Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

Gli spettri di Luca Campestri nel bolognese Palazzo Vizzani con Alchemilla

Condividi:

Seguici su Facebook e metti Mi Piace alla pagina di Stile Arte:

Sabato 10 settembre, dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19, Alchemilla apre le sue porte al pubblico per l’esposizione conclusiva della residenza-studio che Luca Campestri ha svolto dal 1 luglio al 1 settembre all’interno degli spazi di Palazzo Vizzani, sede dell’associazione bolognese. La residenza, a cura di Gino Gianuizzi, è stata realizzata con il contributo di Fondazione Zucchelli nell’ambito del Concorso Zucchelli 2022, dedicato a studenti e studentesse dell’Accademia di Belle Arti di Bologna.
blank
Il lavoro che Luca Campestri ha condotto durante i mesi di residenza si edifica attorno ad alcuni temi, fondanti nella sua pratica, che l’ambiente fortemente connotato di Palazzo Vizzani ha plasmato e supportato: tra di essi l’idea di spettro in quanto presenza parziale (né viva né morta), e i temi adiacenti di infestazione, coercizione ed esplorazione interiore, che fanno sì che l’esperienza dell’open studio si conformi come l’esplorazione di un mindscape popolato di catalizzatori narrativi frammentari. La presenza infestante – divisa tra corporeità ostile, coercitiva e lacerante, e fisicità parziale, compromessa – delle opere-ambiente fa riferimento al concetto, centrale nella sua produzione, di hauntology. Il concetto derridiano indica la dimensione virtuale di ciò che non è più ma continua a manifestarsi nella realtà e ciò che non è ancora ma i cui effetti precedono la messa in atto: tali le modalità dell’essere hauntologico, diviso tra coazione a ripetere e disgregazione mnemonica. L’artista ha dunque realizzato degli ambienti all’interno dei quali opere fotografiche dotate di una presenza installativa si vincolano in maniera indissolubile alle sale di Palazzo Vizzani. Campestri si è inserito nelle sale di Alchemilla innestandole e legandovi le sue opere, infestandone gli spazi nel tentativo di evocare una dimensione di soglia, un’eterotopia ambigua quanto la categoria di spettro.
blank
Luca Campestri è il terzo e ultimo artista under 30 – dopo Mattia Pajè e Bianca Zueneli – a prendere parte alla seconda edizione delle residenze-studio di Alchemilla, dedicato alle arti visive e performative. I primi due artisti sono stati individuati dal team curatoriale di Alchemilla, mentre Luca Campestri si è aggiudicato il Premio Zucchelli rivolto agli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Bologna. Ciascun artista ha trascorso un periodo della durata massima di due mesi all’interno di uno degli studi messi a disposizione dall’Associazione, dove ha potuto lavorare, sperimentare e creare nuove produzioni, espressione diretta del suo rapporto con Palazzo Vizzani in una dimensione prettamente legata al site-specific. Nel periodo di residenza l’artista, guidato da un gruppo curatoriale, entra in contatto con esperti del settore artistico (critici, docenti universitari, storici dell’arte, galleristi ed esperti della comunicazione), che gli permettono di ampliare il proprio orizzonte di ricerca, fornendo anche elementi di crescita relativi al suo lavoro abituale. L’interesse principale da parte del gruppo di lavoro di curatori di Alchemilla è quella di individuare e promuovere giovani artisti nei quali la componente manuale/corporea è in equilibrio con quella concettuale.

Il progetto “Residenza-studio” è realizzato con il contributo della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna e della Fondazione Zucchelli. Il progetto è proposto in collaborazione con Gelateria Sogni di Ghiaccio di Bologna e Fondazione KunstZ di Anversa e con il patrocinio del Quartiere Santo Stefano.

Luca Campestri nasce a Firenze nel 1999. Trasferitosi in giovane età nel forlivese, approda nel 2018 all’Accademia di Belle Arti di Bologna, nel cui ambito frequenta il corso di Decorazione Arte e Ambiente. Diplomandosi nel 2021, vince il premio Art Up della Critica e dei Collezionisti promosso dalla Fondazione Zucchelli e si aggiudica l’anno successivo il Premio Zucchelli 2022, venendo così selezionato per partecipare ad un programma di residenza presso l’Associazione Alchemilla. Correntemente frequenta il biennio di Pittura Arti Visive nella stessa Accademia di Belle Arti di Bologna. Le sue opere sono presenti in collezioni pubbliche e private.

blank

Ufficio stampa:
Irene Guzman: [email protected] | tel. 349 1250956

Informazioni:
[email protected]

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
blank
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis blank   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto blank Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!