Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

Gli etruschi usavano gli scarabei per scacciare il malocchio. Le anticipazioni delle mostre di Grosseto

Condividi:

Seguici su Facebook e metti Mi Piace alla pagina di Stile Arte:

Con la rubrica social AspettandoGliEtruschi il museo Museo Archeologico e d’Arte della Maremma crea un’atmosfera di gioiosa aspettativa tra gli appassionati, analizzando alcuni pezzi che saranno inseriti nelle nuove mostre dedicate alla civiltà etrusca. Mostre che si approssimano.
“Nell’attesa di svelarvi maggiori dettagli vi proponiamo alcuni approfondimenti su questo popolo prendendo spunto dai temi che verranno affrontati nelle due esposizioni”. dicono i responsabili del museo toscano.
blank
“Bentornati – annunciano – ad un nuovo approfondimento sulla civiltà etrusca in vista della prossima mostra che si svolgerà al MAAM. L’argomento di oggi riguarda una categoria molto particolare di manufatti: gli scarabei.
Non si tratta di animali veri ma di monili di varie forme e dimensioni raffiguranti questi simpatici #coleotteri
Arrivati in #Etruria grazie agli scambi commerciali con Greci e Fenici, conobbero subito una grande diffusione dando inizio anche ad una copiosa attività di imitazione!”

“Erano probabilmente considerati dei portafortuna, un ruolo che rivestivano anche nel mondo egizio dove li troviamo associati alla divinità Kheper, protettrice delle donne, dei bambini e dei momenti di transizione.
Esistono anche altre interpretazioni sul significato di questi oggetti; ad esempio, nel caso di scarabei decorati con scene del #mito greco, è ipotizzabile un loro utilizzo come emblemi che sottolineassero una ipotetica discendenza mitica della famiglia del proprietario”.

“Possiamo vedere un esempio della maestria e della bellezza che raggiungono alcuni di questi scarabei in questo esemplare realizzato in onice e incastonato su anello d’oro rinvenuto nella Tomba dello Scarabeo a Casenovole (GR)
Vi sarete accorti che abbiamo nominato spesso questa località vicino Grosseto nei nostri approfondimenti sugli etruschi. Il motivo ve lo spieghiamo nel prossimo post della rubrica, quindi continuate a seguirci.” AspettandoGliEtruschi

blank

Museo Archeologico e d’Arte della Maremma
Palazzo del Vecchio Tribunale
Piazza Baccarini 3
58100 GROSSETO
telefono 0564/488752 – 488750 – 488759
fax 0564/488753
[email protected]

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
blank
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis blank   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto blank Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!