Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

“Ho spostato un intrico di edere e ho visto la tomba”. Il ritrovamento della necropoli di Guado, nella Tuscia

Condividi:

Seguici su Facebook e metti Mi Piace alla pagina di Stile Arte:

La tomba a casetta giaceva sotto un intrico di rami e di rampicanti. Mario Sanna, socio dell’Archeotuscia – benemerita associazione archeologica toscana – ha raccontato come avvenne la scoperta della necropoli di Guado di Sferracavallo, nella Tuscia, in provincia di Viterbo.
L’emozione è ancora grande ed emerge dalle parole di Sanna, chiamato a rendere pubblica testimonianza di quel giorno, nel corso di un convegno organizzato dalla soprintendenza e dal museo nazionale etrusco di Viterbo. L’incontro è stato dedicato a Guado di Sferracavallo, Norchia, località nella quale, negli ultimi dieci anni, sono venute alla luce 7 tombe e 55 sepolture. Un’indagine archeologica che è stata compiuta grazie alla ricerca svolta da Sanna nel 2011 e che ha permesso, grazie agli scavi della Soprintendenza – di salvare e studiare un sito etrusco del terzo secolo avanti Cristo.

Sì, salvare, perchè, in genere, le tombe etrusche sono molto esposte all’azione dei tombaroli. Sorgono , infatti, in luoghi spesso isolati. Sovente su colline dotate di una fitta vegetazione. Dove risulta possibile scavare anche senza essere visti.

blank

blank

Sanna nel 2011 aveva deciso di compiere, con il socio e amico Luciano Ilari, un sopralluogo sulle colline nei pressi dell’antica cittadina – scomparsa – di Norchia, andando a ricercare soprattutto punti di stretta aderenza della vegetazione a elementi rocciosi. Norchia

Una giornata che ha presentato presto una scoperta meravigliosa. “La tomba era completamente coperta dall’edera – ha ribadito Sanna -. Pulendola ho visto subito la finta porta, le travature e un’iscrizione. Vel”, il nome del defunto che, come ha fatto notare il restauratore Emanuele Ioppolo che si è occupato dei corredi funerari, probabilmente era un atleta”.

L’iscrizione così dichiarava: “Questa è la tomba di Vel, figlio di Laris (o Larth)”.

blank
La tomba dopo il taglio della vegetazione dalla quale era coperta, in una foto scattata dal gruppo di Archeotuscia

I due soci di Archeotuscia hanno poi avvisato la Soprintendenza. Le indagini archeologiche che sono seguite negli anni successivi, in accordo e sinergia con la Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Etruria Meridionale, hanno portato in evidenza la “Tomba di Vel”, portando alla scoperta, sul pavimento, di un ricco corredo ceramico di 17 vasi da banchetto e uno strigile (fine IV-inizi III sec. a.C.), che sono stati restaurati ed ora sono esposti nella sezione “Norchia” del Museo Archeologico Nazionale della Rocca Albornoz di Viterbo.
blank
Tra il 2014 e il 2015 si è trovato un secondo corridoio che conduceva ad una piccola sepoltura a camera (la vediamo nella foto qui sopra, alla nostra destra, segnalata dalla cavità nel terreno) ancora con la pietra di chiusura e un corredo di 11 vasi in ceramica all’interno. Lo stretto collegamento tra le due tombe lascia supporre un legame di parentela tra i defunti di queste due tombe.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
blank
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis blank   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto blank Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!