palazzetto di campagna di Costanza Sforza Colonna, la protettrice di Caravaggio, a Galliate, in provincia di Novara, su una strada che abbandona il paese per segnare un cammino che porta a folte risaie e a fitte boscaglie di un luogo davvero metafisico, sorge il santuario del Varallino, così denominato poichè esso stato realizzato, in scala ridotta, sul modello di uno degli edifici del sacro monte di Varallo Sesia. Esso è proprio sulla via che veniva percorsa dalla marchesa, dai suoi figli e forse dallo stesso piccolo Caravaggio – che era davvero uno di “casa” per gli Sforza Colonna – per raggiungere la villa. Ma leggiamo bene le parole della scheda riportata nel sito del Comune di Galliate, per poi entrare in un piccolo riservatissimo segreto.

Uno scorcio di Villa Fortuna, nei pressi di Galliate, che fu proprietà di costanza Sforza Colonna, la protettrice di Michelangelo Merisi. L'edificio si trova in aperta campagna, sul ciglio di un dislivello boscoso dal quale si leva il costante canto delle acque in caduta

Uno scorcio di Villa Fortuna, nei pressi di Galliate, che fu proprietà di costanza Sforza Colonna, la protettrice di Michelangelo Merisi. L’edificio si trova in aperta campagna, sul ciglio di un dislivello boscoso dal quale si leva il costante canto delle acque in caduta

Il santuario del Varallino, dove la nobildonna, secondo la leggenda, fu fatta cadere dal demonio

Il santuario del Varallino, dove la nobildonna, secondo la leggenda, fu fatta cadere dal demonio

L'interno del santuario del Varallino. Nell'abside la Madonna miracolosa. L'edificio fu ampliato, grazie alla donazione della nobildonna romana

L’interno del santuario del Varallino. Nell’abside la Madonna miracolosa. L’edificio fu ampliato, grazie alla donazione della nobildonna romana

 

La suggestiva cupola del santuario del Varallino. L'effetto di grande profondità è ottenuto con la sagomatura di materiale in primo piano (la parte più scura) mentre gli altri dipinti sono stesi sul muro della cupola

La suggestiva cupola del santuario del Varallino. L’effetto di grande profondità è ottenuto con la sagomatura di materiale in primo piano (la parte più scura) mentre gli altri dipinti sono stesi sul muro della cupola

“L’attuale edificio, dedicato alla Natività di Maria Vergine – scrivono gli storici del Comune – sorge nel luogo in cui un tempo si trovava una piccola cappella con l’immagine della Vergine Maria nell’atto di porgere al Bambino una pera, ritenuta miracolosa: l’affresco, risalente al XV secolo, è ancor oggi visibile nel coro della chiesa. La leggenda narra infatti che una nobildonna romana, posseduta dal demonio, si recò alla cappella per chiedere la grazia della guarigione. Mentre si avvicinava all’edificio, la donna venne sbalzata dalla carrozza, ma non si fece alcun male. Anzi, rialzandosi, si accorse di essersi anche liberata dallo spirito maligno. La matrona attribuì questa liberazione alla benevolenza della Madonna miracolosa: perciò lasciò una cospicua offerta affinché si ingrandisse la piccola chiesetta”. Ebbene: la nobildonna romana è molto probabilmente Costanza Colonna vedova Sforza. Lo studio recente, nel corso delle indagini svolte da Maurizio Bernardelli Curuz e Adriana Conconi Fedrigolli sul giovane Caravaggio, ha portato i due ricercatori nei luoghi frequentati da Merisi e nell’archivio dei padri Barnabiti di Milano, in cui sono conservate le minute delle lettere che il generale della congregazione, Bascapè, scriveva a Costanza, di cui era direttore spirituale. Tra la fine degli anni Ottanta e l’inizio degli anni Novanta del Cinquecento, dopo aver perso il marito, Costanza entra in una crisi profonda. Non ama il paese di Caravaggio e, soprattutto, la fredda, rigorosa Milano, dove ha un palazzo. Non sopporta la rigida, formale e distaccata Lombardia e sogna di tornare a Roma dai familiari, con i propri figli. E’ da questa crisi che, in qualche modo, nascerà il fenomeno-Caravaggio. Merisi infatti dovette approfittare di quello che sarebbe stato il trasferimento definitivo della sua protettrice, per guadagnare la via di Roma. La crisi e la depressione di Costanza erano profonde. Il direttore spirituale la affronta con lettere durissime poichè lei riceve uomini in camera da letto e non insegna alla figlia più grande la distanza che deve tenere con gli uomini; in più partecipa alle salottiere letture di romanzi amorosi, durante serate in cui uomini e donne condividono la sala. L’eco del disagio profondo e della prostrazione psichica in cui versa Costanza riverbera nelle lettere del suo direttore spirituale. Si sente forse posseduta dal demonio se i pensieri sono legati alla carne e all’amore? E come può agire lei, vedova, in una regione nella quale le donne devono prendere rapidamente un nuovo marito per evitare scandali? Costanza non si vuole sposare, pensa a Roma, soppesa dolorosamente le dure parole di Bascapè. Ecco allora la depressione trasformarsi in demonio. Il santuario del Varallino sorge sulla strada che conduce alla villa. Gli affreschi ricordano le presenze demoniache che avvolgono questa storia. A dimostrazione che i materiali leggendari si sviluppano su un nucleo di verità storica.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni: MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri  

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg  WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Piero della Francesca, cosa stava accanto al suo “Battesimo”? Ecco la ricomposizione corretta del puzzle

Eva Jospin, una grotta incantata realizzata nel bosco con il calco dei cartoni. Un lavoro straordinario. Il video