Home / News / Gabriella Benedini
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Gabriella Benedini

Pubblichiamo un ampio stralcio del saggio introduttivo del catalogo della mostra MongArte, racconti plurimi del Riciclaggio. Gabriella Benedini, a cura di Marisa Zattini.

La nostra mente è trasformativa e guarda sempre oltre l’orizzonte della veglia. Pensiamo agli angeli e ai demoni che hanno abitato il mondo della nostra infanzia, o il mondo della notte. Pensiamo agli incantamenti del cielo e del mare, della sabbia e dei reperti che le maree eternamente restituiscono, metamorfizzati. Pensiamo alle nuvole del cielo, alle forme fantastiche e alle nostre immaginarie fantasticherie. Pensiamo alla musica, ai suoni melodiosi e lontani che, nel silenzio, riecheggiano in noi. Pensiamo alla magia e all’incantamento dell’arte per il nostro sguardo. Tutto questo lascia trapelare l’aura delle installazioni di Gabriella Benedini. Sono opere che esorcizzano il silenzio, o meglio la paura della morte e dell’eterno silenzio, in risonanza di armonie universali. Il paradigma vita/morte: ma cos’è la morte? “… la morte è sottrazione verso il mistero quanto la vita è ciò che l’una e l’altra pronunziano, nell’ammissione d’altro: tutto l’universo possibile scartato dal gesto di quel pronunciamento” (Adriana Pagnoni, in La morte orfana). Ad affermare che la morte è la coscienza della vita in quanto è “parte della trama del suo mondo”. Le sculture oggettuali di Gabriella Benedini hanno superato la soglia della morte. Si sono come autorigenerate e tra(s)ducono (tra(s)durre, cioè mutare il senso.

La definizione è del semiologo Paolo Fabbri, che in Transcritture: il dicibile e il visibile scrive: “… l’intraducibile presente è un’abbondante riserva di tra(s)duzioni prossime e venture”) il presente; sono chiamate ineludibilmente a far rivivere le loro “parti” in una seconda eterna vita, quella dell’arte. Una seconda vita degli oggetti, come potrebbe essere definita quella dei materiali di scarto che la nostra artista ha prescelto e ricucito nel linguaggio unificante della pittura e della scultura, creando opere che sanno di collage alchemico. Una trasmutazione, questa, esemplare dove nulla manca, nel segno del tempo, per arpe-barche immaginifiche. Gli “scarti” vivono nel magma indifferenziato di ciò che l’uomo ha rigettato. La mano dell’artista che li sceglie – che li “accoglie” – li eleva togliendoli dal caos e dall’abbandono. Così frammenti di scrittura, lacerti di poesia, elementi ferrosi, legni consunti, piccoli relitti del passato si ricompongono ad evocare, ritmicamente, un “altrove” archetipale, in un messaggio artistico del presente. E’ questa la rivitalizzazione che opera Gabriella Benedini attraverso il suo pensiero e il suo “fare”. Architetture e forme “in levare”, occupano una spazialità in leggerezza, nel rispetto di quell’“intervallo perduto” di cui ha scritto recentemente Gillo Dorfles. Opere rarefatte – dove anche la scrittura si incarna – che potremmo definire “diastematiche”, sempre prendendo a prestito alcune “parole chiave” di Dorfles. “Perdere l’intervallo (e, soprattutto, la coscienza dell’intervallo) significa ottundere la nostra sensibilità temporale e accostarsi a una situazione di annichilimento della propria cronoestesia: della propria sensibilità per il passare del tempo e per la discontinuità del suo procedere”.

“La compostezza dell’arte è l’incontro fra le pulsioni della vita e le pulsioni autodistruttive”, ha scritto Adriana Pagnoni. Il tipo di ascolto “sensoriale” che una mostra d’arte richiede – e questa in particolare – ha necessità vitale di una “pausa”, di una riflessione speculativa, di un momento di estraniamento dal contesto quotidiano, di una “pausa” per un approccio consapevole. Oltre il “pensiero visivo” entra in gioco il nostro irrazionale e solo allora si può giungere ad un “assaporamento estetico”. Astrazione di segni e di simboli; “bellezze del brutto” recuperate, come tessere a ricomporre allegorie di viaggi che appartengono al passato o a segnare traiettorie astrali per viaggi futuri. Sono ricordi frutto di una rielaborazione della memoria che tutto reinterpreta, operando per sedimentazioni e decantazioni. Rottami rivitalizzati dall’usura; tracce sintomatiche necessarie per il tempo dell’attesa, per esorcizzare i disagi del nostro vivere. Il “fare” di Gabriella Benedini appartiene al pensiero antropologico e svela il senso di un cerimoniale apotropaico. Sono opere che sanno di reliquari necessari per rinominare le cose, in nome dello spirito delle cose, per un nuovo codice linguistico che mutua nuovi alfabeti. Vele, Arpe, Canoe, Ritorni, Sestanti, Glaciazioni, Astrolabi, Segni d’aria e Comete… stralci di titoli che sono tavole bibliche dell’anima.


“Vele” che rivivono, oggi, nei luoghi di questo raccolto borgo cittadino, a Sogliano al Rubicone, in Romagna, per un itinerario fantastico che si dipana fra lettera e lettera, colore e colore, riflesso e suggestione. Così l’artista si è lasciata coinvolgere da queste atmosfere di provincia, al di fuori dei rumori incessanti e frenetici delle grandi città, oltre quel “tuttopieno” narcotizzante. E allora siamo pronti a salpare sulle ali dell’emozione per giungere a nuove terre, per “vedere” con nuovi occhi, come diceva Proust, oltre i quattro punti cardinali, navigatori dell’universo…

Valutazione gratuita quadri e oggetti - Come vendere e guadagnare da casa - Fare gli artisti e guadagnare

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

I messaggi cifrati nel quadro dell’Apparizione della Madonna della Stella del Romanino

“Quella Venere è volgare, ha il sedere grosso”. Hayez: “Ho copiato le forme della ballerina Carlotta”

Condividi
Tweet
+1
Condividi
WhatsApp