Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

Gli amici aiutano Modigliani nel trasloco. Dove andava? Per terra i suoi quadri. Un’opera per un Pernod

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   

blank

In quegli, a Parigi, c’era il fervore delle comuni. Gli artisti senza alcun reddito si univano in case messe a disposizione da mecenati – alcuni dei quali pur con scarse disponibilità – che pagavano l’affitto di edifici fatiscenti e che garantivano un minimo sostentamento, in cambio di quadri o sculture. Dalle comuni si andava e veniva, si lavorava, si discuteva, si beveva, si fumava hascisc, si litigava, ci si appartava con le ragazze. Passava qualche settimana e via, in un’altra comune. Le vite erano caotiche e, viste con occhio di sincero realismo, allucinate e allucinanti, anche se sorrette dalla speranza di vivere dipingendo.
Con questa foto torniamo esattamente al 5 luglio 1913. Amedeo Modigliani trasloca da rue du Delta – dove aveva abitato nella comune allestita dal dottor Alexandre, un piccolo mecenate – a place Dancourt. La foto mostra lo scarico dei materiali di Modigliani nella nuova abitazione condivisa di piazza Dancourt. Il vecchio palazzetto fatiscente nel quale abitava, in precedenza, il gruppo d’artisti era stato sgomberato poichè il Comune ne aveva reclamato la proprietà.
Così il dottor Alexandre cercò una nuova collocazione. Aveva trovato questa palazzina, in piazza, non lontano dalla sede precedente.
blank

I carri del trasloco sono arrivati da poco in place Dancourt. Ci si arrangia, come si può, con un piccolo gruppo di amici e di colleghi. Persino il mecenate non si tira indietro. Vediamo, infatti, il dottor Paul Alexandre, sul carro dei materassi. Jean Dupont, amico di Modigliani, si è messo una poltroncina in testa e si dirige verso la nuova casa. Nell’immagine vediamo anche altri amici o conviventi temporanei dell’artista italiano: Henri Gazan, De Saint-Albin e De Val De Guymont. A terra, i dipinti di Modigliani, Studio di nudo (1908) e “Testa di donna di profilo”(1907).

blank
Nel 1907 il mecenate Paul Alexandre aveva affittato questa fatiscente – seppur affascinante – palazzina in Rue du Delta al numero 7 (IX arrondissement, ai piedi di Montmartre) e l’aveva messa a disposizione degli artisti sconosciuti che vi trovano un tetto e un pasto gratuiti. La casa – compressa dai palazzoni della speculazione edilizia – aveva ospitato Modigliani ed era frequentata dallo scultora Costantin Brancusi, dai pittori Pablo Picasso, Rapahel Drouart ed Henri Doucet

Mesi prima, a marzo dello stesso anno, Modigliani era tornato a Livorno. Suo fratello Umberto – molto preoccupato per le condizioni di Amedeo – gli aveva pagato il viaggio. mentre Paul Alexandre si era preoccupato di mettere al sicuro le sue cose. Queste che vediamo nella foto, le sue cose. A Livorno, un disastro. Modì, rasato a zero, viene scambiato per un evaso. Viene anche ricoverato per la progressione della tubercolosi.
A luglio, in seguito al trasloco da rue Delta alla piazza, torna a Parigi e vive qui solo per qualche mese, per poi spostarsi in un’ altra comune. Nei giorni immediatamente successivi a questa immagine realizza ritratti nei bar, in cambio di un bicchiere di Pernod.

blank

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
blank
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis blank   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto blank Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!