Home / Arte e superstizione / I segreti astrologici di palazzo Schifanoia a Ferrara
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

I segreti astrologici di palazzo Schifanoia a Ferrara

Francesco del Cossa, Settembre, Sala dei mesi, Ferrara, Palazzo Schifanoia.. Particolare: un decano del mese di aprile

Francesco del Cossa, Settembre, Sala dei mesi, Ferrara, Palazzo Schifanoia.. Particolare: un decano del mese di aprile

Le divinità, le stelle e gli uomini. Il ciclo dei mesi di palazzo Schifanoia, a Ferrara, costituisce un gigantesco apparato astrologico-celebrativo, che venne dipinto tra il 1469 e il 1470, con rapidità, da un gruppo di artisti locali, reclutati affinché fosse degnamente celebrata con una grande impresa pittorica la nomina ducale di Borso d’Este, giunta dal pontefice. L’investitura papale era infatti programmata per il 1471. La sala dell’ampio edificio doveva essere pronta al più presto.

Gli astrologi e gli eruditi di corte vennero pertanto chiamati a raccolta affinché fosse stesa la struttura sulla quale – forse con la consulenza esterna di Cosmé Tura, il principale pittore della città – gli artisti avrebbero dovuto lavorare, “portandola in scena” efficacemente.

I pittori, a quell’epoca, lavoravano molto spesso seguendo le indicazioni degli intellettuali, che stendevano i piani iconografici, in alcuni casi piuttosto complicati, come risulta quello di palazzo Schifanoia, il quale rivela l’intenzione di celebrare – e vedremo poi i meccanismi meno evidenti del dipinto – la perfetta sincronizzazione di Borso con il piano astrale e con le divinità dell’empireo classico. Benedetto dal Cielo, al quale prestava molta attenzione, scrupoloso amministratore di Ferrara – e pertanto garante della prosperità cittadina e dell’equità della giustizia -, Borso mostrava, in questo modo, di essere in grado di creare un perfetto accordo tra il piano della terra e quello del Cielo.
Qualcuno ipotizza che i disegni del ciclo siano stati realizzati da Tura, o comunque sottoposti alla sua attenzione; è certo il fatto che successivamente vennero trasposti su cartone e da qui trasferiti sulle pareti per la stesura pittorica finale da quella che fu definita, dal critico Roberto Longhi, “officina ferrarese”, un gruppo di artisti e di aiuti che si distinse per la capacità di costituire un reticolo espressivo prezioso, il quale, in alcuni casi, traeva origine persino dai disegni della gioielleria tardo-gotica, e che sotto il profilo iconografico era ricco di riferimenti all’astrologia e alla magia.
L’officina era piuttosto aggiornata stilisticamente; e, a quell’epoca, essere aggiornati significava trasferire nei dipinti la grande moda del recupero antiquario, con citazioni e rimandi all’architettura classica



– colonne, lesene, archi – e alle divinità del mondo pagano. Al tempo stesso, come dimostrano le opere nella Sala dei Mesi di palazzo Schifanoia, rimaneva nei dipinti il senso di fragrante magia tipica del gotico internazionale, quella favolosa ed elegante modalità narrativa originata da una stretta frequentazione dei codici cortesi.
La responsabilità della stesura dello schema decorativo complessivo e dei soggetti da rappresentare, nonché la sovrintendenza del cantiere andarono in particolare a un intellettuale che, a corte, godeva di grande fiducia, per erudizione e per conoscenza dei segreti astrali, il mantovano Pellegrino Prisciani, bibliotecario e astrologo ducale.
Il pianificatore del complesso oroscopo-dipinto partì, come dimostrò nel 1912 l’iconologo Aby Warburg, da testi che affondavano le radici nell’antichità. Warburg riuscì infatti ad indicare la perfetta sovrapponibilità del primo decano di Marzo – cfr il libro Arte e astrologia nel palazzo Schifanoja di Ferrara, dello studioso d’inizio Novecento, ripubblicato in questi mesi da Abscondita (92 pagine, 12 euro) – alla descrizione del cosiddetto Vir niger, offerta, nel nono secolo, dall’astrologo Abu Ma’sar. Una fonte astrologica che venne integrata dall’intellettuale di corte con la consultazione di altri testi, tra i quali le opere di Manilio e di Pietro d’Abano.
Ma qual è la struttura del gigantesco oroscopo ferrarese? Il lavoro si sviluppa come un’ampia fascia tripartita che scorre sulle pareti. La lettura del dipinto va affrontata verticalmente. Ogni riquadro, con quelli sottostanti, si riferisce a un mese. Ma vediamo di entrare meglio nelle tre fasce.

Il mese di settembre, dipinto da Ercole de' Roberti. Qui vediamo bene le tre fasce sovrapposte di dipinti che vanno lette verticalmente, combinandone i segni. Nella fascia alta è indicata una divinità pagana che presiede il mese e ne inclina la natura. Nella fascia centrale sono raffigurati i decani, figure intermedie che caratteriiano una parte del mese. Nella parte inferiore triviamo le attività che vanno correttamente svolte in quel periodo. Borso, il committente, sottolinea, in questo modo che ogni attività del proprio Stato si svolge in perfetto accordo con il Cielo

Il mese di settembre, dipinto da Ercole de’ Roberti. Qui vediamo bene le tre fasce sovrapposte di dipinti che vanno lette verticalmente, combinandone i segni. Nella fascia alta è indicata una divinità pagana che presiede il mese e ne inclina la natura. Nella fascia centrale sono raffigurati i decani, figure intermedie che caratterizzano una parte del mese. Nella parte inferiore troviamo le attività che vanno correttamente svolte in quel periodo. Borso, il committente, sottolinea, in questo modo che ogni attività del proprio Stato si svolge in perfetto accordo con il Cielo

Francesco del Cossa, Settembre, Sala dei mesi, Ferrara, Palazzo Schifanoia. Evidente nel dipinto le diverse inclinazioni del mese di aprile. Ogni decade è presieduta da stelle-decani e divinità. Ogni dieci giorni cambia pertanto l'attività da svolgere in terra, in modo proficuo. Le opere umane occupano la fascia più bassa dell'opera

Francesco del Cossa, Settembre, Sala dei mesi, Ferrara, Palazzo Schifanoia. Evidente nel dipinto le diverse inclinazioni del mese di aprile. Ogni decade è presieduta da stelle-decani e divinità. Ogni dieci giorni cambia pertanto l’attività da svolgere in terra, in modo proficuo. Le opere umane occupano la fascia più bassa dell’opera

Nella parte superiore, gli artisti hanno dipinto le cosiddette scene dei Trionfi, attraverso le quali hanno raffigurato la principale inclinazione del mese (o forse sarebbe meglio dire del segno astrologico che presiede alla funzione del mese stesso). Prendiamo il caso del mese dell’Ariete (aprile con sconfinamento in maggio). Esso ricade sotto la sfera di Venere. Ogni cosa che avverrà in quel periodo sarà improntata all’amore. Ma quale amore? Le figure della fascia sottostante, relative ai decani – 36 divinità della tradizione egizia che avevano il compito di trasportare i pianeti e di inviare i demoni nel mondo -, facevano comprendere all’osservatore in grado di penetrare i segreti dell’astrologia che non tutte e tre le settimane ricadenti sotto la giurisdizione di Venere erano dotate delle stesse caratteristiche. I decani modulavano infatti l’inclinazione delle divinità presenti nella fascia sovrastante, fornendo nuove sfumature rispetto agli influssi celesti sul mondo.



La fascia inferiore è dedicata al piano del presente. In molte raffigurazioni appare il Duca Borso, mentre amministra la città o incontra ambasciatori, o, ancora, mentre parte per la caccia. Sullo sfondo troviamo la citazione iconografica di edifici antichi e, al tempo stesso, secondo la tradizione degli affreschi o dei libri dei mesi e delle ore, di matrice medievale e gotica, vediamo descritta l’attività del popolo nel corso del mese preso in esame. Gli affreschi, come dicevamo, avevano allora la funzione di dimostrare che dal potere di Borso traeva origine la prosperità del territorio e che ogni sua azione si presentava in perfetta armonia con le vibrazioni celesti.

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE” ALL’INIZIO DI QUESTA PAGINA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

 

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni:
MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri
 

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

      FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland

Old Holland: Colori - Qui trovi una selezione di colori a olio

WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg

Williamsburg olio Signature colori Set - Prezzo: EUR 63,70 + EUR 11,77 di spedizione

WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON

Winsor & Newton Winton Oil Assortimento 10 Tubi 37 ml Assortiti - Prezzo consigliato: EUR 51,30 Prezzo OFFERTA: EUR 43,90 | Spedizione 1 giorno Risparmi: EUR 7,40 (14%) Tutti i prezzi includono l'IVA.

REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Il Figliol prodigo nell’arte – Piaceri sfrenati sulla tela per assecondare i cinque sensi. I quadri

Finestre, vetri, labirinti di luce lattiginosa. Il pittore esistenzialista che precedette Hopper. Il video