Home / News / Escher e l’Italia. Viaggio nella vita dell’artista olandese
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Escher e l’Italia. Viaggio nella vita dell’artista olandese

di Chiara Bertoldi

Se in passato poteva accadere di incontrare il nome di Escher menzionato più nei libri di introduzione alla matematica e alla psicologia che non in quelli di storia dell’arte, da tempo ormai la figura dell’autore di origine olandese, amato per le sue celeberrime incisioni, sta ricevendo la meritata attenzione anche in Italia, terra che indelebilmente rimase impressa nella mente e nel cuore di Escher, quanto nella sua ricchissima produzione.

E’ indubbio che Escher debba la propria notorietà ad opere quali “Cielo e acqua I” del 1938 e “Relatività” del 1953, emblematici esempi delle sue rappresentazioni grafiche di mondi impossibili ed ambigui, metamorfosi di realtà simultanee a dimostrare che l’uomo non può che percepire una frazione soltanto di ciò che lo circonda. E’ indubbio anche che i suoi scorci illusionistici, le prospettive invertite, la sovrapposizione di differenti e distinti piani del reale abbiano saputo descrivere ed esprimere l’ambiguità e le trasformazioni che si stavano vivendo al suo tempo.

Ma Escher fu inizialmente altro. Dopo un primo soggiorno in Italia durante il 1921, egli ne fu a tal punto folgorato che decise di trasferirvisi stabilmente, dall’anno seguente fino al 1934, comprando casa a Roma e compiendo, ogni primavera, lunghi viaggi che gli permettessero di conoscere ed ammirare il fascino nonché la diversità delle città e dei paesaggi italiani: Firenze, Siena, San Gimignano, Assisi, Urbino, la costiera amalfitana, l’Abruzzo, la Calabria, la Sicilia. Questo instancabile peregrinare generò la sua prima produzione caratterizzata dall’esatta rappresentazione della realtà visibile. Ma se l’Italia fu la musa ispiratrice del suo periodo giovanile, Escher seppe comunque, fin da subito, rappresentare familiari scorci attraverso una riproduzione della realtà del tutto personale.

Ecco spiegata l’attenzione rivolta ai paesaggi calabresi, capaci di offrire quel senso d’infinito che sempre affascinò il maestro olandese, ma anche il ricorso alla prospettiva aerea spesso e volentieri impiegata in quel periodo, oppure la scelta di immortalare Roma rigorosamente di notte, evitando così di coglierne il lato barocco. E ancora il riconoscere elementi, soggetti nonché atmosfere ambigue, che avrebbero da lì a qualche anno caratterizzato le sue incisioni. Non potrebbe forse essere “Ravello e costiera amalfitana” del 1931 un diretto antecedente di un’opera come “Giorno e notte” del 1938, incisione che già rientra in un’altra tipologia di creazione?

Di certo l’aver abbandonato l’Italia nel 1935, a causa della diffusione del fascismo, determinò un grande mutamento nella sua produzione. Queste le parole dell’artista a tal proposito: “In Svizzera, Belgio, Olanda, dove abitai successivamente, le forme di paesaggio e quelle architettoniche mi impressionarono meno di quelle dell’Italia meridionale. Per necessità mi dovetti distaccare, in un certo senso, dalle riproduzioni fedeli, più o meno dirette o indirette del mio ambiente. Questa condizione fu, senz’altro, un forte stimolo per la nascita delle immagini ‘interne’”.

Escher non sembrò infatti più cercare fuori da sé, ma all’interno di sé, creando un rapporto strettissimo ed al tempo stesso illusorio tra il piano e lo spazio: non esistono più limiti certi, cielo e mare si confondono, notte e giorno sono un tutt’uno. Nel tentativo di riprodurre l’idea di infinito, l’artista si ispirò ai disegni moreschi conosciuti in Spagna e contemporaneamente allo studio dei cristalli, ripetendo forme similari e riempiendo la superficie con metamorfosi di animali, piante e persone.

Nonostante questo decisivo cambiamento, dal 1935, l’influenza dell’arte italiana sembrò in un certo qual modo non affievolirsi, ma piuttosto farsi più presente e marcata. Se le sue anomalie spaziali potrebbero ricordare gli errori prospettici della pittura senese trecentesca e quattrocentesca, la compresenza di più scene ed episodi richiama sensibilmente le raffigurazioni medievali. Ma se Escher tanto deve all’Italia per quanto riguarda la sua poetica e la sua notorietà, non vanno dimenticate le origini olandesi. Ne costituiscono un esempio emblematico gli specchi convessi, sovente presenti nelle creazioni dell’autore, e che fanno parte del repertorio della pittura fiamminga, mentre altri soggetti sembrano ispirarsi alle opere di Bosch, per non parlare della riproduzione esatta e particolareggiata della realtà, ben nota caratteristica dell’arte nordeuropea

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni: MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri  

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg  WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Le beffe di Tintoretto, le pubblicità di Canaletto sui primi giornali

Tatuaggi, arte da Biennale. L’antologia dei tatoo che sfruttano la forma delle natiche. La donna-piovra

Condividi
Tweet
+1
Condividi
WhatsApp