Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

Flavia Rossi, così nello sfavillio di un momento. Una scala appoggiata al cielo, tra poesia e ironia

Condividi:
  • 236
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   

Flavia Rossi analizza qui la propria opera premiata al Nocivelli 2019

www.premionocivelli.it/opera/dalla-serie-così-nello-sfavillio-di-un-momento
“L’opera che ho presentato al Premio è la fotografia di una scala appoggiata a un muro decorato con un motivo di cielo stellato, interrotto da un rettangolo bianco che va a coincidere con il punto di arrivo della scala stessa. È un’immagine fortemente evocativa, simbolo di un processo di evasione, ma anche di osservazione e riquadratura della realtà. Fa parte di “Così nello sfavillio di un momento”, un progetto che racconta della frantumazione di una memoria in una miriade di ricordi e di come questo processo porti alla realizzazione di una geografia personale. La geografia e le mappe possono essere viste come un’azione geopolitica e retorica di desiderio di controllo su un territorio. La nostra mente, al contrario, si va quindi a configurare come la terra dell’immaginazione, priva di ogni sorta di riferimenti spaziali. Inoltre è stata per me, come fotografa, un’operazione interessante: lavorare sul mio archivio è stato un processo di sua rivisualizzazione, capire perché alcune immagini scattate in anni e luoghi diversi potessero stare insieme per realizzare quello che poi è, in parte, anche un atlante delle emozioni. 
A volte può capitare di confondere più luoghi tra loro: questo avviene perché le coordinate spaziali di un luogo vengono memorizzate tramite le cosiddette place cells, che si occupano di realizzare delle mappe neurali all’interno del cervello. Se entriamo in questo stato di confusione, vuol dire che queste mappe si stanno sovrapponendo, come se stessero nascendo delle montagne. 
Il lavoro è stato esposto nella personale a cura di Niccolò Fano (director di Matèria) presso LO.FT a Lecce nel 2018”.
“Vivo e lavoro tra Roma e Milano. Nel 2019 sono stata nominata per Plat(t)form 2020 a cura di Fotomuseum Winterthur e per il Premio Gabriele Basilico e ho vinto il bando Atlante indetto dal MUFOCO in collaborazione con Triennale Milano e DG AAP. La fotografia è il mio mezzo espressivo principale, uno dei modi possibili per esprimere ed investigare il significato del reale. La mia ricerca verte sui temi della memoria e della geografia emozionale, prendendo ispirazione da letteratura, pittura, musica e architettura”.
“Quest’anno sono stata in residenza presso l’Asinara per The Photo Solstice#2, a cura di Marco Delogu, a Lozio per falía Artists in Residence e presso la Galleria San Fedele di Milano per il Premio Artivisive San Fedele. Ho frequentato la ISSP in Lettonia, con Alfonso Borragàn e sono stata selezionata per Designathon#1 alla 26esima Biennale del Design di Lubiana e ITmakES Art, un progetto ideato dall’ambasciata italiana a Madrid, IIC di Madrid, PHotoESPAÑA e Camera. Nel 2018 sono stata una delle 30 Under 30 Women Photographers per Artpil, ho partecipato al Global Youth Culture Forum a Jeju, in Corea del Sud, a cura di UCLG e sono stata finalista presso il Premio Francesco Fabbri e il Premio Combat. Nel 2017 ho vinto il Premio Aldo Nascimben e mi sono laureata con lode in fotografia al Master Iuav in Photography con Stefano Graziani. Nel 2016 mi sono laureata in architettura all’Università La Sapienza di Roma con una tesi in Estetica con Stefano Catucci”.
“I miei progetti futuri sono molti, sicuramente di portare avanti alcune ricerche già avviate come quella di Nuovo Patrimonio, un progetto sullo stato dei beni culturali in seguito al sisma del 2016 nel centro Italia, e quella sull’impatto dell’inquinamento luminoso sulle tradizioni della Corea, dove mi piacerebbe tornare. Mi sono iscritta da poco a un corso di lingua araba, perché sono affascinata da questa cultura e ho desiderio di lavorare negli Emirati. Inoltre vorrei iniziare un progetto di mappatura molto grande sull’Italia in collaborazione con un altro artista”.
Sito internet e/o link instragram/facebook.
www.flaviarossi.it
www.facebook.com/rossi.aivalf
www.instagram.com/fro.ssi/

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
© Copyright 2013 StileArte, Tutti i diritti riservati. | Powered by Popolis

Privacy Policy Cookie Policy / Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità