Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

I giardini meravigliosi da Monet a Bonnard. Cosa significano e perché diventarono imprescindibili

Condividi:

Seguici su Facebook e metti Mi Piace alla pagina di Stile Arte:

Il giardino multicolore e il verde dei parchi e degli spazi privati divennero centrali, nella poetica degli impressionisti. Fiori, donne, bambini, nella libertà gioiosa di una primavera eterna. I motivi di questa gioia di vivere, espressa nei quadri della fine dell’Ottocento e degli inizi del Novecento sono numerosi.

Il primo, sotto il profilo sociale, fu il benessere economico che, grazie al boom industriale, si estese a un numero maggiore di cittadini. Coltivare un giardino significava avere le risorse per rinunciare all’obbligo degli orti. Il piccolo Eden era uno degli status symbol delle classi dirigenti. Accanto a questo motivo fondamentale si aggiunsero numerosissime suggestioni culturali, tra le quali le immagini di fiori e piante dipinte dai pittori giapponesi, che andavano particolarmente di moda. Nuovi fiori – tra i quali le ninfee – giunsero in Europa e ogni famiglia benestante faceva a gara con gli amici e i parenti per creare i giardini più rigogliosi e colorati. Per le padrone di casa il giardino divenne il regno assoluto nel qaule manifestare la propria cultura estetica.
La luce nella notte e i giardini diffusi furono il simbolo della modernità che giunse ad esprimersi, di lì a poco, grazie a temi floreali, come nel Liberty e nelle arti della Belle époque. Gli impressionisti seppero cogliere la nouvelle vague del verde e le diedero una forma estetica, con luci e colori.

Il Giverny Museum of Impressionism offre un angolo unico in una mostra unica, piena di emozioni. La mostra cerca, infatti, di svelare – con circa cento quadri – la sensibilità dei pittori impressionisti e nabis nei confronti dei giardini che rappresentano. Mette inoltre a confronto le visioni contraddittorie e complementari di questi due celebri gruppi di artisti, da Auguste Renoir a Claude Monet e da Édouard Vuillard a Pierre Bonnard, in un raro confronto.

blank
blank
Claude Monet (1840-1926), Nymphéas avec rameaux de saule, 1916-1919.
Huile sur toile, 160 x 180 cm. Paris, lycée Claude-Monet, don de Michel Monet, dépôt au musée des impressionnismes Giverny, 2021, MDIG D 2021.1.1 © Paris, lycée Claude-Monet / photo : Jean-Charles Louiset

Il giardino, tema caro
agli Impressionisti
e ai Nabis

Nella seconda metà del XIX secolo, sotto la guida di Napoleone III, il barone Haussmann apportò durature allo sviluppo di Parigi, dotandola dei suoi famosi grandi boulevard, ma anche di spazi verdi. Pittori paesaggisti, gli impressionisti si ispirarono naturalmente ai nuovi parchi pubblici della capitale. A poco a poco, investono i propri giardini e il loro spazio intimo, di cui offrono una visione personale, a volte abitato dalle figure dei loro amici e familiari. I loro ammiratori e contestatori allo stesso tempo, i Nabis, riprenderanno il tema del giardino, svincolandosi dall’estetica impressionista.

Dal paesaggio al ritratto:
la rappresentazione
delle donne in giardino

La figura femminile nel giardino interessa un’intera generazione di pittori, che fondono i generi del ritratto e del paesaggio, con una visione a volte malinconica. Sotto il pennello di James Tissot, Alphonse Legros, Albert Bartholomé o anche Marie Bracquemond, sono rappresentati a distanza, spesso da soli, a volte in coppia, e il loro atteggiamento tradisce un’assenza, un’attesa o anche una fantasticheria. Sono spesso raffigurati immersi nei loro pensieri, chiusi nel loro mondo interiore che riecheggia lo spazio chiuso del giardino.

blank
Albert Bartholomé (1848-1928)
Dans la serre, vers 1881.
Huile sur toile, 233 x 142,5 cm. Paris, musée d’Orsay, don de la Société des Amis du musée d’Orsay, 1990, RF 1990-26
© RMN-Grand Palais (musée d’Orsay) / Hervé Lewandowski

Passeggiata nei giardini pubblici e giochi per bambini
Pittori della modernità e della vita quotidiana, gli impressionisti ei nabis si interessavano alle nuove piazze e giardini di Parigi. Édouard Vuillard e Pierre Bonnard catturano i camminatori che sfruttano questi spazi, siano essi tate e donne eleganti o bambini che si abbandonano ai loro giochi. Una partita a croquet in famiglia si svolge in un incantevole giardino, che Bonnard colloca fuori dalla città e dal tempo. Auguste Renoir cattura i movimenti gioiosi dei bambini che corrono e giocano a palla.

Giardini lussureggianti:
il rifugio degli impressionisti
e dei Nabis

blank
Claude Monet (1840-1926)
Jardin en fleurs, à Sainte-Adresse, vers 1866.
65 x 54 cm. Paris, musée d’Orsay, en dépôt au musée Fabre, Montpellier
© RMN-Grand Palais (musée d’Orsay) / Hervé Lewandowski

In mezzo a giardini abbondanti e indisciplinati, lontano dallo spazio urbano, il visitatore si immerge nel cuore dell’intimo rifugio dei pittori impressionisti e nabis. Nelle opere di Pierre Bonnard, Maurice Denis, Gustave Caillebotte e persino Claude Monet, sono il simbolo del benessere, della rinascita, di un’eterna primavera, che si riflette nel rigoglio della vegetazione. Gli artisti scivolano anche verso la sperimentazione di punti di vista immersivi in ​​opere a scopo decorativo, come il Parterre de Marguerites di Caillebotte o le rappresentazioni, di Monet, del suo stagno di ninfee.

Ritorno all’impressionismo
e annuncio dell’astrazione

Sfiducia nei confronti dell’impressionismo e della trascrizione della sensazione immediata: questo è ciò che ha caratterizzato i Nabis quando il gruppo si è formato nel 1889. Tuttavia, intorno al 1900, la loro cerchia si è dispersa e ciascuno è impegnato in esperimenti personali, che finiscono per riportarli indietro all’Impressionismo. Le prospettive diventano più classiche, lo spazio più profondo e la luce più diretta. Édouard Vuillard e Pierre Bonnard si annunciano come gli eredi dell’impressionismo, componendo contemporaneamente formati paragonabili a quelli di Claude Monet. Bonnard tende gradualmente a un’astrazione colorata, senza preoccuparsi del giusto o sbagliato, del centro o dei bordi, preparando già quello che la generazione americana del dopoguerra chiamerà all-over.

blank
Pierre Bonnard (1867-1947)
Crépuscule ou La Partie de croquet, 1892.
Huile sur toile, 130 x 162,5 cm. Paris, musée d’Orsay, RF 1985-8
© RMN-Grand Palais (musée d’Orsay) / Hervé Lewandowski

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
blank
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis blank   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto blank Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!