Home / Gli animali nell'arte / Eugenio Busi – Dipinti di caccia
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Eugenio Busi – Dipinti di caccia

Il pittore Eugenio Busi ha realizzato per l’Assessorato provinciale di Alessandro Sala un libro che racconta la montagna, l’attività venatoria e le tradizioni. Un viaggio per non dimenticare


Arte e antropologia, in fitto colloquio, nel libro L’alta valle del Caffaro. Caccia e Bagoss, un’opera realizzata dalla Provincia di Brescia – Assessorato alla Caccia – con testi, disegni e dipinti del pittore Eugenio Busi. Nella terra di Stagnoli, tra i monti eterni cantati da Edoardo Togni, Busi si è mosso con l’intento di fornire una documentazione completa di un mondo arcaico, per fissarne liricamente – ma con quella poetica tutta lombarda, legata strettamente al canto della verità – punti e riti salienti. Una realtà che viveva in un magico equilibrio con la natura. “Un mondo nel quale la caccia – dice Alessandro Sala, ideatore dell’iniziativa editoriale – si inserisce come momento di equilibrio, fortemente connesso con le attività tradizionali fino al punto da costituire un elemento irrinunciabile. E’ in questi ambiti, andando alle radici e considerandone l’evoluzione culturale, che l’attività venatoria emerge come settore di interazione dell’uomo con l’ambiente, senza che la presenza umana sia percepita come una realtà estranea alla quinta naturale.

Del resto già Federico II di Svevia aveva individuato la chiave di volta del pensiero venatorio moderno, quando scriveva che “la caccia è un’arte o non è caccia”. Arte perché passa attraverso una tecnica e si definisce attraverso il rispetto delle regole. Ecco perché ho chiesto al pittore Busi che si esprimesse attraverso la sua pittura, per indirizzarci in quel mondo straordinariamente sensazionale che passa da Bagolino al Bagoss, dalla Valle Sabbia agli strumenti del mestiere del duro quotidiano lavoro. Tutte realtà che ci permettono di ricordare e riassaporare atmosfere e culture all’apparenza perdute. Tutto ciò diventa un modello educativo coerente. Un legame tra l’uomo e la natura sempre più da riscoprire, reinventare e rinsaldare, in un rapporto equilibrato tra l’uomo e la sua terra”. L’idea è nata in un capanno, al Maniva. “E’ stato semplicemente così che Alessandro Sala ha avuto quest’idea – dice il pittore – che ho condiviso istantaneamente perché mi avrebbe coinvolto nella maniera più piena. Caccia e bagoss, infatti, sono forse le cose che mi attraggono di più, naturalmente dopo i quadri, perché sono oltre trent’anni che vivo su quelle montagne”. Ecco quindi il pittore lavorare prima ad una struttura narrativa – suggerita dal rilevamento di momenti quotidianamente cruciali nell’ambito dell’agricoltura, dell’allevamento e della pratica venatoria in montagna – e creare così la prima scaletta.

L’autore documenta attraverso brevi scritti e un’ampia documentazione disegnativa e pittorica, i momenti più evocativi dell’alpeggio, della lavorazione del latte; si sofferma con sguardo partecipe sulla vita e l’attività nelle malghe; racconta azioni e profumi legati alla produzione del fiorito e della ricotta; falcia nei suoi dipinti l’erba fragrante, ne documenta l’accumulo in cascina. Rievoca – e documenta in scheda – la stagionatura dei formaggi. Ed ecco a seguire il puntuale resoconto della vita in baita, della mungitura in stalla, dell’attività venatoria del malghese capannista. Poi la narrazione di quelle attività che, un tempo indispensabili per poter sopravvivere, oggi sono state bandite per la tutela dell’avifauna: la caccia, con gli archetti, con il vischio, con i lacci, con le tagliole e con le reti. Oggi resta il capanno. Ed è a questo punto che il volume, assume una livrea ancor più variopinta, proponendo al lettore un’autentica sfilata di tordi, di cesene, di tassi e marmotte, di beccacce e galli cedroni, di francolini di monte e di coturnici, di cervi, camosci e caprioli, di lepri e di quaglie, di pernici bianche e di galli forcelli dipinti da Busi.

Un bestiario che sembra aderire a quell’amore per la classificazione proprio del Gotico, nella ruvida rievocazione di quelle pagine fresche e fragranti che furono di Giovannino de’ Grassi e Pisanello. E, come aree di sosta, l’artista colloca doviziosamente prati verdissimi e cascine, pastori seduti che tagliano rondelle di formaggio, e pure testimonia quei transiti montani di donna con gerla che egli reinterpreta, seguendo le piste che furono di Francesco Filippini. Ma con una solarità effusa nel racconto in grado di coinvolgere il lettore in un viaggio autenticamente gioioso.

Clicca sul link per aprire il PDF e leggere il testo, con immagini comparative:

[PDF] La dipinta tradizione della caccia



STILE Brescia 2007

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni: MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri  

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg  WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

piero della francesca

Michelangelo sul lettino dello psicanalista. I segni della bisessualità