Home / Aneddoti sull'arte / I segreti carnali della Piccola ballerina quattordicenne di Degas. Il rapporto con il pittore
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

I segreti carnali della Piccola ballerina quattordicenne di Degas. Il rapporto con il pittore

Edgar Degas, La lezione di danza (1873-1875); olio su tela, 85×75 cm, museo d’Orsay, Parigi. Particolare di Marie van Goethem.

Autoritratto di Degas

Fu interesse artisticamente ossessivo da parte di Degas per Marie Van Goethem, una bambina che, pur sognando di solcare il pavimento dell’Opéra di Parigi, finì per essere oppressa dall’emarginazione e dalla solitudine. Il pittore fu colpito dalla fatica, dal dolore e dalla speranza dell’adolescente? Sviluppò un senso di protezione in grado di trasformarsi in un rapporto sentimentale, nonostante la differenza d’eta? Fu attratto da quella che si può supporre come una particolare espressività della bambina?


La presenza di Marie nell’atelier e nelle opere del pittore ha portato a incrociare alcuni dati e ad approfondire le ricerche su un legame che poteva essersi creato tra i due. Questo non tanto per aggiungere un lato proibito alla biografia di Degas (1834-1917), ma per capire un aspetto legato all’empatia e alla lettura dei problemi sociali di quell’epoca e per meglio comprendere il reale milieu delle scuole di ballo nella Parigi della Belle époque. Certo quei centri di preparazione non erano precipuamente finalizzati alla salute psico-fisica della bambine, ma principalmente avevo lo scopo di formare danzatrici per i grandi teatri; non tutte, naturalmente, riuscivano a far carriera. Così molte finivano in locali meno ortodossi sotto il profilo dello spettacolo. Le allieve dei corsi non erano quindi composte socialmente dall’elite, ma, in maniera prevalente, da allieve che cercavano di uscire dalle difficoltà economiche della famiglia d’origine, per preparare una fulgida carriera. In molti casi la strada era troppo impegnativa. Non si giungeva ai palchi maggiori. E si metteva a frutto il proprio bagaglio tecnico in ben altri teatri. Il pittore impressionista – siamo su una linea tutta dedicata agli interni della modernità e all’analisi dei problemi sociali, contro il lato Monet, aperto al paesaggio e alla veduta – seguì con particolare interesse una di loro, Lei era Marie Van Goethem.  Nata il 7 giugno 1865 a Parigi da due immigrati belgi – il padre era un umile sarto, la madre lavandaia – era cresciuta nel quartiere di Notre-Dame de Lorette, un luogo caratterizzato da un forte degrado sociale, che accresceva i tassi di criminalità e di prostituzione. Già da piccola Marie ambiva a diventare una ballerina: la danza, per lei, era una potente sorgente di vita e di gioia, in grado di vincere il dolore suscitato dall’alcolismo della madre e dall’egoismo delle sorelle. Decisa ad inseguire il proprio sogno, nel 1878 Marie iniziò a seguire le lezioni della scuola dell’Opéra di Parigi e, dopo solo due anni, superò l’esame di ammissione al corpo di ballo superiore, facendo il suo debutto sul palcoscenico nello stesso anno. Inevitabilmente Marie, divenuta ormai un’adolescente, incontrò all’Opéra Edgar Degas, pittore notoriamente appassionato al mondo del teatro e disposto a pagarla come modella per le proprie opere. La petite danseuse divenne in breve tempo la modella prediletta da Degas, sia nell’ambito della pittura che nella scultura. Lui aveva 45 anni, lei 14. E’ lei infatti la ragazza che appare in tante opere, anche di abbozzo o di studio, e che è stata modella della Piccola danzatrice di quattordici anni (Petite danseuse de quatorze ans) un’opera in cera realizzata dal pittore Edgar Degas, dalla quale sono poi state eseguite varie sculture bronzee esposte oggi esposte in varie gallerie in tutto il mondo.

I quattordici anni erano il periodo più difficile per una adolescente e, soprattutto, per una ballerina. Accanto alla perdita del respiro dell’infanzia e al caos della pubertà, la giovanissima Marie doveva affrontare una porta sempre più stretta che avrebbe potuto portare al palcoscenico agognato. Ma non ci volevano distrazioni, così frequenti, invece, negli allettamenti o nel male conclamato, provenienti dal suo ambiente d’origine. Degas coglie così una giovanissima nel momento del tormento. Il tutù, i veli, gli abiti da palco sognanti non nascondono la paura, il disagio, il dolore o il distacco di Marie all’apparir del vero. E quant’egli contribuì chiamandola a fare la modella o, forse, trasformandola in una piccola amante, a distoglierla dal progetto?

BenQ Digital Camera

Dopo l’esecuzione della scultura Ballerina di quattordici anni, l’impegno di Marie per la danza si fece più discontinuo, sino a cessare del tutto e alla fine la ragazza accumulò così tante assenze che non fu più ammessa alle lezioni di balletto. Marie si abbandonò al vizio e all’alcol, individuandovi l’unico mezzo per evadere dalla sofferenza e dalle difficoltà della vita, e iniziò a frequentare osterie tutt’altro che raccomandabili per delle giovani ragazze, come la Rat Mort e la Taverna Martiri.



Il suo sogno di diventare étoile era ormai naufragato e, istigata dalla madre, iniziò probabilmente a prostituirsi. Dopo la scomparsa del suo nome dai registri dell’Opéra di Parigi di Marie van Goethem e delle sue tribolazioni si è persa ogni traccia: la documentazione pervenutaci ci rivela solo che la sorella maggiore Antonietta venne incarcerata per aver rubato settecento franchi da un avventore di una taverna e che la stessa Marie pure venne arrestata per aver tentato di borseggiatore uno dei suoi clienti. Le burrascose vicende esistenziali di Marie van Goethem, in ogni caso, hanno ispirato diversi scrittori, i quali le hanno dato vita letteraria in opere come The Painted Girls di Cathy Marie Buchanan e Marie, Dancing di Carolyn Meyer.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni: MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri  

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg  WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Le beffe di Tintoretto, le pubblicità di Canaletto sui primi giornali

Tatuaggi, arte da Biennale. L’antologia dei tatoo che sfruttano la forma delle natiche. La donna-piovra

Condividi
Tweet
+1
Condividi
WhatsApp