Home / Pittura antica / Gozzoli e i racconti gioiosi
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Gozzoli e i racconti gioiosi

Fino al 31 agosto, la Chiesa-Museo di San Francesco a Montefalco (Perugia) ospita la mostra “Benozzo Gozzoli (1420-1497). Allievo a Roma, maestro in Umbria”. Abbiamo rivolto alcune domande a Giovanna Capitelli, tra i curatori scientifici dell’evento.

1_14Possiamo ripercorrere brevemente le tappe fondamentali che hanno segnato la vita artistica di Benozzo Gozzoli, maestro che seppe fare sua la lezione dei grandi innovatori fiorentini del tempo?
Benozzo è stato un artista davvero particolare. Molto maltrattato dalla critica del Novecento, dal Berenson al Longhi (che addirittura lo definiva “autore di cartoni colorati”), riceve con questa mostra la meritata “riparazione” ai torti valutativi ricevuti. Benozzo cresce professionalmente in un’epoca fondamentale per lo sviluppo dell’arte e della storia fiorentina, quando nella città operavano pittori importantissimi come Beato Angelico, Filippo Lippi, Paolo Uccello, Domenico Veneziano e Piero della Francesca. Intorno al 1445 lo troviamo come collaboratore nella bottega di Ghiberti, grande scultore del bronzo, che stava allora lavorando alla Porta del Paradiso del Battistero. Successivamente si distingue come il primo allievo di Beato Angelico, sia a Firenze (a San Marco), che a Roma, negli affreschi della Cappella Niccolina, commissionata da papa Niccolò V nei Palazzi Vaticani. Ricordiamo che in quegli anni Roma tornava ad essere un fondamentale centro di produzione artistica e culturale. Benozzo dunque frequenta proficuamente gli ambienti più stimolanti del tempo. Ma l’intento della mostra è quello di evidenziare non solamente il suo passaggio lungo la linea direttrice che attraversa il Quattrocento – analizzandone l’evoluzione dal ruolo di semplice collaboratore di altri pittori, a quello di consocio, fino all’affermazione come maestro, detentore di un proprio personale linguaggio -, ma anche e soprattutto di testimoniarne l’autonomia, caratterizzata da un ritorno stilistico verso il mondo tardogotico, verso l’esempio di Gentile da Fabriano. Pensiamo ad esempio alla “Cappella dei Magi” realizzata a Firenze. Benozzo rientra in città dopo aver viaggiato in tutta l’Italia centrale, e qui riceve questa commissione da parte dei Medici: famiglia che all’epoca cominciava ad affermarsi per ricchezza e potere, che aveva come modello quello delle corti borgognone, dove ori e broccati rappresentavano il massimo del lusso… Benozzo si fa interprete di tale “revival” del gusto tardogotico, di cui è ulteriore, splendida testimonianza la “Pala della Sapienza Nuova”, dove sono raffigurati tutti i dotti e gli eruditi del tempo, su uno sfondo d’oro con motivi di broccato.
Anche nel ciclo di Montefalco è evidente questa tensione al tardogotico.
Infatti, le “Storie di San Francesco”, a cui il recente restauro ha restituito la piena leggibilità e che rappresentano uno dei massimi capolavori dell’affresco quattrocentesco, sono la prima testimonianza dell’avvenuto raggiungimento dello stato di “maestro indipendente” di Benozzo, che li realizzò insieme alla sua bottega negli anni tra il 1450 e il 1452. Osservandoli è possibile comprendere l’inizio di quella svolta. Benozzo mostra doti di efficace narratore. Egli aveva davanti a sé due grandi esempi da seguire: da un lato Giotto, e gli affreschi della Basilica Superiore di Assisi, dall’altro le ricerche compiute con l’Angelico a Roma, che erano in linea con quello stile che è stato poi proprio di Masaccio e Brunelleschi. E il risultato è quello di una personale rivisitazione dei loro modelli.
Questa mostra è incentrata sull’attività giovanile del pittore, mettendo a confronto con quelle di Gozzoli anche opere di altri autori, in modo da rendere possibile la comprensione delle influenze che agirono sulla sua formazione…
In mostra si propone la tesi di non considerarlo legato solo al Beato Angelico. Infatti, si può ad esempio osservare – nel gusto compositivo e nell’impaginazione prospettica – l’influenza netta del Ghiberti. Quest’ultimo fu una figura fondamentale nella formazione di Benozzo, sebbene il suo ruolo da tale punto di vista sia stato molto sottovalutato. Presente nell’esposizione è la splendida Predella della “Pala della Purificazione” – oggi smembrata tra i musei di Berlino, Milano, Philadelphia, Londra e Washington e ricomposta eccezionalmente per l’occasione -, opera del 1461 in cui Benozzo guarda con grande evidenza a Ghiberti. Fulcro della prima sezione, fra i manoscritti miniati, è poi un pezzo straordinario proveniente dalla British Library: il cosiddetto “Manoscritto Harley 1340”: la serie di miniature dei “Vaticinia pontificum” testimonia l’attività di Benozzo anche all’interno di quel circuito composto da grandi miniatori di codici come Zanobi Strozzi, Apollonio di Giovanni, Pesellino.
Vuole citare qualche altra opera meritevole di particolare attenzione?
Un’opera fondamentale è senz’altro la “Pala dell’Umiltà” proveniente da Vienna, probabilmente voluta dallo stesso committente degli affreschi di Montefalco. Di Beato Angelico citerei il cosiddetto “Trittichetto Corsini”, che giunge da Roma: un pregevolissimo oggetto di devozione privata. Sempre dell’Angelico citerei anche la Predella della Pala, realizzata per la chiesa di San Domenico a Perugia.

Trucchi del mestiere: I dipinti clonati di Benozzo
La mostra di Montefalco propone anche una serie di materiali inediti di studio che permettono di comprendere il funzionamento della bottega di Benozzo Gozzoli, le tecniche pittoriche utilizzate, l’organizzazione dei cantieri. “Abbiamo rintracciato tra l’altro” informa Giovanna Capitelli “alcuni fogli di un taccuino provenienti da Rotterdam (Museum Boijmans Van Beunigen), che presentano sul recto disegni eseguiti dal maestro e sul verso quelli degli allievi. Il reperimento di questo notebook è particolarmente significativo – sono infatti pochi i taccuini di bottega pervenuti -, e ci consente di analizzare qual era la pratica seguita dagli aiuti di Benozzo. Pratica che si divideva in due direzioni: da un lato l’esecuzione di disegni preparatori, che venivano realizzati sia per gli affreschi che per le opere su tavola; dall’altro la ‘copia autografa’, ovvero l’esecuzione da parte dello stesso maestro di una copia dell’opera realizzata, probabilmente pensata al fine di trattenere l’immagine per un successivo utilizzo (è il caso ad esempio di una ‘Testa di vescovo’ che compare sia negli affreschi di Montefalco, che in quelli di San Gimignano). Tale gioco di rimandi interni ripropone una pratica medievale, in questo caso ben testimoniata”.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni: MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri  

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg  WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Susanna e i vecchioni nell’arte: molestie, libidine, onestà. I pittori e la storia. Il video

Albrecht Dürer, gli acquerelli di viaggio. Gratis le quotazioni del maestro. Il video