Home / News / I francesi: “Non prestiamo la Gioconda all’Italia”
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

I francesi: “Non prestiamo la Gioconda all’Italia”

leonardoLa Gioconda non sarà prestata nemmeno per un periodo brevissimo. Il capolavoro di Leonardo da Vinci risulta inamovile perchè costituisce il principale richiamo del Louvre e produce, come meccanismo fondamentale e punta di diamante, buona parte di quegli 8 milioni di visitatori che si recano nell’ex palazzo reale francese. Quindi nulla da fare per il comitato fiorentino che ne aveva chiesto il prestito per il 2013, con il fine di  festeggiare il centenario del recupero del dipinto da parte delle autorità italiane, opera che, a sua volta, era stata sottratta da un italiano, Vincenzo Peruggia. Motivazione del furto – secondo le dichiarazioni dell’ormai celebre “ladro del Louvre” – era il fatto che egli riteneva che la Gioconda fosse una preda di guerra e non – com’è vero – un acquisto compiuto dal re di Francia dopo la morte di Leonardo. Comunque sia, il quadro tornò a Firenze con Vincenzo Peruggia e qui fu recuperato. Per il Louvre staccarsi dal dipinto non è così semplice come pare. La saletta in cui è conservato il ritratto di monna Lisa Gherardini del Giocondo è meta di un incessante pellegrinaggio da parte del pubblico, che sfila rapidamente nella galleria italiana, senza prestare attenzione agli altri capolavori – anche di Leonardo – che stanno alle pareti, per raggiungere, in fondo alla galleria corridoio, il mitico quadro, protetto da una teca a prova di bomba. Il comitato aveva anche ipotizzano un prestito simbolico brevissimo. I francesi hanno tergiversato, facendo scadere l’anniversario del 2013 e hanno dato risposta negativa.

‘Sensibile al vostro desiderio di favorire l’accesso dei capolavori dell’umanita’ al piu’ grande numero possibile di persome – scrive il direttore generale Vincent Berjot a Vinceti, responsabile del Comitato – mi dispiace tuttavia di non poter dare un seguito favorevole alla vostra richiesta. Come voi stesso sottolineate, il prestito di quest’opera insigne avverrebbe ponendo moltissime difficoltà tecniche. Piu’ fondamentalmente, questo quadro e’ indissolubilmente legato all’immagine e alla reputazione internazionale del museo del Louvre, che accoglie ogni anno piu’ di 8 milioni di visitatori, venuti dalla Francia e dal mondo intero, che non capirebbero se quest’opera venisse loro sottratta”.

Attorno a questo evento meditiamo sugli errori ripetuti degli italiani. A partire dalla dimenticanza iniziale, quando gli Stati che componevano il nostro tessuto nazionale, per distrazioni, crisi e sottovalutazioni già endemiche – non furono in grado di offrire a Leonardo le condizioni per la permanenza in Patria. Sicché lui accettò l’invito ad espatriare, giunto da parte del re di Francia.

 

SE GRADISCI I SERVIZI DI STILE ARTE, VAI ALL’INIZIO DELLA PAGINA E CLICCA “MI PIACE”

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Accoltellato il figlio di Tiziano. Tre moventi per un crimine. Investigare nel mondo dell’arte

Vita scandalosa e grandi opere di Leonor Fini, pittrice surrealista

Condividi
Tweet
+1
Condividi
WhatsApp