Home / Fotografia / Emanuele Bernardelli Curuz, le bellezze d’Italia da condividere (1)
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Emanuele Bernardelli Curuz, le bellezze d’Italia da condividere (1)


© Emanuele Bernardelli Curuz

© Emanuele Bernardelli Curuz

L’esperienza svolta accanto ai fotografi paesaggisti irlandesi, ha lasciato una traccia nell’opera fotografica di Emanuele Bernardelli Curuz, che qui si misura con grande efficacia, con uno dei borghi più belli d’Italia, cogliendo con acutezza i punti di integrazione tra paesaggio naturale, paesaggio antropizzato, acque di diverso colore e varianti cromatiche di notevole interesse. Ne esce un canto non retorico a uno degli angoli più suggestivi di Italia.

© Emanuele Bernardelli Curuz

© Emanuele Bernardelli Curuz

© Emanuele Bernardelli Curuz

© Emanuele Bernardelli Curuz

© Emanuele Bernardelli Curuz

© Emanuele Bernardelli Curuz

© Emanuele Bernardelli Curuz

© Emanuele Bernardelli Curuz

Le immagini si riferiscono a Borghetto, uno splendido nucleo di abitazioni-mulini che si affacciano sul fiume, nei pressi di un ampio ponte che congiunge le due rive opposte dell’amissario del lago di Garda. Situato in provincia di Mantova, tra le splendide colline moreniche, che creano un paesaggio mosso da saliscendi, tra boschetti intricati e corsi d’acqua, Borghetto fu evidentemente un punto di guado che risale ai tempi priestorici, ma ciò che si conosce è la storia relativamente più recente. I longobardi, forse utilizzando preesistenti strutture romane, intervennero sul ponte e sugli edifici circostanti, che avevano una funzione di difesa e al tempo stesso potevano costituire un’area di servizio per i viaggiatori. Per transitare su un ponte, di pagava un pedaggio. Nell’epoca della Signoria dei veronesi Della Scala e, successivamente dei Visconti, si apprestò un ponte collegato da mura al sistema difensivo di vValeggio sul Mincio, che sorge sulla collina sovrastante il fiume, e presumibilmente furono effettuati i lavori per la parziale modifica del corso d’acqua, con la realizzazione di case-mulino nelle quali potessero essere macinate le granaglie. La potenza dell’acqua è mantenuta costante da un innalzamento del fondale, a monte delle strutture stesse. Il disegno urbanistico, splendido, fa pensare alle opere idrauliche appuntate da Leonardo da Vinci sui suoi codici. E se anche la mano di Leonardo non esiste in questo borgo, lo stile è molto vicino al suo e appartiene alla stessa cultura del territorio. Nei pressi dei mulini, ma sul terreno della riva del fiume, sorge la chiesa parrocchiale dedicata a san Marco Evangelista, edificio è affiancato dal campanile di epoca scaligera che contiene una campana risalente all’anno 1381 (una delle più antiche del veronese). Notevole il concerto di Campane alla veronese della chiesa, composto da 6 pezzi in Sib3

© Emanuele Bernardelli Curuz

© Emanuele Bernardelli Curuz

© Emanuele Bernardelli Curuz

© Emanuele Bernardelli Curuz

© Emanuele Bernardelli Curuz

© Emanuele Bernardelli Curuz

Sotto il profilo della grande storia, Borghetto fu, nel Seicento attraversato dall’esercito francese, nel corso della guerra di Successione spagnola e il 30 maggio 1796, durante la Campagna d’Italia, Napoleone, che aveva conquistato la Lombardia si spinse fino al Mincio, verso il territorio veronese e mosse attacco, proprio a Borghetto, dove erano assestati sette battaglioni e quindici squadroni. Poichè punto di passaggio fortificato del fiume, questo luogo suggestivo fu teatro di scontri nel corso della prima guerra di Indipendenza, il 9 aprile 1848 quando la terza divisione piemontese, guidata da Broglia, giunse da ovest. Gli austriaci per evitare attacchi sul manufatto, guastarono il ponte, rendendolo impercorribile. Il 29 giugno 1859 fece qui sosta il terzo Corpo d’armata francese – gli eserciti erano stati impegnati nella battaglia di San Martino e Solferino, a poca distanza – e, durante la terza guerra di Indipendenza, il 23 giugno 1866, qui si accampo’ la divisione italiana Sirtori.

© Emanuele Bernardelli Curuz

© Emanuele Bernardelli Curuz

© Emanuele Bernardelli Curuz

© Emanuele Bernardelli Curuz

Una curiosità filmica

Nelle vicinanze del ponte di Borghetto, il regista Luchino Visconti realizzò alcune scene del film Senso (1954)

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni:
MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri
 

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

      FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland

Old Holland: Colori - Qui trovi una selezione di colori a olio

WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg

Williamsburg olio Signature colori Set - Prezzo: EUR 63,70 + EUR 11,77 di spedizione

WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON

Winsor & Newton Winton Oil Assortimento 10 Tubi 37 ml Assortiti - Prezzo consigliato: EUR 51,30 Prezzo OFFERTA: EUR 43,90 | Spedizione 1 giorno Risparmi: EUR 7,40 (14%) Tutti i prezzi includono l'IVA.

REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

E se la dolcezza femminile fosse un’arma invincibile, ma dimenticata? Foto di donne dell’Ottocento

Irma Haselberger, la fotografa della pioggia. Gli effetti sorprendenti tra ombrelli e lastre graffite