Home / Gallerie d'arte / Galleria ab/arTe: il contemporaneo fuori da archetipi e schemi fissi
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Galleria ab/arTe: il contemporaneo fuori da archetipi e schemi fissi

Stile – per la valorizzazione di gallerie d’arte e artisti – intervista Andrea Barretta fondatore, nel 2010, della Galleria d’arte moderna e contemporanea ab/arTe

Andrea Barretta

Andrea Barretta

La Galleria ab/arTe nasce all’inizio del 2010 per iniziativa del cav. Andrea Barretta, giornalista e scrittore, art director, collezionista e appassionato d’arte, già fin dagli anni Settanta tra i protagonisti di un progetto culturale nell’ambito del mondo delle arti visive, della poesia e nei percorsi creativi della comunicazione.

Saggista e autore di testi sull’arte moderna e contemporanea, curatore di numerose importanti mostre d’arte, ha all’attivo la cura di pubblicazioni per case editrici ed è autore di prestigiosi libri. Editorialista, è direttore responsabile del periodico La Nostra Famiglia. Ha diretto la rivista di cultura Notizie Viaggio ed è stato caporedattore di Voce Cultura e di Italiani in Scozia.

Si segnalano i suoi studi sulla mobilità, l’arte e la cultura nel Medioevo, sulla pittura tra arte moderna contemporanea, alcune monografie e vari cataloghi, articoli e testi di presentazione critica.

 

Ci può raccontare la storia della galleria, individuando anche i mutamenti delle scelte culturali-espositive, avvenuti nel corso del tempo?

Pur distinguendo tra le varie tendenze che ormai toccano tutto il possibile e tutti i mezzi espressivi, la Galleria ab/arTe ha inteso abbandonare archetipi consunti in poetiche ormai da rivedere e andare oltre quel “nulla” che ha traslato il “bello” chissà dove, e presenta l’arte senza restrittive formule del tipo “figurazione”, “astrazione”, “informale”, ma con le ragioni di una realtà nel suo esistere, senza il voler essere “avanguardia” per forza o per timore di non esserne rappresentati. Il fine è una coerenza stilistica contro una mutevolezza che metterebbe in gioco una credibilità ormai già raggiunta. Per questo ab/arTe si presenta in tutta la sua “anomalia”: con un nuovo modello di “galleria” che guarda all’arte e alla cultura in genere (svolgendo anche un ruolo editoriale) come articolazione di saperi, cercando di alimentare l’emozionarsi in un rapporto umano con artisti, critici e curatori, che sono il vero collante e il motore che permette di poter seguire ed apprezzare il mondo dell’arte nel suo continuo movimento.

L’esterno della galleria ab/arTe

 

Quali sono le scelte attuali, sempre nell’ambito dei diversi filoni espressivi?  Ci può motivare questo tipo di scelta?

La Galleria ab/arTe dà spazio, volto e corpo alla contemporaneità in continua evoluzione e fermento, con uno sguardo ai maestri dell’arte moderna italiana e internazionale, e al grande Novecento che costituisce il terreno su cui svolgere un itinerario che porti nel mondo delle attuali esperienze espressive. L’intento è quello di superare un panorama artistico dove ci sono più attori che spettatori. L’arte contemporanea, infatti, è intervenuta con una rivoluzione che ha liberato nuove potenzialità ma ha mancato di aprirsi al largo pubblico divenendo preda di un’arte abusata. Un paradosso che la Galleria ab/arTe intende superare con gli artisti in permanenza, gli artisti scelti in esclusiva e le più recenti acquisizioni, che formano un percorso espositivo nella creatività artisticamente espressa e in un “alfabeto” dell’arte, perché vogliamo riflettere sul modo e sui modi di significare i metodi di lettura dell’arte.

Alla Galleria ab/arTe interessano, ma non bastano, le rassegne fine a se stesse, mentre stimola la ricerca e la capacità di aprire nuove prospettive di riflessione su tematiche e vicende importanti che hanno avuto un ruolo per nulla marginale nell’arte moderna e contemporanea. Eccezionali occasioni come le grandi mostre: “Novella Parigini e gli artisti della Dolce vita”, “Dopo Corrente”, “Sergio Fergola, magia ed enigma”, “Nud’arte”, “Le donne di Guttuso e le altre”, “Guernica docet”, “Pop art italiana”, “Vanni Viviani”, “Mimmo Rotella: i décollage e il cinema”, “Il Novecento in movimento”.

 

La galleria possiede un proprio gruppo di artisti? Se la risposta è sì: chi sono e in quale filone tecnico-espressivo si inseriscono?

La Galleria ab/arTe segue alcuni artisti che vanno dall’arte informale all’astrazione, dal concettuale all’arte digitale, come Regina Landi, Silvana Lunetta, Salvatore Milano, Piero Rossoni, Giovanni Steduto e incisori come: Luigi Corsini, Vladimiro Elvieri, Maria Grazia Filetto, Carla Galli, Giuliana Montanari, Maria Chiara Toni e Riccardo Prevosti che è anche il responsabile degli allestimenti.

 

Dal vostro punto di vista, quali sono i nuovi artisti che consigliate di tener d’occhio e di collezionare, tanto sotto il profilo artistico culturale tout court quanto sotto il profilo della redditività dell’investimento?

Una domanda a cui ognuno risponderà riferendosi ai propri artisti e una indicazione quindi è già data, ma vorremmo aggiungere che le grandi fiere nazionali e internazionali sono un motore di proposte ma che vivono comunque in un mercato incerto, soprattutto nel contemporaneo, e praticamente stazionario in tutti i generi. Per questo la Galleria ab/arTe propone anche investimenti nella grafica d’arte sicuramente redditivi e in artisti consolidati come Corpora, Guttuso, Baj, Rotella, Schifano, Vedova, Arman, Angeli, Bonalumi, Del Pezzo, Fergola, Carmi, Reggiani, Munari, Nespolo, Dorazio, Schweizer, Turcato, Santomaso, Emblema, Fiume, Greco, Tadini, Warhol, Vasarely, Tilson, Mirò.

 

ABarte01ab/arTe
Galleria d’arte moderna e contemporanea
Vicolo San Nicola, 6
25122 Brescia

Info:
www.abarte.it
Tel. 030 3759 779

Orario:
giovedi, venerdi e sabato 9,30 – 12,30
e 15,30 – 19,30

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni: MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri  

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg  WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Costantino Zatti, pittore bresciano e designer di mobili Liberty

Moretto – La Madonna con “ali di pipistrello” appartenuta a Canova

326 Condivisioni
Condividi326
Tweet
+1
Condividi
WhatsApp