Home / arte curiosità / Francesco Cipper – Acqua-malinconia. Il Mercato anomalo, si cerca la coppia mancante
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Francesco Cipper – Acqua-malinconia. Il Mercato anomalo, si cerca la coppia mancante


acqua e malinconia foto 1

Acqua e malinconia
Il Mercato dipinto dal Todeschini è una tela allegorica dove la lavandaia ed i pesci alludono ai doni doviziosi del liquido elemento, o al contrario un omaggio ai ceti più umili, che sconvolge i consueti codici visivi?

Il cielo plumbeo è rischiarato da qualche vago bagliore; al centro del quadro campeggia il banco di un pescivendolo, colto nell’atto di porgere la merce ad un cliente. Questi, interamente vestito di nero, è scortato da un portarolo che, appoggiato ad un canestro colmo di verdura, rivolge lo sguardo sorridente verso lo spettatore. Alla sua sinistra, in primo piano, una fanciulla dall’espressione lieta lava i panni in riva ad un ruscello, mentre sullo sfondo si scorge una donna che stringe tra le braccia un neonato e volge gli occhi malinconici alla scena.



Danneggiato dall’assottigliamento della pellicola pittorica il Mercato, eseguito da Giacomo Francesco Cipper detto il Todeschini nei primi decenni del Settecento e appartenente alla Pinacoteca Tosio Martinengo di Brescia, anni fa fu sottoposto a restauro. La paternità dell’opera non è mai stata messa in discussione: ad attestarla è la firma, chiaramente leggibile sulla tela, e la presenza del giovane portarolo, personaggio tipico del repertorio dell’artista. Altrettanto caratteristici del Todeschini sono il ricorso ad un vigoroso chiaroscuro atto a conferire maggiore plasticità alle figure, la resa degli incarnati per mezzo di pennellate parallele, nonché il disinteresse per una corretta rappresentazione prospettica dello spazio, evidente soprattutto, in primo piano, in corrispondenza della lavandaia e del corso d’acqua di cui non si riesce ad individuare l’estensione.
La datazione del dipinto al 1705-10 viene desunta dall’impiego di toni scuri e freddi, riscaldati da rossi e blu accesi, che si riscontrano in alcune opere di quegli anni come la Scena contadina del 1703 o Vecchia che si scalda le mani e bambino che mangia da una scodella del 1705 (dove peraltro compare una variante del portarolo). Rispetto a queste due tele, tuttavia, nel Mercato si nota una semplificazione nella realizzazione dei personaggi, che perdono in individualità: è questo un tratto che caratterizza l’evoluzione stilistica del Cipper e che suggerisce, quindi di collocare la composizione del quadro alla fine della prima decade del XVIII secolo.
Palese il richiamo alla tradizione nordica, diffusa nell’Italia settentrionale già nel Cinquecento per opera di Vincenzo Campi.

 GIACOMO FRANCESCO CIPPER detto il TODESCHINI, Il mercato, 1705-1710 ca., olio su tela, cm 176 x 235,5, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo


GIACOMO FRANCESCO CIPPER detto il TODESCHINI, Il mercato, 1705-1710 ca., olio su tela, cm 176 x 235,5, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Negli inventari del tempo le scene di mercato sono elencate come componenti di cicli pittorici dedicati alle stagioni o ai quattro elementi, dunque portatrici di significato allegorico. Alcun critici ritengono che il dipinto del Todeschini si inserisca perfettamente in questo contesto; del resto, la stessa organizzazione approssimativa dello spazio induce a non considerarlo una rappresentazione realistica.



Secondo tale interpretazione, la lavandaia e la natura morta di pesci alluderebbero esplicitamente all’acqua, mentre il contadino con frutti dell’orto alla Terra. La stessa figura della donna con bambino, eccessivamente sfumata, potrebbe essere la Madre Terra, che nutre l’uomo. Con grande probabilità Cipper aveva realizzato una tela di identiche dimensioni raffigurante gli altri due elementi mancanti, l’aria e il fuoco, per i quali non si potrebbe escludere l’ambientazione in una cucina ricca di materie prime – soprattutto uccelli, dominatori dell’aria -, con il focolare acceso per il pasto e forse una donna che alimenta la fiamma con il soffietto.


Valutazione gratuita quadri e oggetti - Come vendere e guadagnare da casa - Fare gli artisti e guadagnare

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Le dolci imprese erotiche dei fidanzatini della Belle Epoque nei quadri di Auer

Con quali materiali dipingevano gli antichi Romani? Il caso della tela maledetta di Nerone

Condividi
Tweet
+1
Condividi
WhatsApp