Home / architettura / Helidon Xhixha – Come scolpire la luce, l’acciaio nell’arte
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Helidon Xhixha – Come scolpire la luce, l’acciaio nell’arte

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, ALL’INIZIO DELLA PAGINA, POCO SOPRA IL TITOLO DI QUESTO ARTICOLO. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO, OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

Helidon Xhixha è nato a Durazzo, in Albania. Da molti anni vive e lavora in Italia.

scultore

Parliamo dei tuoi esordi. Come si è compiuta la tua formazione artistica?

Ho iniziato a dedicarmi all’arte all’età di sei anni. Essendo figlio di un pittore e avendo assiduamente frequentato il suo studio, posso dire di essere cresciuto respirando arte e nutrendomi di essa. Infatti non è un caso che pure mio fratello sia un artista. Entrambi siamo stati guidati da nostro padre, che ci ha abituati sin dall’inizio ad una ferrea disciplina e che ci ha educati nel pieno rispetto della tradizione artistica del nostro Paese, dove era molto consolidata una impostazione figurativa.


E quando hai capito che la tua strada non era la pittura, ma la scultura?

E’ stato proprio mio padre a riconoscere presto in me una particolare qualità del disegno ed una propensione all’arte plastica, e di conseguenza ad indirizzarmi verso questo tipo di espressione, che effettivamente ho capito subito essere quella che meglio rispondeva alla mia indole.

 

xhixha miami

Dopo il liceo artistico hai completato gli studi in Italia. Che cosa ha significato per te lasciare la tua terra e trasferirti qui?

Va detto che anche in Albania, dal punto di vista artistico l’Italia è sempre stata considerata una meta ideale: del resto, il patrimonio artistico, storico e culturale di questo Paese è unico al mondo, è qui che è cominciato tutto. Dunque, quando grazie ad una borsa di studio ho potuto trasferirmi a Milano e frequentare l’Accademia di Brera, dove poi mi sono laureato, per me è stata un’occasione semplicemente meravigliosa: gli stimoli culturali che ho raccolto qui hanno contribuito in maniera sostanziale ad indirizzare la mia ricerca. Molto significativo è stato pure il periodo di tre mesi di studio alla Kingston University di Londra, dove ho potuto approfondire le mie conoscenze di scultura, incisione e anche di fotografia: sono convinto dell’importanza del fatto che un artista abbia una preparazione completa, a tutto tondo.

xhixha tirana

Quali sono gli autori del passato che maggiormente ti hanno affascinato e che hanno lasciato tracce di sé nel tuo lavoro?

Un nome su tutti è quello di Henry Moore. Sin dal primo istante in cui ho visto le sue opere mi ci sono in qualche modo riconosciuto; trovo straordinari il plasticismo misurato delle sue composizioni e il rapporto tra vuoto e forma che le caratterizza, così come quello fra passato e presente. In realtà mi è capitato di ritrovare alcune analogie con il suo lavoro in certe mie ricerche fatte ancora prima di conoscerlo.



 

Accennavi all’impostazione rigidamente tradizionale degli insegnamenti che hai avuto da tuo padre. La tua scelta espressiva, però, ha virato verso i territori dell’informale.

Infatti la mia principale ambizione, quello che io cerco di fare ogni giorno per mezzo del mio lavoro è modellare la luce attraverso i segni. E’ per arrivare a questo che ho intrapreso da anni una costante ricerca, sia stilistica che tecnica, che mi ha portato ad un linguaggio aniconico. Resta il fatto che la conoscenza del disegno e dell’arte figurativa, la padronanza di quei mezzi di rilettura della realtà, restano un imprescindibile punto di partenza anche per ogni ricerca informale.

xhixha

Vuoi spiegarci meglio che cosa intendi per “modellare la luce”?

Io penso che la scultura debba essere un concetto visivo dinamico, capace di utilizzare la luce come materia prima per trasmettere sempre energia, movimento. Mi era capitato durante un’immersione subacquea di restare impressionato dalle forme e dalle luci in movimento che si vedono sott’acqua. Per cercare di riprodurre almeno parzialmente quegli effetti ho lavorato per esempio con il vetro di Murano, un materiale molto speciale che scaturisce dal contrasto fra il caldo e il freddo e che permette di manipolare la forma, il colore, le trasparenze, la luce, per effetti di grande dinamismo.

 

Poi però hai incontrato l’acciaio, e non lo hai più lasciato.

Quello con l’acciaio è stato un incontro del tutto casuale, ma al contempo un autentico colpo di fulmine. Circa dieci anni fa, ero entrato in un’azienda per altri motivi, quando mi sono ritrovato al cospetto di un cassone che conteneva scarti di metallo: è stato come se mi si aprisse un mondo nuovo davanti agli occhi. Ho riconosciuto in tale ammasso, apparentemente informe, quelle che per me erano invece delle forme straordinarie, dove circolava un’energia indescrivibile.

Da allora ho iniziato a lavorare con l’acciaio, ed è stato un lungo percorso di avvicinamento e di conoscenza, perché naturalmente ho dovuto pian piano imparare le tecniche e anche sperimentarne di nuove, che mi hanno per esempio portato ad inventare speciali presse attraverso cui riesco ad ottenere gli effetti plastici che mi prefiggo.

L’acciaio è un materiale incredibile, un materiale dalle doti nascoste, che risponde perfettamente alle mie esigenze di utilizzare i segni per canalizzare l’energia e la luce e al tempo stesso rappresenta una sfida continua dal punto di vista progettuale e tecnico.

 

Tu nasci come scultore monumentale, ma accanto alle grandi installazioni urbane che ti hanno fatto apprezzare in tutto il mondo, hai una produzione parallela di opere che paiono una via di mezzo tra la scultura e l’elemento a parete bidimensionale. In che modo convivono queste due anime di Xhixha?

Penso che, semplicemente, siano due modi diversi di raccontare la stessa storia: quella del mio mondo interiore, dell’energia che vi scorre e che trova di volta in volta la strada migliore per trasformarsi in emozione visiva.

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, ALL’INIZIO DELLA PAGINA, POCO SOPRA IL TITOLO DI QUESTO ARTICOLO. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO, OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

 

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni:
MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri
 

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

      FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland

Old Holland: Colori - Qui trovi una selezione di colori a olio

WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg

Williamsburg olio Signature colori Set - Prezzo: EUR 63,70 + EUR 11,77 di spedizione

WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON

Winsor & Newton Winton Oil Assortimento 10 Tubi 37 ml Assortiti - Prezzo consigliato: EUR 51,30 Prezzo OFFERTA: EUR 43,90 | Spedizione 1 giorno Risparmi: EUR 7,40 (14%) Tutti i prezzi includono l'IVA.

REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Cos’è la “Camera della pioggia” nell’arte contemporanea? La magia dell’acqua che non bagna. Il video

L’annunciazione pittorica e scenica di Tiziano nella passione contemporanea di Richter – La sfocatura